MI CAPISCI O SEI SORDO? (Claudia Manzi)

7,3 milioni di persone in Italia vivono un calo dell’udito. Eppure, solo il 30% decide di ricorrere all’ausilio di soluzioni acustiche (Euro Track, 2020).

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 


Come mai questa difficoltà? E come mai non si incontrano le stesse resistenze ad accettare e gestire eventuali situazioni di calo della vista?

Le cause sono molteplici e toccano ragioni di natura economica e culturale. Certamente, uno dei fattori che maggiormente incide è lo stigma associato al calo e alla cura dell’udito.
 
Ad ammettere di sentire meno bene ci si vergogna, ancora di più ad indossare un apparecchio acustico. Questo perché il calo dell’udito è vissuto come una vera e propria disabilità e spesso è associato al declino cognitivo. “Mi capsici o sei sorda?” è solo una delle tante espressioni che, in forma di battute apparentemente innocue, possono contribuire a perpetuare una visione stigmatizzante e negativa.


Ci siamo chieste quale ruolo avessero le parole nel contribuire a dare forma agli atteggiamenti che abbiamo nei confronti dell’ipoacusia. Grazie al sostegno del Centro Ricerche e Studi Amplifon, è stato realizzato un progetto di ricerca, condotto dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Milano e in collaborazione con Diversity & Inclusion Speaking© (start up che si dedica alla formazione e ricerca nel campo del linguaggio inclusivo). I risultati di questa ricerca sono stati recentemente pubblicati sul “Journal of Language and Social Psychology”, e presentati il 6 maggio, durante un evento organizzato all’Università Cattolica a Milano.

 
Nella prima fase della ricerca, si è analizzato come il tema del calo dell’udito sia rappresentato sui mezzi di informazione, analizzando oltre 650 articoli pubblicati sulla carta stampata e nel web in Italia, su due anni. Le analisi hanno evidenziato che, contrariamente a quanto atteso, il tema del calo uditivo in età anziana (presbiacusia) è sotto rappresentato sulla carta stampata, che si concentra nella trattazione di tematiche legate alla sordità o in generale alle situazioni di difficoltà uditiva nelle generazioni più giovani.
 
Insomma, proprio in quelle pagine che è probabile siano più frequentemente lette da persone di età avanzata, sembra che si abbia difficoltà a parlare di questo tema. Inoltre, il linguaggio maggiormente utilizzato dai mass-media, è quello tecnico, molto simile a quello che utilizzano i medici con i loro pazienti.


Una seconda fase della ricerca ha indagato quali fossero gli effetti di questo tipo di registro linguistico sulla formazione degli atteggiamenti (espliciti e impliciti) delle persone nei confronti dei dispositivi acustici. 190 perone (44% uomini) hanno partecipato ad uno studio sperimentale dove veniva manipolato il tipo di linguaggio utilizzato in un articolo di giornale. I risultati sono chiari: le persone che leggono un articolo che utilizza un linguaggio tecnico mostrano atteggiamenti più negativi rispetto a quelle che leggono un articolo su questo tema scritto in un linguaggio colloquiale (lo scarto raggiunge quasi il 17%).
 
Che le parole siano importanti, probabilmente lo sapevamo già. Ma che l’uso di un linguaggio tecnico-medicale, in particolare sui mezzi di informazione mass-mediale, possa contribuire a generare una visione patologica e disabilitante del calo dell’udito, allontanando le persone invece di avvicinarle alla ricerca di soluzioni, è stata una sorpresa. La soluzione, per chi è giornalista, sembra quindi essere a portata di penna o di tastiera.
 
Invece, rispetto a quelle battute che sembrano innocue, proviamo a pensare a come ci sentiremmo se, in presenza di un calo uditivo, ci venisse detto “Ma, mi capisci o sei sordo?!”.
 

Claudia Manzi
Docente di Psicologia Sociale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica, campus Milano

 

Tratto da:

 

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=95440&fr=n

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 111.325

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 85

Dati aggiornati

al 21-10-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 a cura di: SUSANNA CIELO, ANNA RITA MANUELLO, LUCA NOVARA

 

GLI ELEMENTI INVISIBILI DELLA CURA

Malattia mentale: quello che abbiamo imparato dalle famiglie

 

Primalpe edizioni

 

Con il Progetto Arcipelago siamo partiti con la DI.A.PSI. di Cuneo “in navigazione” con i familiari che si trovano ad affrontare sofferenze, problemi e ricerca di cura nel campo della malattia mentale. Per la pandemia ci siamo fermati a Cuneo, a riflettere, con i partecipanti al gruppo, su questo viaggio. Tante terre esplorate, tante storie. Ma è stato soprattutto dal viaggiare con le famiglie che abbiamo imparato. Ci sono “elementi invisibili” della cura su cui poter tracciare anche nuove mappe per la Salute Mentale.

 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI