LA CONSAPEVOLEZZA DEL MALE (M. Said)

DA varieventuali@rossetorri.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

A volte ci si domanda perché di fronte a una notizia la nostra mente elabora frasi come “Perché la gente è così?”, “Perché ha esagerato fino a quel punto?”, “Ma non c’erano altre soluzioni?”, “vicino a me non succedono queste cose…” e nel peggiore dei casi “Per fortuna queste cose succedono agli altri.” Notizie di persone che uccidono altre persone, casi insostenibili di persone che liberano il peggio di loro stessi per reagire a situazioni gravi, di qualsiasi tipo e casi peggiori di quando, per motivi futili, si perde la testa e si uccide.
Nel loro cammino moltissime di queste persone non comprendono a cosa vanno incontro e non vedono la prigione nel loro cammino. Vite finite o spezzate, non pensano, sembra quasi che un demone abbia preso la loro vita con tutta la forza per spingerli a compiere questi atti.

Questa può essere una delle consapevolezze necessarie: riconoscere quando sale il demone che vuole farci essere impulsivi, violenti, cattivi.

Sì, è una storia molto esoterica, ma se tutti dicono di non essere cattivi, perché tutto d’un tratto il loro sangue cambia e diventa cattivo? Non è colpa del sole. È una questione di consapevolezza, di conoscere se stessi. Un vero cattivo non nasce cattivo, lo diventa, per reazione, per attitudine alla criminalità ( anche qui è considerata reazione per via del fatto che se tutti guadagnassimo bene e lavorassimo non ci sarebbe la criminalità..), per virtù della propria nobiltà d’animo, così dicono.. siamo belli, dolci alla nascita ma sembra che alcuni non resistano all’istigazione.

L’istigazione è anche il vero problema. Non fare agli altri ciò che non vuoi che ti sia fatto. È la regola fondamentale per la convivenza. Siamo già sulla buona strada, come dicono, avremo solo buone cose.

Cioè secondo voi siamo già all’apice dell’evoluzione della nostra civiltà?
Se fossimo tutti civili adesso con una pandemia di questo tipo nessuno avrebbe brutti pensieri, e saremmo contenti di stare a casa al sicuro in attesa dei vaccini.

 

M.Said

 

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a   redazione.lafenice@varieventuali.it oppure accedi a Facebook alla pagina la fenice – il giornale dal carcere di Ivrea

 

Tratto da: http://lafenice.varieventuali.it/?p=902

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI