DISAGIO MENTALE: QUANDO SI PUÒ PARLARE DI GUARIGIONE?

LE PAROLE DEL DISAGIO MENTALE

Per chi soffre di una patologia mentale quando si può parlare di guarigione? È importante per lo psichiatra sottolineare la possibilità di guarire? 

 

di Claudio Agostin

 

Tratto da LIBERALAMENTE, il giornale del fareassieme della salute mentale di Trento, n.151, Luglio 2021.

 

È un tema che abbiamo già affrontato più volte ma che volentieri riprendo cercando magari di sottolineare alcune questioni. Intanto, con il rischio forse di ripetermi rispetto a precedenti interventi, vorrei affermare con forza alcune cose:

1. La guarigione è probabilmente l’esito più frequente di molte malattie mentali, certamente dei singoli episodi di malattia. La guarigione è infatti il punto di approdo, sempre, degli episodi depressivi e di eccitamento, che invariabilmente si spengono dopo un periodo di acuzie, pur potendo a distanza di tempo ripresentarsi; è inoltre l’esito più frequente delle psicosi schizofreniche, che in un terzo dei casi guariscono senza più ripresentarsi e in un terzo guariscono per riaccendersi solo a distanza di tempo (dati OMS); è infine la norma per quanto attiene molte altre patologie in cui l’emergenza psicopatologica è un’esperienza transitoria che annuncia un nuovo equilibrio che seguirà alla rottura.

2. La guarigione non può identificarsi tout-court con la scomparsa dei sintomi e la restituzione allo stato antecedente il processo morboso (la cosiddetta restitutio ad integrum dei latini). Se infatti un equilibrio si è rotto significa che il mutare delle circostanze e degli assetti della vita - elementi distintivi del vivere - richiedeva nuovi assetti, diversi dai precedenti. Significherà anche, con buona probabilità, che alcune istanze emotive che non trovavano accoglienza nel precedente assetto dovranno essere riconosciute e accolte per poter essere integrate nella personalità.

3. Talvolta, quando gli equilibri saltano, sviluppiamo una malattia fisica (la classica influenza in periodi di forte stress o stanchezza); talvolta invece la malattia prende connotazioni più psichiche che fisiche. In ogni caso quando si guarisce il nuovo equilibrio dovrà fare tesoro dell’esperienza del malessere, pena una ricaduta a breve. Ciò vale a mio avviso per le malattie fisiche esattamente come per quelle psichiche.

 

Le malattie dunque, soprattutto quelle severe, bussano alle nostre porte e ci invitano a fermarci per ascoltare ciò che avevamo trascurato, ci suggeriscono di ripensare alle nostre vite. Sono dunque occasioni, per quanto dolorose, per affrontare cambiamenti che non dovrebbero essere evitati. La guarigione pertanto non può e non deve essere identificata con la sola scomparsa dei sintomi, ma come un nuovo assetto che permetta, almeno per un po’, di non ricadere malati. Questo nuovo assetto è ciò che definirei singolarità, ovvero il diritto (e in un certo senso la responsabilità) di essere se stessi in modo flessibile, adattando la nostra rotta al mutare degli scenari che la vita ci offre. Questa singolarità, talvolta, potrà anche differire in modo significativo da ciò che i più considerano come “norma”, ed in tal caso richiederà coraggio e, perché no, orgoglio della propria diversità. Vorrei chiudere con una risposta netta: certo, si può sempre guarire dalle patologie mentali e gli operatori della salute mentale hanno la responsabilità di trasmettere questo messaggio, incoraggiando sempre i pazienti a credere in questa prospettiva.

 

Claudio Agostin

 

Tratto da LIBERALAMENTE, il giornale del fareassieme della salute mentale di Trento, n.151, Luglio 2021.

 

Vuoi abbonarti?

Ecco come... è curata e realizzata, a titolo di volontariato, da utenti, familiari, operatori e cittadini attivi del Servizio di salute mentale di Trento.

Abbonarsi è un modo per dire che questo progetto piace e che vale la pena sostenerlo. Grazie a chi lo vorrà fare.

COME ABBONARSI:

Per abbonarsi è sufficiente effettuare un bonifico sul c/c intestato

“Il Cerchio Fareassieme onlus” iban: IT02O0830401845000045354414 (Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo),

indicando in causale “Abbonamento rivista Liberalamente - Sig. ...”

e inserendo tutti i dati necessari per permetterci di inviarvi la rivista direttamente a casa o via e-mail.

Per ulteriori informazioni o per ricevere numeri arretrati contatta la Redazione di Liberalamente allo 0461 902881 oppure scrivi a liberalamente@apss.tn.it

 

Abbonamento POSTALE 20 € per ricevere Liberalamente a casa tutti i mesi per un anno

 

 

Abbonamento ONLINE 10 € per ricevere Liberalamente via mail tutti i mesi per un anno

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.917

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 103

Dati aggiornati

al 07-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Umberto Galimberti 

Il libro delle emozioni

Feltrinelli, 2021

 

La mente e il cuore. Platone invita a privilegiare la mente razionale capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni. Anzi, prima che la mente giungesse a guidare la vita dell’uomo, per i nostri antenati la vita era governata dal cuore, che con le sue sensazioni giungeva a capire, come peraltro fanno gli animali, in modo rapido e senza riflettere, che cosa è vantaggioso e che cosa è pericoloso per il mantenimento della vita. Il cuore promuove le azioni più rapidamente della ragione e senza troppo indugiare sul da farsi, perché il mondo non è ospitale e i pericoli, che sono a ogni passo, richiedono decisioni immediate. Le decisioni del cuore sono promosse dalle emozioni come la paura che il cuore avverte di fronte al pericolo, o come il desiderio che approda all’accoppiamento per la preservazione della specie. Tutto questo senza riflettere, perché la luce della ragione ancora non c’è. La nostra è un’epoca di spaventosa espansione della razionalità tecnica. Da un lato, questa espansione impone la rimozione delle emozioni e dall’altro innesca una reazione di ritirata emotiva nel proprio sentimento, assunto come unica legge di vita. A questo si aggiungono la ricerca costante di visibilità e di notorietà, che trasformano le nostre emozioni in merci. Ma allora siamo ancora capaci di riconoscere che cosa sia un’emozione? Umberto Galimberti costruisce un cammino straordinario nelle profondità del nostro vissuto e ci insegna a ritrovare il nostro spazio intimo, cioè lo spazio che si nega al pubblico per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI