SALUTE MENTALE: RITROVARE IL CORAGGIO DI BASAGLIA (Girolamo Digilio)

Salute mentale: ritrovare il coraggio e la condivisione politica e sociale dei tempi di Basaglia

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

19/7/2021 22:43

A  menteinpace@libero.it  

 

19 LUG - Gentile Direttore,

ho letto con molto interesse il documento del Collegio Nazionale dei Dipartimenti di Salute Mentale sulla recente Conferenza nazionale per la Salute mentale per la quale si parla di “falsa partenza” e condivido gran parte dei principi enunciati, delle considerazioni svolte e delle proposte avanzate. C’è un punto tuttavia che, a mio avviso, meriterebbe di essere ulteriormente approfondito ed è quello della coerenza fra la enunciazione di principi, di progetti e di proposte e i comportamenti personali e professionali, un punto che molto spesso marca drammaticamente la distanza fra il dire e il fare.


La questione assume una spiccata valenza etica e riguarda non solo il ceto politico in quanto detentore di un decisivo potere esecutivo ma anche, nelle sue scelte quotidiane, ciascuno di noi, in quanto cittadino, utente dei servizi, operatore o professionista.


Nella storia del movimento che, intorno a Franco Basaglia, ha portato ad una trasformazione radicale della scienza e della pratica della psichiatria, alla chiusura dei manicomi e alla costruzione degli assi portanti dei DSM spiccano i comportamenti di numerose personalità che in un contesto assai difficile, operando all’interno del sistema con coraggio e grande tenacia riuscirono a dimostrare la superiorità della presa in cura globale rispetto alla cura intesa come internamento e repressione del paziente e a imporre la concezione della salute mentale di comunità.

 
Fra i protagonisti di questo movimento culturale che ha aperto prospettive di superamento del pregiudizio e ha restituito la dignità alle persone con sofferenza mentale, vanno ricordati con particolare gratitudine Agostino Pirella, Domenico Casagrande, Sergio Piro, Vieri Marzi, Antonio Slavich, Gian Franco Minguzzi che operarono in Italia da Trieste a Palermo. A Roma operarono Fausto Antonucci, Tommaso Losavio, Renato Piccione, Luigi Attenasio ed altri.


Tommaso Losavio nel suo recente libro “Fare la 180”, Edizioni ETS 2021, racconta fatti straordinari che hanno reso possibile la costruzione di una psichiatria di comunità a Roma e la chiusura, nel 1999, del più grande manicomio d’Europa, l’Ospedale Psichiatrico Santa Maria della Pietà. Un primario che, accompagnato dai suoi giovani collaboratori, occupa in pieno centro di Roma, in via Baccina, un appartamento abbandonato, di proprietà del Comune di Roma, abbattendone a colpi di piccone la porta murata, per utilizzarlo come abitazione e liberare cinque donne da anni ricoverate nel manicomio S.Maria della Pietà è uno dei fatti straordinari, forse anche un po’ divertenti, di questa storia. Una serie di simili iniziative consentirà la costruzione “spontanea”, o invenzione, già nei primi anni ’80, dei DSM, le cui caratteristiche strutturali e funzionali saranno definite con decreto del Presidente della Repubblica soltanto dal Primo Progetto Obiettivo salute mentale dell’aprile 1994.


Non c’è dubbio che una tale complessa attività, che richiede una dedizione assoluta e non comuni capacità organizzative e di rapporto empatico con le persone, poté avvenire anche per la presenza nel Paese di un favorevole contesto culturale e politico.


Purtroppo nei successivi venti anni la trasformazione non solo è rimasta drammaticamente incompiuta, ma dopo la aziendalizzazione e la successiva prevalente privatizzazione della sanità è stato messo in atto un selvaggio smantellamento dei servizi di comunità per la salute mentale che sono stati in gran parte sostituiti da una vasta, malintesa “residenzialità”, per lo più privata, di chiaro stampo neomanicomiale.


E’ stata cioè realizzata nella pratica quotidiana, e spesso con il coinvolgimento più o meno consapevole di operatori burocratizzati e di famigliari rassegnati, una strisciante controriforma con nuove e subdole forme di istituzionalizzazione che Franco Basaglia aveva sempre lucidamente messo nel conto esortando i suoi collaboratori alla vigilanza e alla difesa.


Non possiamo non interrogarci, oggi, sulle cause e sulle responsabilità di questa involuzione e della conseguente, intollerabile sopravvivenza di pratiche lesive della dignità della persona come, per esempio, la contenzione meccanica la cui nocività è da tempo scientificamente riconosciuta.


Dobbiamo peraltro insistere sulla necessità di una profonda riflessione sulla dimensione politica del problema che pone la crisi della tutela della salute mentale nell’ambito di una più vasta crisi e di processi involutivi che coinvolgono la intera collettività e pongono all’ordine del giorno la ulteriore diffusione di una cultura adeguata ai tempi e l’urgenza di un cambiamento di paradigma dell’organizzazione della società stessa.


In questa prospettiva anche i comportamenti individuali non dovrebbero consolidare procedure o pratiche ormai obsolete, ma dovrebbero essere volti a preparare e, quando possibile, anticipare il cambiamento.

 
Non c’è dubbio infatti che nessuna riforma o rivoluzione cade dall’alto, ma ogni più piccolo cambiamento viene costruito su scelte coraggiose delle persone, sul superamento di assurdi condizionamenti e, se necessario, trasgredendo norme eticamente inaccettabili.
 

Girolamo Digilio
Già Primario e Docente di Clinica Pediatrica, Università La Sapienza, Roma

 

Tratto da:

 

http://www.quotidianosanita.it/lettere-al-direttore/articolo.php?articolo_id=97402&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 109.309

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 114

Dati aggiornati

al 25-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Farhad Bitani

L'ultimo lenzuolo bianco

Edizioni Neri Pozza

 

«Sono tante, forse troppe, le cose che ho visto nei miei primi trentatré anni di vita. Adesso le racconto. Ho lasciato le armi per impugnare la penna. Traccio i fatti senza addolcirli, senza velarli. Dopo aver vissuto l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza nell’ipocrisia, ho un tremendo bisogno di verità».

Inizia così la sconvolgente testimonianza di Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito, un giovane uomo che ha attraversato da osservatore privilegiato la storia dell’Afghanistan: dal potere dei mujaheddin ai talebani fino al governo attuale, che vive sotto l’ombrello occidentale.
Farhad nasce a Kabul nel 1986, ultimo di sei fratelli. Suo padre è un generale dell’esercito di Mohammad Najibullah Ahmadzai, il quarto e ultimo presidente della Repubblica Democratica dell’Afghanistan. Ma, con la presa del potere da parte dei 
mujaheddin, nel 1992, le cose cambiano. Solo rinnegando il passato e diventando un mujahed, il padre di Farhad avrà salva la vita.

Da quel momento l’esistenza del giovane Farhad cambia radicalmente. La sua famiglia si trasferisce in una grande casa, presidiata dagli uomini della scorta. È a loro che Farhad chiede in prestito le armi, per i suoi giochi di bambino. Quello che sogna è un futuro da combattente, alla testa di un manipolo di uomini. Sparare, uccidere, avere potere e ricchezza: non c’è nulla che desideri di più. Ma le cose sono destinate a mutare ancora. Quando i talebani strappano il potere ai mujaheddin, la sua famiglia cade in disgrazia. Mentre suo padre si trova in prigione, Farhad conosce la fame, la miseria, l’indottrinamento forzato all’Islam. Condotto allo stadio, viene costretto ad assistere alle lapidazioni del venerdì, le punizioni per gli infedeli, coloro che trasgrediscono le leggi del fondamentalismo. Sarebbe facile cedere all’imbarbarimento, credere a ciò che viene inculcato, diventare come coloro che professano la pace, alimentando la guerra. Ma se fosse possibile un destino diverso? Si può attraversare l’inferno e uscirne redenti?
Da guerriero islamista a dialogatore per la pace, attraverso questo libro possente e drammatico Farhad Bitani offre al mondo il vero volto dell’Afghanistan, raccontando in maniera vivida la guerra civile, la violenza gratuita, le perversioni del potere e l’uso della religione come strumento politico. 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI