AGGRAPPARSI ALLE PAROLE (Psicoradio)

Scrittura e psicoterapia nell’esperienza di Grazia Verasani 

 

“Scrivere fa sempre bene, soprattutto in questa fase in cui c’è bisogno di raccogliersi, pensare e sfogarsi. La scrittura è terapia. Ma confesso che adesso faccio molta fatica perché scrivere ha anche bisogno di tranquillità, mentre invece da un anno siamo tutti fissati, quasi come un fermo immagine, in un’attesa che si prolunga indeterminatamente”.

 

DA psicoradio@gmail.com

 

A  menteinpace@libero.it  

 

 


Grazia Verasani, scrittrice e sceneggiatrice, si racconta a Psicoradio, in una riflessione che passa dal legame tra letteratura e salute mentale fino all’esperienza personale della depressione.

Autrice di racconti e romanzi noir, tra i quali la serie dedicata alle vicende dell’investigatrice privata Giorgia Cantini, protagonista del celebre Quo vadis baby? e dell’ultimo lavoro
Come la pioggia sul cellofan, Verasani ha affrontato in più occasioni i temi della psiche. Lo ha fatto con il suo spettacolo teatrale From Medea, incentrato sul tema dell’infanticidio, e nei monologhi Accordi minori dedicati ad artisti come Amy Winehouse, Kurt Cobain, Mia Martini o Luigi Tenco, accomunati da un’esistenza tormentata da problemi la depressione.

Verasani ci dice di aver affrontato lei stessa in passato “un tracollo” e di averlo superato grazie al supporto psicoterapeutico e farmacologico di uno specialista che l’ha “risollevata da una depressione molto forte”. La scrittrice ricorda il suo timore, quando le sono stati prescritti i farmaci:  “ho sempre avuto paura delle dipendenze, ma ho dovuto prendere le misure con un regime terapeutico che insieme a una adeguata psicoterapia, prevedeva anche una dipendenza dal farmaco." Racconta: “Nel mio caso mi ha proprio salvato la vita. Quando ho cercato un aiuto non avevo più voglia di vivere. Sono stata molto fortunata. Sono stata curata con un uso modico di farmaci, con uno psichiatra che si è preoccupato molto del fatto che mantenessi sempre lucidità, che era fondamentale per la mia creatività”. 

E proprio in un momento depressivo come quello attuale Verasani consiglia di aggrapparsi alle parole come forma di terapia, anche semplicemente tenendo un diario, se trovare idee per un progetto più strutturato può risultare difficile. Per questo, conclude la scrittrice, è grave che “non si parli mai o quasi mai degli effetti psichici e neurologici di questa prigionia, di questa vita che è una sorta di camicia forzata in cui siamo delimitati e controllati. Sono strategie che alla lunga diventano disumanizzanti. (…) Credo che ci ritroveremo molto acciaccati. Penso anche alle categorie a me più affini, come i musicisti e gli artisti, che non lavorano da un anno. Ma tutti ne usciremo a pezzi; bisognerà saper ri-costruire di nuovo”.

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 93203

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 59

Dati aggiornati

al 09-04-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

 MARIAPIA VELADIANO

ADESSO CHE SEI QUI

Guanda Editore

 

Incontriamo zia Camilla sulla piazza di un piccolo paese non lontano dal lago di Garda e dal corso dell’Adige. Per le borsette e i cappellini tutti la chiamano la Regina, e in effetti nel portamento assomiglia alla regina d’Inghilterra, con qualche stranezza in più. Qualcuno l’ha fatta sedere sulle pietre della fontana dove la raggiunge la nipote Andreina, e un pezzo di realtà di zia Camilla si ricompone. È l’esordio, così lo chiamano, di una malattia che si è manifestata a poco a poco, a giorni alterni, finché il mondo fuori l’ha vista e da quel momento è esistita per tutti, anche per lei. Zia ­Camilla è sempre vissuta in campagna tra fiori, galline e gli amati orologi, nella grande casa dove la nipote è cresciuta con lei e con zio Guidangelo. Ora Andreina, che è moglie e madre mentre la zia di figli non ne ha avuti, l’assiste affettuosamente e intanto racconta in prima persona il presente e il passato delle loro vite. Una narrazione viva ed energica, come zia Camilla è sempre stata e continua a essere. Intorno e insieme a loro, parenti, amiche, altre zie, donne ­venute da lontano che hanno un dono unico nel prendersi cura, tutte insieme per fronteggiare questo ospite ineludibile, il «signor Alzheimer», senza perdere mai l’allegria. Perché zia Camilla riesce a regalare a tutte loro la vita come dovrebbe ­essere, giorni felici, fatti di quel tempo ­presente che ormai nessuno ha più, e per questo ricchi di senso.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI