UNA TESTIMONIANZA DAL REPARTO PSICHIATRICO DI CUNEO

La testimonianza di un 20enne, tra pandemia e depressione: sempre più giovani i pazienti che hanno bisogno di un sostegno psichiatrico

Questo ragazzo ci ha messo del tempo prima di capire di aver bisogno di aiuto. A "salvarlo" la musicoterapia e la scrittura.

 

da Targatocn  06 agosto 2021, 10:32

 

segnalato da Giovanna Garbarino

volontaria di MenteInPace

 

Una lettera scritta da un ragazzo di 20 anni. Racconta una vicenda personale, ma può essere di aiuto anche ad altre persone. E, soprattutto, testimonia di come la pandemia abbia avuto effetti devastanti sulla psiche di tanti ragazzi giovani e giovanissimi. 

Durante il mese di gennaio ho trascorso tre settimane nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Carle di Cuneo. Dopo un periodo molto stressante della mia vita, ho avuto una grave caduta a livello mentale e i miei genitori si sono trovati costretti a trasportarmi d’urgenza in pronto soccorso dove i medici hanno deciso di trasferirmi in Psichiatria.

Vivere in quel reparto spesso ti fa sentire intrappolato, in gabbia, ero convinto di non aver bisogno di aiuto e che le persone intorno a me non capissero che in realtà stessi bene.

 

Credevo che la mia terapia fosse sbagliata e che non avessi bisogno di medicine per stare meglio. Continuavo ad autoconvincermi di tutto ciò e nel frattempo la mia situazione stava solo peggiorando.

A marzo la dottoressa Esposito, che in quei mesi si era sempre tenuta in contatto con mia madre per sapere come stessi, decide di farmi iniziare un percorso di musicoterapia individuale con l’educatrice Grazia Setaro, all’interno del reparto. Sarò per sempre riconoscente a entrambe per avermi dato questa opportunità; la musica è sempre stata la mia più grande passione e non so se questo abbia contribuito al mio miglioramento ma questa terapia mi ha letteralmente fatto uscire dal periodo più brutto della mia vita.

 

Ho potuto anche frequentare il laboratorio di scrittura autobiografica, che mi ha consentito di sperimentare il potere terapeutico della parola: anche questa esperienza mi è stata di grande aiuto. Nel giro di qualche giorno, anche grazie al cambio di alcune medicine, ho ricominciato a stare meglio, a uscire di casa, a vedere i miei amici. Ho continuato ad andare regolarmente in Psichiatria fino a Luglio e ora posso finalmente dire di sentirmi bene al 100%.

 

Le malattie mentali sono un problema serissimo ed estremamente complicato, trovare una terapia giusta che funzioni fin da subito e quasi impossibile perché il processo di guarigione richiede tempo  e il paziente dev’essere disposto a farsi aiutare e soprattutto a voler guarire, parte tutto dalla nostra volontà.

 

Ho passato mesi entrando e uscendo dalla Psichiatria e una cosa che non ho potuto non notare è che il numero di giovani sta crescendo giorno dopo giorno.

Io ho 20 anni e a gennaio ero il ragazzo più giovane all’interno di quel reparto, ad aprile il numero di miei coetanei era aumentato e il reparto aveva iniziato ad ospitare anche minorenni. Il periodo di quarantena che abbiamo vissuto e la pandemia che stiamo tutt’ora vivendo hanno contribuito a far nascere in molti di noi malattie e disturbi mentali e il numero di pazienti all’interno della Psichiatria è aumentato di conseguenza.

 

I medici e tutto il personale sanitario fanno del loro meglio ogni giorno per garantire un buon servizio e hanno bisogno del giusto riconoscimento.

Ringrazio tutti gli infermieri che ho avuto il piacere di conoscere durante questi mesi e che mi hanno sempre aiutato, in particolare ringrazio la Dottoressa Esposito che non ha mai perso la speranza con me e l’educatrice Grazia Setaro, senza di lei probabilmente non starei scrivendo questa lettera.

Lettera firmata

 

Tratto da:

https://www.targatocn.it/2021/08/06/mobile/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/la-testimonianza-di-un-20enne-tra-pandemia-e-depressione-sempre-piu-giovani-i-pazienti-che-hanno.html

 

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Susanna brunelli (lunedì, 09 agosto 2021 08:22)

    Che bello sentire questa testimonianza, auesto ragazzo è stato estremamente benedetto perché ha trovato le persone giuste che hanno saputo cogliere il talento di questo ventenne.
    Avrà molto da insegnare ad altri suoi coetanei.
    Bravo ragazzo!!! Sono proprio felice per te!!! A volte basta un nulla per rovinare una vita se non viene gestita bene dalla psichiatria e dai famigliari.
    La musica, grande strumento terapeutico

  • #2

    Silvana Palleria (lunedì, 09 agosto 2021 09:52)

    Bravissimo! Sei stato molto coraggioso a rendere testimonianza di un pezzo del tuo vissuto doloroso ma che ti ha fatto prendere coscienza che non ci si salva mai da soli. Sei stato anche fortunato a incontrare persone giuste che hanno capito quale poteva essere il percorso su misura per te. Tanti auguri a te per i risultati ottenuti, e spero di cuore che la tua lettera possa essere di aiuto ai tanti ragazzi e ragazze che in questo periodo affollano, purtroppo, i reparti psichiatrici.

  • #3

    anto (lunedì, 09 agosto 2021 16:04)

    grande hai detto parole magiche dobbiamo essere noi i primi a volerci bene e farsi curare io ti auguro che tt ti vada bene in quanto la musica la puoi scrivere e nel contempo ascoltarla chissà che non vengono fuori anche poesia una bella testimonianza forza e bravo intanto anche graxie

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 111.325

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 85

Dati aggiornati

al 21-10-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 a cura di: SUSANNA CIELO, ANNA RITA MANUELLO, LUCA NOVARA

 

GLI ELEMENTI INVISIBILI DELLA CURA

Malattia mentale: quello che abbiamo imparato dalle famiglie

 

Primalpe edizioni

 

Con il Progetto Arcipelago siamo partiti con la DI.A.PSI. di Cuneo “in navigazione” con i familiari che si trovano ad affrontare sofferenze, problemi e ricerca di cura nel campo della malattia mentale. Per la pandemia ci siamo fermati a Cuneo, a riflettere, con i partecipanti al gruppo, su questo viaggio. Tante terre esplorate, tante storie. Ma è stato soprattutto dal viaggiare con le famiglie che abbiamo imparato. Ci sono “elementi invisibili” della cura su cui poter tracciare anche nuove mappe per la Salute Mentale.

 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI