DROGHE E CARCERE. RAPPORTO DELL’UNIONE EUROPEA

Le conoscenze attuali e le sfide future sulla droga e sul carcere in Europa sono oggetto di un nuovo studio dell'Agenzia dell'UE per la droga (OEDT/EMCDDA).

 

DA news.alcologia@gmail.com

A  menteinpace@libero.it  

 

 

Pubblicato alla vigilia della Giornata internazionale contro l'abuso e il traffico illegale di droga (26 giugno), il rapporto, “Prigione e droga in Europa: sfide attuali e future”,
esamina una gamma di questioni in ambito carcerario, compreso l'uso di droghe e i danni, risposte sanitarie e sociali e offerta di farmaci. E mentre in diversi Paesi europei i servizi in carcere per le persone con problemi di droga sono aumentati, i trattamenti e assistenze disponibili sono limitati e devono essere ampliati.


Ogni giorno, in Europa ci sono più di 856.000 persone in carcere. 

 

Queste persone è molto probabile che abbiano fatto uso di droghe, regolarmente o di avere problemi legati alla droga. Hanno anche tassi più elevati di infezione da HIV, virus dell'epatite B (HBV), dell'epatite C (HCV) e tubercolosi. Per coloro che si iniettano oppioidi, il rischio di morire per overdose aumenta notevolmente nel periodo iniziale dopo la detenzione. Dato che le persone in carcere provengono dalla comunità e alla fine vi ritornano, è probabile che gli interventi realizzati in questo contesto abbiano un impatto significativo sulla salute pubblica complessiva.


Il direttore dell'EMCDDA, Alexis Goosdeel: “È fondamentale avere una buona comprensione dei modelli e della prevalenza del consumo di droga tra la popolazione carceraria e identificare il tipo di risposte disponibili e che funzionano meglio. Spesso è in carcere che le persone che fanno uso di droghe accedono per la prima volta ai servizi sanitari e sociali. Questo rapporto mette in evidenza alcune delle sfide, ma anche le opportunità, che emergono in questo contesto per intervenire e fornire supporto per ridurre i danni correlati alla droga. Descrive inoltre come gli strumenti dell'EMCDDA stiano aiutando a rafforzare il monitoraggio, scambiare le migliori pratiche e informare i Paesi nelle loro decisioni politiche e pianificazione dei servizi in merito”.


L'importanza del contesto carcerario per affrontare i problemi della droga è sottolineata nella 
nuova strategia dell'UE in materia di droga 2021-2025, che ha come priorità strategica di rispondere alle esigenze sanitarie e sociali delle persone che fanno uso di droga in carcere e dopo la detenzione. L'EMCDDA ha sviluppato un quadro metodologico per monitorare la droga in questo contesto, compresi strumenti come il questionario europeo sul consumo di droga tra le persone in carcere (EQDP).

Basato su dati provenienti da 30 Paesi, il rapporto odierno presenta gli ultimi sviluppi nel campo della droga e del carcere, identificando le lacune nelle conoscenze e le implicazioni per la politica, la pratica e la ricerca.


Risultati chiave


Le persone che fanno uso di droghe sono sovrarappresentate in carcere e la prevalenza di problemi legati alla droga in questa popolazione è sostanzialmente più alta che nella popolazione generale.


Le donne in carcere sono particolarmente vulnerabili e a rischio di consumo problematico di droga.

Sebbene molte persone smettano di usare droghe quando entrano in prigione, alcune continuano o iniziano a fare uso di droghe in questo contesto.

Il consumo di droga all'interno del carcere è indicato da tutti gli 11 Paesi che riportano dati su questo argomento.

L'uso di nuove sostanze psicoattive (NPS) in carcere ha rappresentato una sfida crescente negli ultimi anni, in particolare l'uso di cannabinoidi sintetici.

Le nuove tecnologie sono sempre più utilizzate per fornire droga alle carceri (ad es. consegne tramite drone), ma vengono anche impiegate per limitare l'offerta (ad es. nuova tecnologia di scansione per esaminare il contenuto della posta).

Le persone in carcere hanno una salute fisica e mentale e un benessere sociale più scarsi rispetto ai loro coetanei nella comunità e un'aspettativa di vita inferiore.
Mentre le condizioni carcerarie possono influire negativamente sulla salute già compromessa delle persone che fanno uso di droghe, queste sono anche strutture che possono fornire servizi sanitari a coloro che prima erano difficili da raggiungere.
La terapia sostitutiva con oppiacei (OST) è disponibile in carcere in 29 dei 30 Paesi ma, nella maggior parte di questi, la copertura è bassa.


L'accesso ai test e alle cure per le malattie infettive è disponibile nella maggior parte dei Paesi, sebbene la copertura debba essere ampliata.

 

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://droghe.aduc.it/articolo/droghe+carcere+rapporto+emcdda_32822.php

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 102.590

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 107

Dati aggiornati

al 28-07-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 Lara Lucaccioni

RIDI AMA VIVI

Rizzoli

 

C’è una via semplice per essere felici. Parte dalla scelta di portare più risate nella propria vita, di essere in allineamento con il proprio cuore e di nutrire amorevolmente le relazioni di qualità attraverso emozioni e attitudini positive. Per riuscirci Lara Lucaccioni, una delle più importanti docenti di Yoga della risata nel mondo, propone un percorso in tre passi, da lei stessa sperimentato e divulgato, per ricaricare la propria batteria energetica e far diventare abitudine ciò che ci nutre e ci fa stare bene.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI