LA PANDEMIA, I FIGLI E GLI PSICOFARMACI: RIFLESSIONI (Claudio Burgio)

LA PANDEMIA, I FIGLI E GLI PSICOFARMACI. NON SOFFOCARE I GIOVANI FRAGILI

 

DA news.alcologia@gmail.com

 

A  menteinpace@libero.it  

 

È bastato un piccolissimo virus – «un bastardino infettivo frutto di chissà quale anomalo incrocio», come lo definisce Pierangelo Sequeri – a interrompere l’incantesimo nascosto dietro la pretesa tecnocratica: la retorica del progresso tecnologico che ci rende più liberi e più autosufficienti si è disintegrata di fronte all’evidenza della vita reale in tutto il suo dramma. Abbiamo a lungo tenuto lontani i nostri figli dalla possibilità della debolezza, della fragilità e della morte, trasmettendo loro piuttosto la sicurezza dell’uomo che non deve chiedere mai, la forza di un ottimismo centrato sull’«andrà tutto bene» come parola d’ordine.

I nostri ragazzi sono cresciuti nel mito della prestazione, del risultato a tutti i costi, nella narrazione del self made man, dell’uomo che si realizza da solo, nello stile predatorio di chi per emergere deve schiacciare qualcun altro, nella logica della competizione e dell’accumulo che non prevede indietreggiamenti o ripiegamenti su ferite e sofferenze che devono rimanere perfettamente invisibili. Poi, all’improvviso, arriva questo bastardino infettivo e interrompe l’incantesimo. E ci ritroviamo con figli angosciati, incapaci di far fronte alla durezza della realtà, di colpo presi da disturbi sempre più evidenti, dall’insonnia all’autolesionismo. Come si curano le ferite ormai visibili della pandemia?

Accuditi con la didattica a distanza nella speranza illusoria che basti a colmare il vuoto scolastico, i nostri ragazzi si sono trovati improvvisamente esposti a solitudine e a sofferenza impreviste. Spesso abituati ad automedicarsi con le sostanze psicoattive, molti adolescenti avvertono l’angoscia di chi non è mai stato educato ad affrontare il dolore e la possibilità della morte.

La malattia mentale corre veloce quanto il virus. Se la pandemia ha fatto emergere l’aumento dei casi di ragazzi con disturbo psichiatrico, il ricorso immediato alle cure farmacologiche è sembrato agli esperti del settore e a molti genitori il rimedio a tutti i mali. Ho visto con sorpresa prescrivere e somministrare psicofarmaci con una facilità disarmante, come caramelle: una pillola per ogni ferita interiore.

È triste vedere un ragazzo di 14 anni o poco più stordito e rallentato nei movimenti senza che alcuno abbia potuto prima dare ascolto al suo dolore interiore e conoscerne, nel tempo, la storia: adolescenti incapaci di reggere alla fatica del vivere perché mai abituati ad affrontare le frustrazioni anche minime e accompagnati spesso da ascolto superficiale e da parole banali. L’eccessiva medicalizzazione dei ragazzi sconcerta e mostra l’impotenza educativa del mondo adulto, incapace di trasmettere il senso del vivere e del morire. Non che il ricorso ai farmaci sia sempre inopportuno, ma in piena età evolutiva non credo sia la prima soluzione.

Nella mia esperienza educativa non pochi adolescenti hanno rifiutato l’intervento farmacologico e, nell’ascolto e nel dialogo, sono riusciti nel tempo a trovare serenità e una progettualità di vita all’altezza del loro dolore. Il tempo della tecnica ci impone la rapidità, l’immediatezza delle decisioni; il tempo dell’uomo richiede ancora, a mio avviso, la lentezza delle parole e il fluire silenzioso delle stagioni che alimentano il viaggio interiore. Per alleviare l’angoscia di un figlio non occorre una risposta impaziente e frettolosa di tipo farmacologico; serve piuttosto un lungo cammino insieme in cui – come suggerisce Eugenio Borgna – non si confondano la tristezza e la depressione.

La prima non ha bisogno d’altro che di ascolto, dialogo, cura della parola; la seconda rappresenta invece la svolta patologica che necessita (anche) di farmaci. La tristezza di molti adolescenti è in realtà la via privilegiata per riconciliarsi con le proprie ferite, per entrare seriamente nel proprio spazio interiore e nel silenzio dei propri vissuti; la tristezza non va 'immunizzata' da psicofarmaci che impedirebbero questo necessario scavo dentro di sé.

(...omissis...)

Claudio Burgio

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/non-soffocare-i-giovani-fragili

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

Tratto da:

http://www.cufrad.it/news-alcologia/bullismo-adolescenza/la-pandemia-i-figli-e-gli-psicofarmaci-riflessioni/40889

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 95455

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 70

Dati aggiornati

al 11-05-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

Francesco De Filippo

Maria Frega

Filosofia per i prossimi umani

Come sarà la nostra vita tra vent'anni secondo

letterati, storici, antropologi e climatologi

 

Giunti Editore

 

Se vi chiedessero all'improvviso: pensate a un'immagine che possa rappresentare la nostra realtà occidentale contemporanea, cosa vi verrebbe in mente? Forse una risposta azzeccata potrebbe essere quella di una comunità nevrotica, instancabile, ebbra di miliardi di connessioni, relazioni, produzioni, che corre disperatamente, ma priva di meta e senza avere uno specifico obiettivo. Ciò che manca in questa immagine è un orientamento, una consapevolezza, un senso; in una parola, filosofia. È il paradosso che serpeggia nelle nostre società: scarseggia non la materia di Socrate e Kant, considerata oggi disciplina antica, lenta, apparentemente incompatibile con i social, la genetica, le neuroscienze, i viaggi spaziali; ma ciò che da essa scaturisce: la capacità di critica, di riflessione e comprensione delle dinamiche sociali e della relazione tra l'essere umano e il contesto in cui trascorre la propria esistenza. Siamo alla vigilia di una nuova rivoluzione tecnologica e la necessità di "avvolgere" tutti i cambiamenti in un reticolo di nuovo umanesimo, si fa ancora più urgente. Potremmo dire che abbiamo individuato il paradosso dopo aver terminato il precedente volume Prossimi umani, una fotografia del mondo come sarà dal punto di vista scientifico-tecnologico. Un'incoerenza che questo nuovo libro tenta di risolvere con un approccio umanistico, nella convinzione che non solo scienziati ma filosofi, sociologi, giornalisti e letterati siano chiamati a rispondere a domande sul ruolo degli esseri umani in un mondo di macchine e robot, all'organizzazione da dare a comunità composte da uomini frutto di modifiche genetiche o neuronali, alle cautele da adottare per difendersi da un pianeta controllato da quattro o cinque technocorporations.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI