CREATIVITÀ CONTRO LO STIGMA (Susanna Brunelli)

Metanoeite: opera di Susanna Brunelli

 

LUNDBECK ITALIA

Concorso PEOPLE IN MIND : Unisciti alla lotta contro lo STIGMA e i pregiudizi nei confronti delle persone affette da disturbi mentali

Realizzazione dell’opera grafica di

Susanna Brunelli

VERONA

TITOLO : METANOEITE

 

Premessa: Mi è stata presentata la possibilità di partecipare a questo concorso che ho trovato subito molto interessante in quanto convivo da molti anni purtroppo con l’ambiente psichiatrico.

Prima come famigliare e in un secondo momento come “utente”, “cliente”, “paziente certificata”.

Subito mi sono chiesta cosa è per me lo Stigma e il disturbo mentale e la mia mano mi ha guidata fino a realizzare questa opera che è frutto di molti anni di esperienza personale, conoscenza, studi, approfondimenti, corsi, predicazioni, lezioni “work shop”- “work shock”, tutto ciò che riguarda la formazione e la crescita personale.

Dallo Studio della Bibbia alla Fisica Quantistica, dalla ricerca della Verità alla scoperta della Consapevolezza dell’Essere.

La chiamo “METANOIA” in quanto per me non esiste cambiamento se non c’è un reale cambio di Paradigma, pensiero e azione.

“Se fai sempre le stesse cose ottieni sempre lo stesso risultato”. Quindi…….. anche per me è valsa questa teoria che si è trasformata in pratica.

Tecnica: Opera grafica realizzata su fogli da fotocopia A4 incollati tra loro fino ad arrivare alla dimensione di cm. 70 X 50 dalla forma ovoidale. Ho usato solo pennarelli colorati e pochissimo colore a matita

Istruzioni per la comprensione: Questa opera grafica va guadata attentamente, nei suoi particolari, deve essere letta in tutte le sue parti, condivisa, discussa con chi desidera confrontarsi.

Potrebbe essere usata come una sorta di “mappa “per chi la guarda, per verificare da che parte si trova al momento, individuando personalmente in quali situazioni o emozioni si riconosce o che risuonano famigliari.

Alcune parole o termini possono valere sia a sinistra che a destra a seconda dell’interpretazione personale, es parole tipo: limitazione, crisi, reazione, serietà, controllo….

Rappresentazione: Questo disegno rappresenta due Neuroni speculari, quello di sinistra rappresenta per me ciò che comporta la MALATTIA mentale o disagio psichico, fisico o Spirituale, tutto ciò che porta DISARMONIA

Il NO che non accetta e rifiuta.

In quello di destra invece tutto ciò che porta ad uno stato di “Benessere Globale”, “BENATTIA”, Gioia , “Salvezza”, ARMONIA.

Il SI che accoglie e accetta

Il CUORE è al centro per indicare che tutto ciò che viene detto e fatto con Amore avrà successo e prosperità, ma nella parte sinistra il Cuore è legato e spezzato, dal dolore, dalla sofferenza e dalla chiusura.

 

Faccio riferimento ad alcuni versetti Biblici perché li trovo di grande rivelazione: Romani 12:2-Geremia 17:7,8-Filippesi 4:13 -Salmo 139

La data 18 Marzo 2019 è il giorno in cui ho sentito che la mia Salvezza dipendeva da ciò che ne avrei fatto di questa esperienza.

Al Centro c’è sempre il PRESENTE, il PASSATO è già stato e il FUTURO non è ancora nel QUI E ORA.

La “SORGENTE DIVINA” regola tutte le cose ed E’ al di sopra di ogni cosa

C’è una dualità che deve essere in equilibrio e attraverso i 5 punti della RECOVERY: Blocco, Accettazione, Crederci, Apprendimento, Basarsi sulle proprie forze, si arriva alla consapevolezza delle proprie risorse e ad una conseguente evoluzione.

LUCE e OSCURITA’ sono sempre presenti, PAURA e CORAGGIO fanno parte della stessa medaglia.

La “SALVEZZA” si ottiene quando si raggiunge un equilibrio tra: PNEUMO _ PSICO_ SOMA

La miriade di parole scritte a sinistra e a destra sono una raccolta di vocaboli che indicano le varie situazioni nella Vita di un essere umano.

Vorrei far notare nella parte destra le spirali che creano movimento e energia, la vitalità dell’acqua che si muove bagna e rigenera la vita, a differenza della parte opposta dove tutto è più rigido, frastagliato, poco definito, arido.

Situazioni MORTALI o VITALI, di PACE o di GUERRA

DIPENDENZA o INDIPENDENZA, AMORE o ODIO

USIOGOPE = NON TEMERE

Il PERDONO = Libertà

ZOE = Vita piena, appagata

 

 

 

Susanna B. Verona, 24 settembre 2019

 

Susanna Brunelli fa parte del Movimento nazionale LE PAROLE RITROVATE. E' di Verona.

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------