MA CHE STRANI STI ESSERI UMANI (poesia di Susanna Brunelli)

MA CHE  STRANI STI ESSERI UMANI (poesia di Susanna Brunelli)

 

( In dialetto veneto )

Un colpo semo allegri, un colpo semo tristi.

Ma ie proprio strani sti esseri umani!

Ma come …fin a ieri te eri contento adesso te si stralunà !

Cosa te successo ? Cosa eto pensa ?

Elo el tempo,l’età o la casualità ?

Cosa te raccontito ? Che discorsi feto tra ti e ti, quante volte te rabbito ?

Con i pensieri e le preoccupazioni  non migliora  le situasioni, anzi !

Ma che vibrazioni emanito  se te fe cosi, non certo de gioia, seto che noia par chi te sta intorno ?

Che elettroni ! par non dir qualcos’altro !!!

Ma sta chietoooo, sta sereno, ghe pensa el Signor a levarte el bojor.

Ehhh, ….no le mia che te ghe da far finta de niente, ma te se che la mente mente …

 E continuando a rumar, te te scavi la fossa, le meo darse na mossa !

Se te cambi modo de pensar, cambia anca l’emosion che le quela che te da la diresion.

Vedi ti da che parte star ! A ti la decision

Ti forse non te ghe credi ma te si benedetto …a… te pol tranquillamente andar in leto

 

Susanna Brunelli

LE PAROLE RITROVATE

Verona

 

( traduzione in italiano )

 

Un un colpo siamo allegri, un colpo siamo tristi.

Ma sono proprio strani sti esseri umani !

Ma come , fino a ieri eri contento adesso sei stralunato !

Cosa ti è successo ? Cosa hai pensato ?

 E’ colpa del tempo , l’età o la casualità ?

Cosa ti racconti ?

Che discorsi fai tra te e te, quante volte ti arrabbi ?

Con i pensieri e le preoccupazioni non migliorano le situazioni, anzi !

Ma che vibrazioni emani se fai cosi, non certo di gioia , sai che noia per chi ti sta attorno ?

Che elettroni per non dire qualcos’altro !!!!!

 Ma stai chieto, stai sereno, ci pensa il Signore a toglierti il bollore

Ehhh,…. non è che devi far finta di niente , ma lo sai che la mente mente …

E continuando a rimuginare , ti scavi la fossa, meglio darsi una mossa !

Se cambi modo di pensare, cambia anche l’emozione , che è quella che ti da la direzione

Vedi tu da che parte stare, a te la decisione

Tu forse non ci credi , ma sei benedetto , puoi pure andare tranquillamente a letto

 

Verona 3 agosto 2021

 Spiegazione della poesia

MA CHE STRANI STI ESSERI UMANI

 

Questa poesia , racchiude concetti di vitale importanza, come la variazione di umore in base a quello che accade intorno a noi, quindi tutto dipende, però anche no, a seconda della propria  consapevolezza.

Passare repentinamente da uno stato emotivo all’altro dipende dal proprio dialogo interiore, da cosa ci si racconta dentro, in quanto noi siamo in continuo ascolto del “chiacchiericcio” della nostra mente, il cosi detto “dialogo interiore”.

Ma se non impariamo ad essere presenti a noi stessi ci facciamo trascinare dalle emozioni che vengono dai nostri pensieri , quindi è utile cambiare modo di pensare se vogliamo evitare di  essere continuamente in preda alla nostra mente che molto spesso mente.

Quando non si è emotivamente equilibrati, possiamo mettere a disagio chi ci sta attorno, e può essere una rottura di scatole, facendo riferimento agli elettroni voglio dire che noi siamo fatti di energia e gli elettroni girano come le palle .

Invece di rimuginare sarebbe il caso di scegliere da che parte stare, perché noi abbiamo questa capacità.

La capacità di de-cidere , cioè recidere, tagliare, facendo cosi smuoviamo la situazione che ci infastidisce.

Quando però non dipende da noi , ma le cose si fanno complicate , allora  se si crede che tutto è possibile e ci si affida alla fede, credendo di essere benedetti e protetti , la vita, l’universo o chi lo vuole  chiamare Dio si metterà all’opera e lavorerà a nostro favore, perché anche i pensieri sono vibrazioni che emettiamo nell’universo e l’universo risponde come una cassa di risonanza.

 

Quindi, ogni cosa coopera al bene e possiamo trarre delle lezioni da quello che ci accade

Non dipende da quello che accade ma da come reagiamo a tutto ciò

 Susanna Brunelli

 Cell: 3428447529

 

susi.brunelli@gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------