LA FRAGILITÀ È LA VERITÀ DELLE NOSTRE VITE (Maria Pia Veladiano)

Tutto qui

 

 

È incomprensibile come ci sorprenda la fragilità. Eppure siamo intessuti di fragilità. Ci ammaliamo, anche da giovani, anche da bambini. Si cade. Ci si dimentica. Ci sbagliamo. Siamo capaci di tradire. Veniamo traditi. A volte le forze, fisiche e psichiche, vengono meno. Ma teniamo, come dire, sotto orizzonte tutto questo, li consideriamo incidenti di un percorso luminoso e ben difeso. Difeso dalla consapevolezza, perché la fragilità è ovunque, e bisogna soprattutto impegnarsi per non vederla. Ci sono i timidi a scuola. “È timido” sembra una malattia da curare, si convocano i genitori, si dà un voto in meno in condotta perché lo studente non interviene, non si ha la pazienza di aspettare la risposta, di incoraggiare a essere quello che si è. E poi si continua col chiamare sfigati quelli che non si fanno valere, con l’allontanare la povertà dalle piazze per motivi di decoro, e poi le malattie dentro gli ospedali, i vecchi nelle case di riposo. Via dagli occhi, via via. Quel che non si vede non c’è. E così quando la fragilità si impone, nella forma di una torsione lancinante del nostro sguardo, costretto a vederla negli occhi sgomenti di chi amiamo, che non ci riconoscono, non riconoscono proprio noi, figli, mariti, affetti carissimi, allora almeno per un momento siamo fermi, un momento in cui dobbiamo decidere se questa volta vogliamo ancora scappare oppure se della nostra vita può far parte quella verità assoluta che è la sua fragilità.

C’è questa idea, mito, folle autoconvinzione che la vita sia vita solo se si riesce a ignorare la sua fragilità. Ma la fragilità, con tutto il suo disordine, è la verità delle nostre vite. La vita è sempre fragile e disordinata. Ecco la verità. I ragazzi a scuola sono fragili e disordinati. Ce lo ricordano ogni giorno con la forza del loro essere nuovi e noi ne abbiamo paura. ecco perché chiediamo una diagnosi. La diagnosi ci rassicura. È circoscritta la diagnosi. È un problema che va risolto con interventi dispensativi o compensativi.

La risposta giusta sarebbe: “È lui signora, tutto qui”. Invece preferiamo che sia malato, disturbo dell’attenzione, possibile lieve dislessia, possibile lieve disturbo dello spettro autistico, perché pensiamo di poterlo curare o di poter accusare i dottori, la scuola, il mondo.

Tutto qui.

 

 

 

Tratto da:

 

Maria Pia Veladiano, Adesso che sei qui, Ugo Guanda Editore, Milano, 2021, pagg. 182-183

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 130.075

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 75

Dati aggiornati

al 22-5-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Alberto Arnaudo

POST COVID

Edizioni

Progetto & Cultura

 

Sono andato in pensione l’1 marzo del 2020. E, invece della tanto agognata libertà del “finalmente faccio quello che voglio quando voglio”, mi sono ritrovato tre mesi di arresti domiciliari!  
Così ho cominciato a buttar giù schizzi di sensazioni, brevi storie che riecheggiassero le esperienze straordinarie che tutti stavamo facendo in quel periodo, da pubblicare sulla mia pagina Facebook, per condividere emozioni e “tenere memoria” di quanto stava avvenendo: una condizione talmente fuori dal normale che, una volta superata l’emergenza, potrebbe essere rimossa e magari in gran parte dimenticata. Ma della quale sarebbe bene non scordare mai quel che ci ha tolto, insieme a ciò che ci ha insegnato. 

L'autore
Alberto Arnaudo, medico, ha diretto il Servizio di Patologia delle Dipendenze (SerD) di Cuneo fino al 2020. In pensione, si dedica ad attività di formazione nel campo delle Addiction, e può coltivare con maggior tranquillità la sua passione per la letteratura. 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI