ELABORARE LA SEPARAZIONE IN UNA COPPIA (Giacomina Rienzo)

COME MI SEPARO? L’ELABORAZIONE DELLA PERDITA NELLA COPPIA

QUANDO UNA COPPIA ESAURISCE LA PROPRIA RELAZIONE AFFETTIVA DEVE ELABORARE IL LUTTO RELATIVO ALLA SEPARAZIONE ED ALLA PERDITA DEL RAPPORTO D'AMORE. PER EVITARE CHE IL DISAGIO SFOCI IN UN DOLORE PATOLOGICO.

 

DA redazione@psiconline.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

In psicoanalisi si chiama “lavoro del lutto” quel processo psichico che riguarda l’elaborazione della perdita. Il lutto si riferisce non solo alla morte, ma è lo stato psicologico che concerne una perdita, significativa per il soggetto, di un oggetto reale (persone, animali, cose) o simbolica (immagine sociale, status simbol). Il modo in cui ognuno di noi effettua questa elaborazione, può variare attraverso linee abbastanza definite.

Sigmund Freud studiò il lavoro del lutto e ne identificò le fasi. La prima fase concerne l’identificazione, la seconda il diniego, la terza l’accettazione e la quarta il distacco. All’inizio, infatti, vi è l’identificazione con l’oggetto perduto, seguita dalla negazione della perdita, ossia dal rifiuto di accettare che la separazione abbia avuto luogo. Infine, con l’accettazione, il soggetto ammette la perdita di modo da permettere il distacco e la possibilità di reinvestire l’affetto su un nuovo oggetto.

Queste quattro fasi sono riconoscibili ogni volta che una perdita avviene e il tempo richiesto per l’intero processo può variare, anche parecchio, da una persona all’altra. Nel caso in cui vi sia un blocco nel percorso di elaborazione, si ha disagio psichico. Disagio anche grave, e la conseguenza peggiore è la depressione.

 In questi casi, il soggetto resta legato all’oggetto e lo sente come una parte di sé senza la quale soffre e, nella depressione, non è possibile vivere. Non c’è accettazione della perdita e quindi non è possibile la scelta di un nuovo oggetto. E’ chiaro che il dolore diventa patologico.

Come accennato sopra, la perdita può riguardare diversi aspetti della vita: il lavoro, un luogo, un animale, uno status, o altri elementi di identificazione come una squadra sportiva, un gruppo politico.

Tuttavia l’aspetto più significativo nella vita di una persona, è la perdita di un oggetto d’amore.

Tutti noi abbiamo subito o causato una separazione. Ciascuno di noi è stato lasciato o ha lasciato un partner. In entrambi i casi, il processo di elaborazione del lutto (perdita) ha luogo, anche se, ovviamente, il lavoro sarà più lento, più doloroso e, soprattutto, energeticamente oneroso per chi non ha preso la decisione.

Chi viene lasciato è nella condizione delicata di dover superare la crisi che si è creata nel suo mondo psichico. Deve, quindi, affrontare il dolore in modo da non essere danneggiato e da riprendere il percorso interrotto, senza ferite aperte ma, anzi, arricchito psichicamente. Al punto che, dopo una separazione ben superata, la persona è cresciuta psichicamente e può anche aver rielaborato situazioni bloccate da tempo.

Vorrei confrontare due situazioni del percorso di allontanamento dall’oggetto d’amore, che ho riscontrato nel mio lavoro di psicoanalista.

Nel primo caso non si riesce ad elaborare il lutto: non si accetta la “morte”, e la persona viene “tenuta in vita”. Si continua a pensare al partner, non si stacca mai la mente, anche a distanza di anni.

Nel secondo caso, la persona , non essendo in grado di elaborare il lutto, non si mette mai (tranne ovviamente in caso di morte reale) nella condizione di doverlo affrontare.
Il soggetto, in questo caso, mantiene sempre il contatto con l’altro, tiene sempre aperto un canale di comunicazione. Il lutto non può mai iniziare davvero. Il riaggancio è sempre possibile e, di fatto, attuato.

Mentre nel primo caso la ferita è sempre aperta e il lutto è sempre in corso, nel secondo caso c’è una sorta di negazione continua e la separazione non è mai affrontata e psichicamente elaborata.

Rispetto alla prima situazione, dove la sofferenza è alta e lo stato depressivo costante, la persona è, in questo secondo caso, più serena

Nel primo caso, non avendo le capacità psichiche di elaborare il lutto, il soggetto non si stacca dall’oggetto d’amore, l’affetto resta vincolato. Le conseguenze sono piuttosto gravi. Vi è, infatti, la difficoltà, o spesso proprio l’impossibilità, di creare un legame nuovo. Non si può vincolare l’affetto ad un nuovo oggetto, investendo energia su di esso, proprio perché esso è rimasto agganciato al precedente.

Nel secondo caso, la situazione è più gestibile e la persona più serena, poiché l’affetto è, invece, quasi completamente svincolato dal vecchio oggetto d’amore. Si libera, così, per una nuova relazione.

La parte di affetto che resta legata all’oggetto precedente serve a “mantenerlo in vita”. La stragrande parte di affetto, però, è libera e quindi pronta a vincolarsi di nuovo dando inizio a una storia d’amore. Si tratta di una situazione di compromesso, sicuramente frequente, che può rivelarsi estremamente efficace per l’equilibrio psichico del soggetto.

Nel concreto, per dare un esempio, nella prima situazione, la persona penserà continuamente al partner, lo cercherà per convincerlo a ritentare, potrebbe persino, e non è raro, arrivare allo stalking.

Un lutto non elaborato, in questo modo, causa dolore, con il continuo tentativo di ripristinare lo status quo ante. Si succedono sogni e fantasie il cui tema centrale è il rapporto perduto. La speranza non muore, piuttosto cresce la rabbia nei confronti dell’ex. Rabbia che si alterna al rimpianto e al tentativo di ricontattare l’ex, di dichiarare l’immutato amore.

Nel concreto del secondo caso, la situazione può essere simboleggiata con il “restiamo amici”. Il soggetto -purché questo non implichi danni alla propria nuova vita, causando una crisi- mantiene rapporti amicali con l’ex. Ad esempio, può separarsi solo di fatto dal coniuge, può telefonare al vecchio amore per fare una chiacchierata amichevole, se possibile, o comunque mantenere sempre un rapporto aperto, senza mai troncare nettamente.

 

a cura della Dott.ssa Giacomina Rienzo

 

Tratto da: https://www.psiconline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16550:come-mi-separo-l-elaborazione-della-perdita-nella-coppia&catid=81

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.569

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 115

Dati aggiornati

al 27-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI