IL FAREASSIEME NEI SERVIZI PER LE DIPENDENZE (Le Parole Ritrovate)

Come alcuni di voi avranno già memorizzato sabato 29 maggio ci sarà un incontro in videoconferenza sul tema

"Il fareassieme nei servizi per le dipendenze"

SABATO 29 MAGGIO 2021 ore 9.00 - 12.30

 

Per partecipare all'incontro potete collegarvi

al link https://meet.google.com/zwo-vrrs-noa

Per info leparoleritrovateliguria@gmail.com

In allegato la locandina con tutte le info e il programma della mattinata.

È una bella occasione per partecipare a un evento in cui sarà protagonista il SerT di Genova che in questi ultimi 2 anni è entrato a pieno titolo nel mondo di Parole ritrovate allargando così gli orizzonti del movimento a mondi che in passato non erano sufficientemente coinvolti. A sua volta Genova ha coinvolto i SerT di Brescia e Venezia e di una Comunità di La Spezia. E questo è un ulteriore passo per coinvolgere altre realtà dei servizi per le dipendenze. Bene!!!!! Un applauso ai genovesi!!!!

 

Sabato 22 il coordinamento nazionale è centrato soprattutto sull’organizzazione del Webinar, avventura complessa ma molto importante per offrire agli amici di Parole ritrovate e a quanti non ci conoscono ancora, ma che riusciremo a coinvolgere, la storia e l’approccio del nostro movimento anche in previsione della Conferenza nazionale sulla salute mentale prevista per il 25-26 giugno. Per questo sarà molto importante che tutti quelli che sono collegati a vario titolo al movimento, a partire da chi riceve queste mail, si impegnino, una volta definito nella data e nel programma il Webinar, lo diffondano al maggior numero di realtà che possono essere coinvolte e interessate.

 

Vi ricordo infine che oltre a impegnarci per far entrare al Tavolo ministeriale sulla salute mentale un congruo numero di utenti, abbiamo condiviso nei precedenti coordinamenti di avanzare una richiesta che al Tavolo siano rappresentato anche Le Parole ritrovate. Non essendo Parole ritrovate una Associazione formalmente riconosciuto ma un movimento, serve che altre Associazioni attestino i rapporti di condivisione esistenti. Questo è un passaggio fondamentale se vogliamo cercare di entrare al Tavolo e quindi chiedo a tutte le Associazioni/Enti/Realtà varie a noi vicine di compilare il format (vedi sotto).

 

Renzo De Stefani

Referente nazionale del Movimento

LE PAROLE RITROVATE

 

 

format per tavolo salute mentale ministero salute

Carta intestata/marchio

 

L’Ente/Associazione/Cooperativa………………………………..……………………………………

 

………………………..

 

con sede legale a………………………………………………………………………………………

 

a cui afferiscono n.………………….. soci e/o n. persone con disagio psichico…………………..

 

che esercita le seguenti attività prevalenti 

 

…………………………………………………………………………………………………………

 

…………………………………………………………………………………………………………

 

…………………………………………………………………………………………………………

 

…………………………………………………………………………………………………………

 

…………………………………………………………………………………………………………

 

collabora con il Movimento nazionale de Le Parole ritrovate di cui apprezza e condivide l’approccio

e le pratiche.

 

Per questo motivo ritiene importante che al Tavolo sulla salute mentale istituito presso il Ministero della Salute e coordinato dal dott. Fabrizio Starace vi sia un rappresentante del Movimento nazionale de Le Parole ritrovate in forza della sua storia ventennale in tema di protagonismo degli utenti e dei familiari e di iniziative di ‘fareassieme’ che hanno portato nel mondo della salute mentale italiana stimoli importanti che hanno fatto nascere in una molteplicità di realtà del nostro paese pratiche che hanno favorito percorsi di supporto tra pari, di valorizzazione del sapere esperienziale, di coprogettazione e di coproduzione, di recovery in senso ampio e lato.

 

Il Presidente/il Legale rappresentante

 

…………………………………………………………………………………

 

 

Luogo e data………………………………………………………………………………..

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.609

Dati aggiornati al 04-10-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Ivan Cavicchi

Oltre la 180
 
Castelvecchi editore

 

Sono passati più di quarant’anni da quando Franco Basaglia, coraggioso riformatore, ha realizzato il sogno di curare la malattia mentale senza i manicomi. La “sua” legge 180 doveva rivoluzionare l’intera cultura psichiatrica, ma la riforma del 1978 si è presto incagliata in ostacoli culturali, sociali, ideologici e organizzativi ed è ormai inadeguata nel fronteggiare i problemi della società contemporanea e dei nuovi malati. Ivan Cavicchi spiega perché il progetto di Basaglia è in realtà incompiuto e come la psichiatria sia ancora in larga parte da riformare, e propone di andare “oltre la 180”, rimuovendone le contraddizioni interne e sfondando il muro dell’apologia per evitare il rischio di regressività o di controriforma. Particolare attenzione va riservata ai professionisti sanitari che si occupano delle esistenze delle persone e dei loro “equilibri” nei contesti di vita e di lavoro, di ogni età e di ogni condizione sociale: un’adeguata riforma delle prassi degli operatori della salute mentale è infatti la più grande sfida del futuro della psichiatria e di tutta la medicina.

 

L’Autore

Ivan Cavicchi è filosofo della medicina, sociologo e antropologo; insegna all’Università Tor Vergata di Roma. 

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------