DUE APPUNTAMENTI PER LA SALUTE MENTALE (Gianfranco Conforti)

 

 

   Si dice che tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare e spesso è vero. Ma per chi si impegna per cambiare le cose, in qualsiasi ambito, ritrovarsi a discutere, confrontarsi e proporre miglioramenti molte volte non solo è utile ma, anzi, è indispensabile.

 

Il mio modo di concepire il volontariato è più propenso al fare, anche piccole cose, come aiutare un bambino nei compiti o una persona nel fare la spesa se, per problemi fisici od organizzativi, non riesce a farla da sola. Ma il volontariato può e deve riflettere sul proprio ruolo e sui rapporti che ha con le istituzioni a cui si riferisce ed a cui dà un contributo.

 

Così è nel settore della salute mentale. La nostra associazione, come si legge nell’articolo 2 del suo Statuto, “si prefigge lo scopo di costruire una rete sociale di collaborazione intorno al disagio psichico, attraverso iniziative che coinvolgano operatori dei servizi di salute mentale, utenti dei medesimi e loro famigliari, associazioni di volontariato, cooperative sociali, singole persone interessate, enti, istituzioni.” Ciò al fine di superare il pregiudizio nei confronti della malattia mentale che genera emarginazione, grazie ad una corretta informazione.

Ma l’informazione può essere anche uno strumento per conoscere il mondo dell’associazionismo per la salute mentale. Dalla conoscenza si può passare alla condivisione di un impegno comune che si può attuare solamente creando una rete fra diverse realtà che condividono lo stesso obiettivo.

 

Per questo penso che due appuntamenti, programmati per i prossimi giorni, saranno importanti per sentire altre esperienze e conoscere lo stato dell’arte per ciò che riguarda la psichiatria  e le associazioni di utenti e famigliari.

Saranno ancora organizzati in modalità digitale, come si usa in questi tempi, il che, se da una parte è un limite dall’altra è un vantaggio perché evita lunghi spostamenti.

 

Il primo appuntamento è la videoconferenza (clicca qui per saperne di piùdel Movimento “Le Parole Ritrovate” (previsto per sabato 12 giugno dalle ore 9,00 alle 12,30), con cui la nostra associazione ha collaborato in parecchie occasioni e di cui condivide l’impostazione del “fareassieme”. Non solo sarà utile per chi non conosce la realtà de Le Parole Ritrovate ma anche per chi, pur conoscendola, vuole aggiornarsi su quanto sta proponendo. Infatti nel programma è prevista una videoclip in cui si tratterà della prima accoglienza in caso di esordio della malattia, del coinvolgimento dei familiari, dell’apertura dei servizi h.24 7/7, della lotta allo stigma, dell’importanza di una casa e di un lavoro, ecc..

Oltre a ciò saranno proposte alcune buone pratiche, già attive in altre realtà, quali: i tavoli di concertazione, i percorsi di cura condivisi, il supporto fra pari ed il ruolo degli UFE (Utenti e Familiari Esperti), lo spazio per i bimbi nei Servizi di salute mentale e per le Dipendenze oltre all’aggiornamento sull’iter legislativo del Disegno di Legge per la salute mentale ed il riconoscimento del fareassieme.

 

L’altro appuntamento è la 2^ Conferenza nazionale (clicca qui per saperne di più), promossa dal Ministero della Salute (prevista per il 25 e 26 giugno), dal titolo: PER UNA SALUTE MENTALE DI COMUNITÀ. Anche questo evento sarà da remoto. L’importanza di questa iniziativa, che la distingue da tante altre dove intervengono in pochi e sempre i soliti, è che le varie associazioni hanno la possibilità di intervenire sia direttamente sia con un testo. Le Parole Ritrovate saranno presenti ed in questi giorni si sta discutendo su come e quanti interventi fare.

 

Le criticità individuate dal Ministero, grazie ad un percorso di confronto che dura da un anno, sono le seguenti otto:

1. La qualificazione e l’organizzazione dei servizi per una salute mentale di comunità.

2.  La salute mentale dei minori, degli adolescenti e dei giovani adulti: servizi, famiglia e scuola.

3.  Azioni preventive e presa in carico nelle popolazioni migranti e nei contesti custodiali.

4.  Il lavoro di équipe in salute mentale: professioni e formazione.

5.  Sistema informativo e valutazione delle attività nei servizi di salute mentale.

6.  I percorsi di presa in carico: buone e cattive pratiche.

7.  Lavoro, abitazione, sostegno alla vita indipendente: attori e strumenti per l’inclusione sociale.

8.  Il ruolo delle associazioni di utenti, familiari e del volontariato nei servizi di salute mentale.

 

Su questi temi le varie associazioni potranno inviare un contributo che potrà essere ospitato nel corso dei lavori delle sessioni, come oggetto di breve relazione, o entrare a far parte dei materiali di sintesi della Conferenza” come si legge dal testo inviato dal Ministero.

Vale la pena partecipare, anche solo per ascoltare.

O no?

 

 

Gianfranco Conforti

Volontario di MenteInPace – forum per il ben-essere psichico, Cuneo

 

   

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 132.072

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 58

Dati aggiornati

al 26-6-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Benedetto Saraceno

LE LINGUE DELLA PAURA

Edizioni Alpha Beta Verlag

 

In un bosco nei dintorni di Ginevra, in circostanze casuali, si consuma il cruento omicidio del vicedirettore della HEGA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di economia sanitaria mondiale.

L’autore materiale è un alto funzionario della stessa agenzia, Andreas Krause, per il quale la vittima rappresenta l’unico ostacolo apparentemente insormontabile alle proprie ambizioni di carriera. Assediato dal timore di essere scoperto e dai sospetti che cominciano ad addensarsi su di lui, si ritrova lentamente risucchiato in un gorgo di paure e ossessioni, che degenera in un’autentica paranoia. Arriva addirittura ad assoldare un killer per sbarazzarsi di un collega che, secondo il suo lucido delirio, sarebbe pronto a denunciarlo. In breve tempo la sua vita privata e professionale va a rotoli, e ogni tentativo di fare marcia indietro e confessare il proprio delitto è vanificato da continue oscillazioni emotive e confusi progetti di fuga. Nel chiuso, ovattato quanto spregiudicato ambiente diplomatico internazionale affiorano intanto intrighi e personaggi di dubbia moralità, disposti a tutto pur di non perdere potere e privilegi. Tra rituali bizantini, scandali messi sotto silenzio e subdoli conflitti d’interesse, emerge un quadro a tinte fosche tratteggiato con inquietante precisione. Nella sua pur riluttante connivenza, di questo perverso mosaico Krause è un tassello fondamentale.

 

Le lingue della paura è un raffinato noir psicologico, una storia intrisa di cinismo, avidità e umana fragilità, con un finale sorprendente.

 

L’Autore

Psichiatra, dal 1999 al 2010 è stato direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di Sostanze dell’Organizzazione mondiale della Salute a Ginevra. In precedenza ha lavorato all’Ospedale psichiatrico di Trieste sotto la direzione di Franco Basaglia e Franco Rotelli, ed è stato a capo del Laboratorio di Epidemiologia e Psichiatria sociale presso l’Istituto Mario Negri.

Membro onorario del Royal College of Psychiatry, attualmente è segretario generale del Lisbon Institute of Global Mental Health. Ha all’attivo oltre duecento articoli su riviste scientifiche internazionali.

Tra i suoi ultimi volumi pubblicati ricordiamo: Psicopolitica. Città, salute, migrazioni (DeriveApprodi, 2019); Sulla povertà della psichiatria (DeriveApprodi, 2017); Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del Movimento di salute mentale globale (il Saggiatore, 2014).

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI