SALUTE MENTALE. IL PIEMONTE A CONFRONTO. 2020 (Gabriella Viberti, IRES)

INTRODUZIONE

 

Quanto spende la sanità piemontese per tutelare la salute mentale dei suoi cittadini? Quanti sono gli utenti dei servizi per la salute mentale nella nostra Regione, con quali caratteristiche? I percorsi di cura sono equi e appropriati? La recente diffusione del Quarto Rapporto Nazionale sulla Salute Mentale da parte del Ministero della Salute, contenente i dati 2018 sui servizi di salute mentale nelle Regioni italiane, consente alcune riflessioni e alcune valutazioni relative al Piemonte, confrontato con la realtà nazionale. A tal fine la nostra Regione è stata messa a confronto con un gruppo di Regioni “medio-grandi” del Centro-Nord Italia - Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio - e con i valori medi nazionali. Il Rapporto analizza i servizi per la salute mentale destinati alla popolazione adulta (maggiore di 18 anni). Gli indicatori utilizzati per effettuare i confronti valutano, in coerenza con il Nuovo Sistema di garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza del Ministero della Salute1, le seguenti dimensioni: g Le risorse utilizzate (finanziarie, personale, strutture) g Gli utenti dei servizi (età, sesso, patologie, contesti di cura) g La qualità dei percorsi (assistenza sul territorio, continuità delle cure, prescrizione di farmaci) g I risultati (ricoveri ripetuti, trattamenti coercitivi, ricorso al Pronto Soccorso, abbandono del trattamento) Le quattro dimensioni rappresentano i temi trattati nei quattro capitoli che seguono. Nelle Conclusioni del lavoro vengono messi in luce punti di forza e di debolezza dei servizi di salute mentale del Piemonte, desunti dai confronti effettuati nei capitoli precedenti, insieme ad alcuni appunti per un miglioramento dei servizi di salute mentale nella nostra Regione. Tutti gli indicatori utilizzati per i confronti del presente lavoro sono contenti in un’appendice finale, insieme a un’indicazione delle fonti dei dati. I confronti e i commenti relativi agli indicatori elaborati nel Documento sono riferiti ai dati 2018, con confronti temporali sul triennio 2016-18.

 

Sono segnalate, dove presenti, eventuali anomalie nei dati, che verranno approfondite in successivi confronti infraregionali.

 

1 - Ministero della Salute (2017), Nuovo sistema di garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza, Monitoraggio e Valutazione dei Percorsi Diagnostico-Terapeutico Assistenziali, Roma

 

PER LEGGERE IL TESTO INTEGRALE IN PDF

 

CLICCA QUI

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.504

Dati aggiornati al 6-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------