VACANZE E DISINTOSSICAZIONE DIGITALE (Maria Girardi)

DIGITAL DETOX, ADDIO A NOMOFOBIA E TECNOSTRESS IN VACANZA

Nell'era del "posto ergo sum", disintossicarsi dalla sovraesposizione tecnologica è un passo necessario

DA news.alcologia@gmail.com

18/8/2021 20:28

A  menteinpace@libero.it  

 

di Maria Girardi

 

Con il termine digital detox, ovvero disintossicazione digitale, si fa riferimento a un periodo in cui un soggetto decide in maniera volontaria di astenersi dall'uso di dispositivi digitali (smartphone, tablet, pc) e dai social media (Facebook, Instagram e similari). Quale momento migliore se non quello delle vacanze estive per mettere in pratica un'attività che a tutti gli effetti può essere definita terapeutica?

Le ferie sono da sempre considerate come sinonimo di relax e di pausa da tutto e da tutti. Nella nostra era ipertecnologica, tuttavia, la necessità di staccare la spina è stata sostituita dal bisogno di condividere ogni istante della propria giornata, con il conseguente pericolo di contemplare solo lo schermo e non la bellezza del luogo di villeggiatura.

In tempi in cui la massima esistenziale sembra ormai essere diventata il "posto ergo sum", non è affatto raro soffrire di disturbi come nomofobia e tecnostress. Come si manifestano e in che modo è possibile sfruttare le vacanze per attuare un digital detox i cui effetti si estendano anche al rientro? A spiegarlo è Rossella Valdrè, psicoterapeuta, psicoanalista e collaboratrice di Guidapsicologi.it.

 

DIGITAL DETOX, L'ALLEATO CONTRO LA NOMOFOBIA

Nomofobia è un termine coniato di recente. Nasce dall'unione dell'inglese "no mobile" e dalla parola "fobia" e sta ad indicare la paura di non riuscire a connettersi al cellulare o di non essere rintracciabili anche per breve tempo. Chi soffre di questa problematica porta sempre con sé lo smartphone, anche quando dorme; lo controlla incessantemente alla ricerca di messaggi, risposte, news e si allarma se non riceve nulla e, al contrario, si eccita se giunge una notifica.

Quando il dispositivo non è a portata di mano il nomofobico prova ansia, panico e tutte le manifestazioni tipiche di una dipendenza, non a caso è stato proposto di inserire la nomofobia fra i Disturbi di dipendenza del DSM V. Tutti possono sperimentarla, anche se i soggetti più a rischio (e quindi coloro per i quali il digital detox è fondamentale) sono i nativi digitali, bambini e adolescenti nati in un'epoca già dotata di tutte le tecnologie. Lo smartphone assume un simbolismo molto intenso; è il mezzo attraverso cui i giovani entrano in contatto con i coetanei, si confrontano e misurano la loro autostima.

Tutto questo può valere anche per l'adulto, ma trova nella fragilità narcisistica dell'adolescente un terreno fertile. La conseguenza più grave è quella che in psicologia viene definita "ritiro psichico". Il nomofobico si isola sempre più e si rifugia in un mondo autarchico di fantasia scollegato dalla realtà. In questa bolla ovattata ogni sviluppo emotivo e creativo viene bloccato.

 

DIGITAL DETOX, L'ALLEATO CONTRO IL TECNOSTRESS

Il digital detox è essenziale anche per coloro che sperimentano il tecnostress, ossia uno stato di intensa tensione generato dall'eccessiva esposizione agli strumenti tecnologici, in genere per ragioni lavorative. Coniato per la prima volta nel 1984 da Craig Brod, il termine viene usato soprattutto all'interno delle aziende e delle politiche del lavoro. Oggi e in particolar modo durante la pandemia, l'impatto del tecnostress è aumentato a dismisura. Brod ne riconosceva due forme: quella del principiante che lotta per accettare il carico del lavoro e quella della persona più preparata che si è identificata con il mezzo.

Chi soffre della problematica è facilmente riconoscibile per il numero eccessivo di ore trascorse davanti allo schermo e per alcuni sintomi fisici da sovraccarico e manifestazioni psichiche:

·         insonnia;

·         disturbi dell'appetito;

·         abuso di alcol;

·         eccesso di cibo;

·         ansia;

·         depressione;

·         astenia.

 

IL DIGITAL DETOX IN VACANZA

Mettere in atto il digital detox non è sempre così semplice come potrebbe sembrare. Si è visto, infatti, che nomofobia e tecnostress spesso sfociano in vere e proprie dipendenze. Per sottrarsi alle stesse è necessario avere qualcos'altro su cui investire e da cui ricavare una diversa fonte di piacere e di rifornimento narcisistico. La vacanza dunque, ma anche il post ferie, può diventare un'occasione per allargare i propri interessi e per sperimentare un rapporto diverso con se stessi e con la propria immagine.

(...omissis...)

 

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://www.ilgiornale.it/news/salute/digital-detox-combattere-nomofobia-e-tecnostress-vacanza-1967363.html

 


(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito 
www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI