CONFERENZA NAZIONALE SALUTE MENTALE. L’intervento del ministro Speranza: “Pronti a investire nuove risorse”. “Stop a contenzione meccanica”

Conferenza nazionale salute mentale. L’intervento del ministro Speranza: “Pronti a investire nuove risorse, non sempre i pazienti hanno trovato servizi adeguati”. E poi l’annuncio: “Stop a contenzione meccanica

 

Il Ministro della Salute in occasione della Seconda Conferenza Nazionale traccia la road map per rilanciare l’assistenza territoriale per la salute mentale allo scopo di “migliorare la qualità e la sicurezza dei servizi a beneficio di pazienti e operatori”. E poi annuncia anche che è pronto l’accordo con le Regioni per “il superamento della contenzione meccanica nei luoghi di cura della salute mentale”. IL DISCORSO DI SPERANZA

 

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

A  menteinpace@libero.it

 

 

25 GIU - “In questi anni coloro che hanno sperimentato periodi di sofferenza mentale non sempre hanno trovato servizi adeguati ai loro bisogni, sono stati accolti in strutture a volte poco accessibili e non sempre hanno potuto contare su un vero e proprio progetto terapeutico riabilitativo. Situazioni che non valorizzano sia le capacità delle persone sia le competenze degli operatori.  Questa Conferenza vuole proprio contribuire ad avviare un percorso di lavoro per i pazienti, le loro famiglie, le comunità di appartenenza e per tutti gli operatori. So che non sarà facile, ma dobbiamo tutti, a partire da me, impegnarci a lavorare superando divergenze e frammentazioni, per iniziare a programmare un futuro migliore del presente”.


A parlare è il Ministro della Salute, Roberto Speranza dal palco della Seconda Conferenza Nazionale promossa dal Ministero della Salute “Per una salute mentale di Comunità”.


Speranza ha precisato che l’evento “vuole essere l’occasione per ribadire l’impegno mio personale e del Ministero per promuovere e rilanciare l’assistenza territoriale per la salute mentale (e in particolare domiciliare), assumere la comunità come cornice di riferimento, proteggere i diritti umani e la dignità delle persone con sofferenza mentale, favorire ovunque possibile una presa in carico inclusiva e partecipata, migliorare la qualità e la sicurezza dei servizi a beneficio di pazienti e operatori. A tal fine voglio condividere con voi l’intento di promuovere un importante cambiamento culturale e organizzativo, a partire dal rinvigorimento della struttura ministeriale che si occupa di salute mentale, procedendo con azioni sia legate alla situazione emergenziale sia di carattere strutturale”.

 
Il Ministro ha rilevato anche le criticità del comparto. “Nonostante le scelte coraggiose e di grande valenza etica effettuate dal nostro Paese, la realtà continua tuttavia a presentare criticità e le persone con disturbi mentali continuano a ricevere risposte non sempre pienamente adeguate. Criticità sono state evidenziate anche dal Tavolo Tecnico sulla salute mentale istituito nel 2019”.

 

E per invertire il trend ha lanciato le sue proposte. “Sul piano concreto si tratta di: rilanciare il lavoro sul territorio prendendo come riferimento le comunità, la prossimità e la domiciliarità; qualificare i servizi dal punto di vista delle risorse e degli habitat (i centri di salute mentale sono fra le strutture da attenzionare di più del Ssn); promuovere una robusta integrazione con gli enti locali; stabilire collaborazioni interistituzionali (in primo luogo con le Politiche sociali, la Giustizia, la Pubblica Istruzione); innovare i percorsi formativi (curriculari e di aggiornamento continuo); favorire la ricerca sui servizi; privilegiare la metodologia di “partire dal basso” e la partecipazione dei fruitori dei servizi alle decisioni che li riguardano.


Specifica attenzione merita il tema dell’assistenza sanitaria garantita alle persone private delle libertà personali (detenute negli istituti penitenziari), dei percorsi di cura e riabilitazione (PTRI) necessari alla tutela della salute delle persone affette da patologia psichiatrica al momento in cui hanno commesso un reato, nonché dell’esecuzione delle misure di sicurezza, in particolare presso le Rems rispetto alle quali stiamo lavorando con il Ministro Cartabia, le Regioni e Province autonome e sulla quale è intervenuta proprio ieri la Corte Costituzionale con l'ordinanza n. 131 "finalizzata ad acquisire specifiche informazioni indispensabili ai fini della decisione", alla quale daremo seguito con sollecitudine a partire dalla istituzione dell’osservatorio di monitoraggio su cui siamo in attesa della nomina dei rappresentanti delle regioni”.


Ma il Ministro ha parlato anche della necessità di nuove risorse. “Non mi sottraggo al compito di affrontare il tema – ha detto Speranza -  delle risorse culturali, economiche e strutturali necessarie per rafforzare i servizi per la salute mentale. Dopo anni di non adeguato investimento nella sanità pubblica non è infatti più possibile avviare azioni, ambiziose come quelle sulle quali stiamo lavorando, facendo ricorso alla usuale formula “a parità di risorse”. A questo proposito voglio assicurarvi il mio impegno personale e l’impegno del Ministero per individuare e proporre ipotesi volte a sostenere concretamente i servizi per la salute mentale, evitando che alle affermazioni di principio non facciano seguito atti concreti capaci di cambiare le esperienze di vita delle persone con sofferenza mentale, cui dobbiamo garantire i percorsi di presa in carico previsti dai Livelli Essenziali di Assistenza”.


“Dobbiamo assicurare risorse aggiuntive – ha precisato il Ministro - , dentro questa nuova fase espansiva della spesa pubblica in sanità, risorse che dovranno essere destinate a qualificare le risposte che dobbiamo dare alle persone, diffondendo le buone pratiche, innovando nella integrazione interprofessionale e intersettoriale. Un primissimo segnale abbiamo provato a darlo nel decreto 34 del 2020 e nel “ristori bis” ma serve molto di più. Possiamo lavorare con le Regioni e le Province autonome su almeno due possibili fonti di finanziamento - quota parte dei fondi 2021 vincolati al perseguimento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale - i fondi ex articolo 20 (edilizia sanitaria) per la riqualificazione di quelle strutture territoriali dedicate alla salute mentale; Stiamo inoltre negoziando l’utilizzo dei fondi strutturali che potrebbero essere destinati alla salute mentale delle 7 regioni del sud con specifici progetti di intervento e con un forte impegno del livello nazionale a sostegno delle realtà meno attrezzate”.


Infine Speranza ha annunciato che “nei giorni scorsi il Gabinetto del Ministero ha inoltrato alla Conferenza Permanente per i Rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome, la bozza di documento e lo schema di Accordo per il Superamento della contenzione meccanica nei luoghi di cura della salute mentale. Il documento è stato discusso e approvato dal Tavolo Tecnico sulla salute mentale ed è stato predisposto a partire da contributi di istituzioni ed esperti, con il coordinamento dalla dott.ssa Giovanna Del Giudice, presidente della Campagna Nazionale “… e tu slegalo subito”, che ringrazio per l’impegno profuso. Si tratta di un provvedimento che considero di grande valenza etica, oltre che di indirizzo, e che risponde alle numerose sollecitazioni e raccomandazioni di vari enti e istituzioni”.

 

Tratto da:

 

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=96708&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.309

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 114

Dati aggiornati

al 25-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI