AMIR E GLI ALTRI, COSÌ I MIGRANTI TORNANO IN PATRIA (Jacopo Storni)

Amir e gli altri, così i migranti tornano in patria

 

George è rientrato in Nigeria dove è diventato autista di pullman, Mohamed è tornato in Senegal dove ha aperto un mini market. Storie di migranti di ritorno grazie al progetto Re-Build

di Jacopo Storni

 

DA toscana@redattoresociale.it

A  menteinpace@libero.it  

 

 

 FIRENZE - C’è Amir, che appena è rientrato in Gambia si è comprato un taxi usato grazie al quale mantiene tutta la famiglia: gli affari girano talmente bene che adesso sta pensando di acquistare un’altra macchina per affittarla. C’è George, che appena tornato in Nigeria ha comprato un pullmino dove trasporta persone nei giorni feriali e merci nei giorni di festa. E poi c’è Mohamed, che appena rimpatriato in Senegal ha aperto un mini market a Dakar dove vende di tutto e dove i clienti ormai gli sono affezionati.

 


Amir, George e Mohamed, prima di rientrare nei loro Paesi di origine, erano in Toscana come migranti. Richiedenti asilo, rifugiati, spesso nei centri di accoglienza senza una prospettiva di vita. Senza lavoro, senza affetti, lontano dalla propria famiglia. Altre volte ospitati nelle parrocchie, oppure in dimore di fortuna, o ancora fuoriusciti dai centri e finiti allo sbando per strada.


Così, quando gli si è presentata la possibilità di tornare in patria attraverso l’erogazione di un microcredito, hanno scelto di tornare. Perché in Africa ci sono le loro origini, perché l’Africa ha bisogno di loro, perché l’Italia non era quell’eldorado che avevano sognato prima di imbarcarsi nei gommoni con cui hanno attraversato il Mediterraneo. Non tornano in patria da falliti, ma con la possibilità di avviare un’attività in proprio.


Oltre ottanta migranti tornati in Africa da tutta Italia grazie alla cooperativa fiorentina Il Girasole del Consorzio Co&So in partnership con l’associazione Nosotras, che soltanto in Toscana ha fatto rientrare quasi 30 stranieri.

Si chiama “Re-Build” (clicca qui per saperne di più) ed è un progetto di ritorno volontario assistito e reintegrazione. I migranti, singoli o famiglie, che intendono far ritorno nel proprio Paese sono affiancati e assistiti attraverso l’elaborazione di un piano di reintegrazione che viene progettato, implementato e monitorato insieme agli attori locali presenti nelle nazioni di origine affinché si possano valorizzare le competenze degli stessi migranti e si possa favorire il loro sviluppo socioeconomico. Il progetto prevede l’erogazione iniziale di 400 euro per la logistica della partenza, più l’erogazione di un sussidio in beni e servizi (2000 euro) per ogni adulto capofamiglia, 1000 per ogni adulto a carico e 600 per ogni minore a carico. I fondi arrivano dal ministero dell’Interno attraverso un bando pubblico.


La cooperativa Il Girasole, attraverso i suoi mediatori culturali, allaccia rapporti con associazioni e Ong africane che poi si prenderanno in carico il migrante non appena rimpatriato, seguendo il percorso di reinserimento socio-professionale. Le nazioni maggiormente interessate sono Mali, Senegal, Gambia, Nigeria, Ghana, Niger, Costa d’Avorio, Tunisia, Marocco e Guinea. Nella maggior parte dei casi, il percorso di reinserimento si conclude nel migliore dei modi. E i ragazzi africani, una volta avviata la propria attività, ringraziano l’Italia. La loro vita ricomincia da dove si era interrotta. E con il nuovo lavoro spesso ritrovano
serenità, alcuni si sposano e mettono su famiglia.


“Abbiamo aderito a questo progetto – ha detto il responsabile Mauro Storti – perché, nei nostri percorsi di accoglienza, ci siamo resi conto che non erano pochi i migranti che, a fronte di percorsi che non hanno portato i frutti sperati, hanno espresso la volontà di tornare in patria. Così abbiamo contattato le associazioni locali dei Paesi di origine, che hanno il compito di monitorare il reinserimento dei migranti di ritorno attraverso i fondi che noi gli devolviamo”.

 

Tratto da: https://www.redattoresociale.it/article/toscana_sociale/amir_e_gli_altri_cosi_i_migranti_tornano_in_patria

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI