LA TESTIMONIANZA DI UNA FIGLIA DI PAZIENTE PSICHIATRICO

Segnalata da Silvana Palleria,

DiAPsi Savigliano-Saluzzo-Fossano

 

"Mi chiamo Marta, ho 32 anni. Mio padre soffriva di disturbi mentali. All’età di 37 anni, quando io stavo per compiere il mio undicesimo anno, lui si è tolto la vita. Ma questo io l’ho scoperto solo molto più tardi, sei anni dopo. Ho conosciuto la vostra associazione (COMIP, Children Of Mentally Ill Parents ndr) attraverso una testimonianza di Stefania su Radio1 Rai, ho sentito che qualcosa ci accomunava e che avrei dovuto leggere il suo Quando Mamma O Papà Hanno Qualcosa Che Non Va.

Ho iniziato a leggerlo con grande curiosità, ma pensando che comunque fosse troppo tardi per me, ormai adulta. Invece tra le pagine ci ho trovato pezzi di me stessa: l’incomprensione per la difficoltà di comunicazione e la paura di chiedere spiegazioni, il mio sentirmi sola e diversa dagli altri coetanei, la sindrome della perfezione. E’ stato come se quel piccolo libro mi avesse aperto gli occhi su tanti aspetti di me che non avevo capito.

Per sei anni ho pensato che mio padre fosse morto per un incidente, senza però crederci fino in fondo. Quando mi è stato poi raccontato come erano andate davvero le cose, per me, sedicenne, era ormai troppo tardi e troppo difficile trovare la forza di chiedere a chi mi stava intorno “Ma tu sapevi?”; da quel momento poco è cambiato, tutti hanno continuato a non parlarmi della sua malattia e della sua morte. E nella mia testa la malattia mentale faceva paura, paura soprattutto che la stessa malattia fosse anche in me, paura di avere qualcosa di sbagliato e inguaribile.

Leggere il libro di Stefania mi ha fatto capire, dopo tanti anni, di non essere sola e mi ha dato la forza di parlare: ho chiesto a mia madre di raccontarmi tutto, ho ascoltato, rivissuto la malattia di mio padre, dallo scatenarsi dei primi sintomi proprio dopo la mia nascita al rifiuto delle cure fino alla decisione finale del suicidio. Questa volta non con paura ma con consapevolezza, comprensione e amore verso i miei genitori per la difficile battaglia che hanno dovuto affrontare.

Ringrazio con tutto il cuore Stefania che con il suo libro mi ha dato questo coraggio; ascoltare la verità stato difficile, duro, straziante, ma era quello che dovevo fare e l’ho fatto. Ho pianto la morte di mio padre forse davvero per la prima volta.

Per questo, se potrò anche io aiutare l’associazione COMIP a portare il suo messaggio a più persone possibile ne sarò felice.

All’inizio della pandemia, quando nella mia testa, come in quella di molte altre persone, c’era tanta paura e confusione, ho iniziato a dipingere, un’attività a cui mio padre si dedicava con molta passione me che io ho sempre rifiutato di coltivare.

Vi invio una foto del libro fatta nello studio dove dipingo ed un’immagine di un acquerello che ho fatto l’anno scorso e che ritrae me e mio padre nell’estate del 1990. Dipingere mio padre è stata un’emozione molto forte".

 

Marta - Veneto

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 108.382

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 118

Dati aggiornati

al 17-09-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Michele Zappella

BAMBINI CON L’ETICHETTA

Dislessici, autistici e iperattivi: cattive diagnosi ed esclusione

Feltrinelli

Una nuova emarginazione, basata su diagnosi erronee di disabilità trasformate in etichette di “diversità” irrecuperabile, è in pieno sviluppo nel nostro paese e coinvolge un numero crescente di bambini e ragazzi. Si riferiscono ad abilità considerate oggi importanti anche in una prospettiva lavorativa, come leggere bene e relazionarsi agli altri adeguatamente. Spesso, infatti, ritardi di lettura vengono confusi con sintomi di dislessia, oppure si certifica l’autismo mentre si è di fronte a difficoltà del linguaggio, depressioni, mutismo selettivo, o persino transitorie timidezze. Come può avvenire tutto ciò? E con quali conseguenze? Cosa ha portato all’esplosione di diagnosi, spesso senza fondamento, negli ultimi anni? Come liberare i bambini da etichette che compromettono l’intera loro esistenza e quella delle loro famiglie? A queste e a molte altre domande risponde Michele Zappella. La ricca casistica e la profonda esperienza clinica e di ricerca dell’autore chiamano in causa la scuola, gli operatori professionali e le politiche di “sostegno” alla diversità. Zappella invita i genitori e gli educatori ad aprire gli occhi e a non cedere al fascino (in)discreto dell’etichetta, e i professionisti a mantenere aggiornata la cultura specialistica, sperimentando nuove modalità di approccio ai bambini che ne stimolino fantasia e creatività. Gli effetti possono essere sorprendenti!

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI