INVIATO IN REGIONE APPELLO DELLE ASSOCIAZIONI PER LA SALUTE MENTALE

Inviamo alle associazioni che hanno aderito, l'APPELLO DELLE  ASSOCIAZIONI PER LA SALUTE MENTALE, trasmesso alla Regione Piemonte e alle ASL.

 

Cordiali saluti a tutti..

il Gruppo di ricerca per la Salute Mentale "Conoscere per Migliorare"-Torino

 

 

DA conoscerepermigliorare@gmail.com

A  menteinpace@libero.it

 

Gentili Signori,

il Gruppo di Ricerca per la Salute Mentale "Conoscere per Migliorare"- Torino, trasmette alla Vostra attenzione l'APPELLO DELLE ASSOCIAZIONI PER LA SALUTE MENTALE, con una serie di considerazioni e di richieste emerse al seguito della partecipazione alla Conferenza Nazionale "Per una Salute Mentale di Comunità".

 

Porgiamo cordiali saluti e restiamo in attesa di una proposta di incontro per poter discutere delle problematiche individuate.

 

il Gruppo di Ricerca per la Salute Mentale "Conoscere per Migliorare"- Torino

 

allegato: Appello delle Associazioni per la Salute Mentale

 

 

Al Presidente della Regione Piemonte Alberto CIRIO,

all' Assessore alla Salute della Regione Piemonte Luigi ICARDI,

al Direttore alla Sanità della Regione Piemonte Mario MINOLA,

ai Direttori Generali, ai Direttori Sanitari, ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale delle ASL della Regione Piemonte.

 

L'ascolto dei vari interventi della  Seconda Conferenza Nazionale per la salute mentale: "Per una salute mentale di comunità" ha fatto nascere la speranza: ci sono, dunque, idee e strumenti per intervenire, per sostenere i percorsi di cura verso una possibile recovery!

 

Ma   nello   stesso   tempo   è   prevalso   lo  scoramento:   chi   da   tempo   segue   convegni,   "tavoli", workshop, incontri, assemblee preparatorie per la Conferenza, ecc..... nel tentativo di capire i problemi e nella ricerca di soluzioni, sa che l'esperienza vissuta da familiari e pazienti è talvolta disperante.

Le   teorie   e   gli   psichiatri   illuminati,   le   isole   felici   ed   efficienti   forse   esistono,   ma   sono   lontani   dalla quotidianità vissuta dal paziente e dai suoi familiari.

 

Da questa  premessa  le Associazioni chiedono cosa intendono fare  le  Aziende Sanitarie  Piemontesi,  di concerto con la Regione Piemonte:

 

· per iniziare a rendere "concreta" la visione che è emersa da tutti gli interventi ascoltati nella Seconda Conferenza Nazionale per la Salute Mentale "Per una salute Mentale di Comunità" ?

 

· per rispondere alle aspettative di cambiamento, per l'effettiva realizzazione di "servizi territoriali qualificati", sia nell'offerta dei Servizi sia nella qualità e sicurezza dei luoghi di accoglienza e di cura, per la prevenzione, per la presa in carico personalizzata, per costruire percorsi di inclusione dei pazienti, per progetti di lavoro?

 

· per offrire sostegno concreto nel percorso di sofferenza e di riabilitazione a pazienti e a familiari attraverso l’aumento delle risorse  dedicate alla salute mentale in termini di fondi e di operatori, attraverso una diversa organizzazione dei Servizi e un aggiornamento della formazione universitaria non esclusivamente organicistica e farmacologica, attraverso l’inserimento nei CSM di “esperti  per esperienza” opportunamente  formati ?                                                                            

 

Porgiamo   cordiali   saluti   e   restiamo   in   attesa   di   una   proposta   di   incontro   per   poter   discutere   delle problematiche emerse.

 

Le Associazioni aderenti all’Appello:

 

Associazione IlBandolo                                                                                                                        (A.L.M.M. Onlus, Arcobaleno Onlus, Casa Bordino, Di.A.Psi Piemonte ODV, Insieme APS)

Associazione AMAndoli, ODV

Associazione Accordo - ass. Scientifico Culturale di Coterapia – Loranzé

Associazione +Diritti, Onlus - Settimo Torinese

Associazione Forme in Bilico, APS

Associazione 1000 genitori, APS

Associazione Gruppo A.M.A. ascolto, Onlus - Venaria

Associazione Laboratorio urbano mente locale

Associazione Liberamente, Onlus

Associazione L’uovo di Colombo, APS

Associazione Menteinpace - Forum per il benessere psichico di Cuneo

Associazione Sorriso, Onlus

Associazione Sportello TiAscolto! , APS

Associazione Vivamente, ODV - Moncalieri

Associazione Volontari Ospedalieri, ODV -Torino

 

Per visitare il sito di CONOSCERE PER MIGLIORARE,

Gruppo di Ricerca sulla salute mentale

CLICCA QUI

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------