IL SUO NOME ERA MOUSSA BALDE (Lorenzo Zaccagnini)

Aggredito a Ventimiglia e rinchiuso nel Cpr di Torino. Ragazzo ventitreenne della Guinea si impicca in isolamento. Proteste dentro e fuori dal Cpr.

DA varieventuali@rossetorri.it

 

A  menteinpace@libero.it  

 

Si è impiccato il 22 maggio nel Cpr (Centri permanenza per il rimpatrio) di Torino in corso Brunelleschi, annodando le lenzuola in modo da formare una corda. Il giovane ventitreenne era un migrante proveniente dalla Guinea ed era stato vittima di un pestaggio, avvenuto lo scorso 9 maggio a Ventimiglia ad opera di tre italiani, attualmente denunciati a piede libero. Per via di un presunto tentativo di furto del telefono, i tre lo avevano inseguito e picchiato selvaggiamente con bastoni e tubi di gomma. Come se non bastasse, dopo esser stato dimesso dall’ospedale, trovato privo dei documenti, è stato trasferito e rinchiuso nel Cpr dove non ha ricevuto nessun tipo di aiuto o assistenza psicologica: è anzi stato messo in isolamento a causa delle misure di contenimento del Covid19 nella zona cosiddetta “Ospedaletto”, una stanza isolata priva di ambienti comuni, senza la possibilità di sapere del proprio destino.

 

Il suo nome era Moussa Balde, e nei primi giorni quasi nessun giornale che abbia trattato la notizia ha riportato il suo nome. Evidentemente non era molto importante.

Nel mentre la Procura ha aperto un’inchiesta e in molti hanno iniziato a fare dichiarazioni e chiedere giustizia. Monica Gallo, garante per i detenuti del Comune di Torino e referente per il monitoraggio delle condizioni delle persone accolte nel Cpr di corso Brunelleschi, si sarebbe dovuta incontrare con lui il giorno dopo. Oltre a dirsi addolorata, sottolinea come il caso di Moussa Balde necessitasse della massima attenzione, sia da un punto di vista psicologico che giuridico, essendo lui stesso parte offesa, e di come avesse già segnalato il caso al garante nazionale Mauro Palma. Quest’ultimo si era già soffermato sulla zona Ospedaletto nell’ultimo rapporto sulle visite nei Cpr e si è espresso duramente sulla vicenda: “Una persona affidata alla responsabilità pubblica deve essere presa in carico e trattenuta nei modi che tengano conto della sua specifica situazione, dell’eventuale vulnerabilità e della sua fragilità. Questo non è avvenuto”.

 

Reazioni anche dal mondo religioso, con l’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia che invita ad una presa di coscienza collettiva, e politico, con i comunicati di Nicola Fratoianni (SI), Maurizio Acerbo (Prc), che chiedono la chiusura dei Cpr, l’interrogazione alla ministra Lamorgese di Erasmo Palazzotto (Leu), e le critiche di Riccardo Magi (+Europa).                        

Probabilmente però le parole più forti su tutta questa vicenda provengono direttamente dall’avvocato di Moussa, Gianluca Vitale: “Voleva solo andare via, non accettava di essere rinchiuso là dentro senza aver fatto nulla

 

Già dal giorno successivo gli altri 107 migranti rinchiusi nel centro hanno iniziato una protesta, sostenuta da alcuni solidali all’esterno, per la morte del loro compagno. Alle 18 di ieri un presidio di solidarietà della rete No Cpr Torino con la presenza di Angelo d’Orsi, candidato sindaco per Sinistra in comune a Torino.

 

Nel mentre iniziano a moltiplicarsi le voci da dentro il Cpr che insinuano svolte ancora più cupe nella vicenda: voci di un altro pestaggio subito da Moussa all’interno della struttura, di un mancato supporto medico, che abbia urlato per una notte nell’ Ospedaletto mentre nessuno gli forniva aiuto.

 

Che, quando è stato portato lì, non gli sia stata nemmeno chiesta la sua versione dei fatti sull’aggressione, come lui stesso aveva riferito all’avvocato. Secondo Moussa il furto all’origine del pestaggio non sarebbe mai avvenuto e lui si sarebbe limitato a chiedere l’elemosina prima di essere assalito. Ma anche questo evidentemente non doveva essere molto importante.

 

Non doveva essere una persona molto importante questo Moussa. Ma era una persona, una delle tante persone non molto importanti che siamo e che vediamo tutti i giorni. Certo è facile vederla ora la persona , dalle parole degli amici e dalle foto con la maglietta di “Imperia antirazzista”, durante una manifestazione a Roma assieme al centro sociale ligure La talpa e l’orologio. Meno facilmente si riesce a scorgere la persona dietro i titoli dei giornali, dietro i vari “immigrato clandestino” e simili, epiteti sempre utili per allontanare da sé l’orrore e risciacquarsi la coscienza.

 

Esattamente un anno fa in questi giorni moriva George Floyd, un’altra persona non molto importante, ma che lo sarebbe diventata di lì a poco. L’omicidio immotivato di quest’ultimo da parte di un agente di polizia durante un controllo avrebbe scatenato un’ondata di proteste come non se ne vedevano da anni negli USA e avrebbe contribuito nel rivitalizzare il dibattito sul tema dell’abuso di potere e sul razzismo sistemico delle forze dell’ordine sia in patria che all’estero.

 

E dire che non serviva attraversare l’oceano; bastava guardare dietro casa per trovare questi fenomeni: non nella forma di un ginocchio sul collo, ma come strutture dove si viene rinchiusi anche per mesi senza aver fatto nulla, per il solo fatto di non possedere i documenti giusti. Posti dove le udienze di convalida e proroga dei trattenimenti, nei quali si decide il destino di una persona, durano circa 300 secondi l’una, con Torino che vanta tra i più alti tassi di conferma dei trattenimenti, il 90%. Strutture spesso e da più parti definite come moderni campi di concentramento.

Qualcuno potrebbe obbiettare che si tratta di una definizione eccessiva e sensazionalistica, e in parte avrebbe anche ragione. Vero è però che esistono nella Storia alcuni luoghi e fenomeni destinati a essere ricordati nel tempo, cose che forse causeranno stupore a chi verrà dopo di noi e per le quali verremo giudicati, sia nel nostro agire che nel nostro voltarci dalla parte opposta.

 

Lorenzo Zaccagnini

 

Tratto da: https://www.rossetorri.it/il-suo-nome-era-mousse-balde/

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.309

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 114

Dati aggiornati

al 25-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI