IL DOMICILIO COME SETTING DI CURA (Michela Perrone)

Regioni e singole aziende sanitarie hanno problemi e sfide particolari, ma per riuscire a raggiungere la continuità assistenziale e superare l’organizzazione ospedalocentrica del Ssn, servono indicazioni comuni a tutti, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti organizzativi. È questa la richiesta comune dei manager che hanno partecipato al Sanitalk di Sanitask dedicato al domicilio come setting di cura.

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

 

A  menteinpace@libero.it

 

29 APR - Da molti anni in Italia si parla di uscire dalla concezione ospedalocentrica della sanità potenziando maggiormente il territorio e puntando sulla continuità assistenziale. L’ultimo anno e mezzo ha portato alla luce tutti i problemi irrisolti e si è imposta sempre più la necessità di gestire il paziente al suo domicilio, almeno per quanto riguarda la fase cronica della malattia.

Facile a dirsi, un po’ meno a farsi. Un panel di esperti si è confrontato sulla questione durante il IV Sanitalk dedicato al “domicilio come setting di cura”.

 

PER VISUALIZZARE IL VIDEO CON IL DIBATTITO ON LINE

CLICCA QUI

 

Per Pier Luigi Bartoletti, vice segretario nazionale vicario Fimmg (la Federazione italiana medici di medicina generale), “la pandemia ha reso evidente anche carenze di regioni per altri aspetti virtuose, come la Lombardia, nella gestione della domiciliarità. Dal mio punto di vista ha funzionato il rapporto di fiducia tra medico e paziente, ma la medicina generale non è stata abbastanza pronta a reagire, come del resto l’intera organizzazione sanitaria”. Per Bartoletti “servono strumenti di gestione ma anche responsabilità chiare per la medicina generale: finora abbiamo amministrato il territorio, adesso lo dobbiamo gestire”.
 
Sebbene il Piano di ripresa e resilienza (Pnrr) dedichi ampio spazio al territorio, Dario Manfellotto, presidente Fadoi (la Federazione delle Associazioni dei Dirigenti ospedalieri internisti), ha sottolineato come “Paesi con una tradizione territoriale più sviluppata della nostra hanno avuto gli stessi problemi. Forse abbiamo una concezione vecchia di territorio, che andrebbe ripensato con una chiave diversa”. Nel Pnrr si parla della costituzione di Case di Comunità: “Che cosa significa? Come saranno organizzate? Se la gestione sarà solo infermieristica, chi si occuperà della parte clinica? Queste sono alcune delle domande cui dovremmo provare a rispondere”.

 
Quali sfide

 

Luca Baldino vicepresidente Fiaso (la Federazione italiana Aziende sanitarie e ospedaliere) e Dg dell’Azienda Usl Piacenza ha evidenziato come, dal suo punto di vista, l’Italia si sia spaccata in due nella gestione della seconda ondata: “Se escludiamo la prima che ha preso un po’ tutti di sorpresa, nella seconda abbiamo visto che ha reagito meglio chi era storicamente più forte a livello territoriale. Noi per esempio abbiamo attivato la gestione sul territorio del paziente, con la collaborazione delle Usca, dei mmg e delle Case della salute. Facendo questo, abbiamo registrato un impatto sull’ospedale molto inferiore rispetto alla prima ondata”. Per riuscire a mettere in campo queste azioni, però, servono risorse e serve organizzazione. “È necessario anche un certo tipo di atteggiamento culturale – ha affermato l’esperto – Uno dei problemi che noi Dg abbiamo avuto in passato è far capire anche all’esterno, per esempio ai sindaci, che la sanità non è solo ospedale. La sfida è duplice: da una parte sistematizzare quello che già c’è, dall’altra sviluppare contenuti nuovi che possano essere mantenuti anche nella fase post-Covid”.
 
Paolo Da Col, responsabile del Centro studi Card e Direttore sanitario Rsa Casa di Cura Igea di Trieste ha alzato ancora di più l’asticella: “In futuro dovremo riuscire a implementare le cure domiciliari anche per quello che riguarda la fase acuta della malattia. Per questo è necessaria per esempio un’alleanza con il network della non autosufficienza. La continuità non è nell’assistenza, ma nella buona cura: il persone della home care deve essere altamente qualificato e la digitalizzazione deve essere spinta. In questo momento la tecnologia è prontissima, ma manca l’organizzazione. Serve un cambio di passo culturale e meno interesse particolare di categoria”.


Uniformare il territorio

 

Arturo Cavaliere,presidente Sifo e direttore della Farmacia dell’Asl di Viterbo ha affrontato il nodo della distribuzione dei farmaci, “che in Italia segue modelli fortemente disomogenei. Non investire nella logistica e nei sistemi distributivi mettendo in rete i servizi significa compiere un errore grave”. La Sifo sta mettendo a punto un sistema di home delivery basato su una digitalizzazione accessibile all’intero team multidisciplinare che prende in carico un paziente. “Si tratta di un modello che va calato nelle Unità operative per la gestione della cronicità”, ha evidenziato Cavaliere.


Carlo Bottaro vicepresidente Federsanità e Dg dell’Asl 3 di Genova ha ricordato che “per quanto riguarda la telemedicina abbiamo situazioni molto diverse dentro stesse regioni, ma anche all’interno delle stesse aziende. Ho notato che laddove ci sono professionisti con un’età media più bassa è più facile riorganizzare il lavoro. Non è un percorso facile, ma serve un disegno di fondo nazionale che andrà poi adattato a ogni singola realtà”.
A questo proposito Luca Baldino ha ricordato che “l’innovazione ha due momenti: quello in cui viene creata e quello in cui viene diffusa. Consentire sperimentazioni diverse, soprattutto in questa fase, lasciare un po’ di libertà, può essere utile. A questa deve però seguire una seconda fase in cui viene fatto ordine e si selezionano le sperimentazioni migliori per diffonderle in modo omogeneo all’intero territorio nazionale”.
 

Michela Perrone

 

Tratto da:

 

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=95075&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.072

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 26-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI