IL MOMENTO DELLA VISITA DI CONTROLLO (Susanna Brunelli)

IL MOMENTO DELLA VISITA DI CONTROLLO

Verona 16  agosto 2021 

 

Quando vai a fare la visita di controllo, corri il rischio di non  trovarti  il medico della volta precedente, quello che magari ti aveva fatto una buona impressione e avresti voluto proseguire con lui o lei , invece, nelle aziende ospedaliere a meno che scegli  di pagarne uno in libera professione , la probabilità è incerta e ti puoi trovare la sorpresa che qualcuno deluda le tue aspettative .

La situazione è delicata, (per te )….Chissà se è un dottore o una dottoressa, se è giovane o ha molta esperienza, se è sorridente o serio/a , se è bravo , se sembra bravo o  cerca solo di  svolgere il compito diligentemente facendosi un’idea leggendo l’anamnesi che si trova sul pc , ancora prima di rivolgerti la parola ; mi chiedo cosa  vede , chi vede,  come mi vede, quanto mi vede , Maaa…. MI VEDE ?

 

Chissà quanto  la valutazione è personale, professionale, tecnica, generale, mirata, olistica o….solamente basata sui sintomi o le manifestazioni del corpo!

Ehi tu che mi guardi dalla tua postazione  che separa le nostre anime , ti chiedi  come posso vivere la mia patologia ? Se l’ho accettata ? Se mi fa paura ? Cosa desidero per me ? Cosa mangio, cosa penso, cosa scrivo, come vivo, in cosa credo , in chi credo, quali sono i miei sogni e i miei desideri,  cosa temo , chi temo, di chi mi fido , chi mi da fiducia, cosa mi fa piacere, quali sono le mie emozioni, le mie motivazioni, i miei sentimenti, le mie percezioni, le mie aspettative, la mia volontà, la mia predisposizione, i miei talenti, il mio umore…. Se sono felice , se qualcosa mi preoccupa, se sono sposata o single, se ho figli,  che tipo di lavoro faccio, se mi piace il mio lavoro , se ho un  lavoro !!! Se mi piace scherzare, se mi piace la vita, o vedo tutto grigio, come mi relaziono con me stessa e con gli altri, chi frequento, chi mi sta attorno, cosa e chi mi stressa, cosa mi stufa, cosa mi stanca, cosa mi annoia , cosa mi fa arrabbiare , cosa mi da gioia …

 

Si perché tutto questo ha a che fare con il mio disagio, quella che viene chiamata malattia che può essere psichico ma anche fisico, se  tieni  conto di tutti questi fattori allora secondo me sei un bravo medico , al di là dei farmaci che prescriverai, cosi  mi metti nelle condizioni di essere meno critica, più ricettiva e collaborante, io che faccio fatica a fidarmi dei dottori.

 

E io ? Chi penso e credo di avere davanti a me ?

Prima di tutto una persona, poi un medico, ma anche sicuramente un figlio/a, una moglie, un marito, un genitore,….. un essere umano, quindi in quanto tale gli devo  rispetto.

 

OK , mi metto nei panni della persona che mi trovo davanti , so che è una visita medica  e non un colloquio  di lavoro o incontro amoroso,  ma per come la vedo io una cura efficace deriva dal fatto che deve nascere un rapporto di fiducia, le due anime si devono incontrare sullo stesso piano,  quindi…   Anch’io devo fare la mia parte , devo imparare ad esprimermi bene, a chiedere nel giusto modo , in modo gentile ma determinato,  pretendere che mi vengano spiegate le cose che non capisco , prima di firmare un consenso informato.

 

CHI E’ ?

Certo qualcuno che ha il potere di influenzare la mia vita.

Spesso non ci sono alternative e ti senti dire:  "Questo è quello che devi prendere, ma se vuoi puoi anche farne a meno, oppure; questo è quello che devi prendere , il dottore sono io .."

Una sorta di subdolo ricatto si insinua e i dubbi mi assalgono.

Sento qualcosa di sospeso nell’aria. Avrò detto tutto quello  che dovevo  dire ? Ho chiesto  tutto quello che dovevo chiedere ? E se poi accetto questa cura  e mi pento ? E se invece ha ragione ? Mi sono spiegata?

Avrà capito ? E se la finissi di farmi le “pare“ (l'Autrice intende le paranoie, NdR) e mi fidassi ?

Ma guarda dottore che non ce l’ho con te, non farne un fatto personale se il mio sistema rettile scatta come un serpente a sonagli, io penso a me, al cambiamento che devo subire , con la possibilità di migliorare ma anche avere  effetti avversi alla cura e di peggiorare la situazione già complicata.

La cosa è certa , VOGLIO STARE BENE ! Mi vuoi aiutare ?

 

Susanna Brunelli

susi.brunelli@gmail.com

 

Susanna fa parte del Movimento nazionale LE PAROLE RITROVATE.

 

 È di Verona

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Silvana Marzagalli (mercoledì, 18 agosto 2021 16:54)

    È un testo splendido, Susanna, davvero. Magari ci ponessimo tutti con questa apertura mentale all'altro, medico/a o meno. Tu sei più brava ma mi sento molto vicina a te nelle sensazioni e nelle emozioni

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.609

Dati aggiornati al 04-10-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Ivan Cavicchi

Oltre la 180
 
Castelvecchi editore

 

Sono passati più di quarant’anni da quando Franco Basaglia, coraggioso riformatore, ha realizzato il sogno di curare la malattia mentale senza i manicomi. La “sua” legge 180 doveva rivoluzionare l’intera cultura psichiatrica, ma la riforma del 1978 si è presto incagliata in ostacoli culturali, sociali, ideologici e organizzativi ed è ormai inadeguata nel fronteggiare i problemi della società contemporanea e dei nuovi malati. Ivan Cavicchi spiega perché il progetto di Basaglia è in realtà incompiuto e come la psichiatria sia ancora in larga parte da riformare, e propone di andare “oltre la 180”, rimuovendone le contraddizioni interne e sfondando il muro dell’apologia per evitare il rischio di regressività o di controriforma. Particolare attenzione va riservata ai professionisti sanitari che si occupano delle esistenze delle persone e dei loro “equilibri” nei contesti di vita e di lavoro, di ogni età e di ogni condizione sociale: un’adeguata riforma delle prassi degli operatori della salute mentale è infatti la più grande sfida del futuro della psichiatria e di tutta la medicina.

 

L’Autore

Ivan Cavicchi è filosofo della medicina, sociologo e antropologo; insegna all’Università Tor Vergata di Roma. 

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------