LE DIPENDENZE E LE PROFESSIONI SANITARIE: UNA SFIDA ANCORA APERTA

LE DIPENDENZE E LE PROFESSIONI SANITARIE:

UNA SFIDA ANCORA APERTA

 

DA news.alcologia@gmail.com

A  menteinpace@libero.it  

 

La situazione della diffusione delle dipendenze, sia quella dalle tantissime sostanze sia quella altrettanto diffusa da comportamenti, è realmente drammatica. Se ne parla poco e male e la politica, così come molti mass media, oscillano su posizioni ideologiche più che metodologicamente fondate (proibizionismo, legalizzazione, ecc.) e con prospettive scarsamente lungimiranti. L’emergenza SARS-CoV-2 rischia di far trascurare ancor di più il fatto che nel frattempo le dipendenze continuano ad esistere radicandosi nella vita reale di fasce di popolazione sempre più giovani o addirittura adolescenziali. In Italia la gran parte della rete dei servizi, sia nel pubblico che nel privato sociale, continua a svolgere il proprio ruolo con appropriatezza anche se iniziano a vedersi le prime crepe in un sistema sanitario che la pandemia di Covid-19 ha messo terribilmente in crisi e se non si corre ai ripari con l’allocazione di risorse di personale formato, economiche, di spazi e attrezzature il sistema rischia di crollare.

SERVIZI TERRITORIALI PER LE DIPENDENZE, C'È ANCORA MOLTO DA FARE

Le vecchie sostanze non sono scomparse per magia e sono riemerse con tutta la loro drammaticità: l’uso di cocaina si è ampliato con effetti devastanti sul piano della salute degli assuntori e con danni correlati alle relazioni famigliari, sociali e lavorative; le stesse droghe una volta chiamate “leggere”, come la marijuana e l’hashish, continuano ad espandersi tra i giovani con la novità, che oramai si registra da anni, di un aumento continuo e consistente dei livelli dei principi attivi che ne elevano la capacità di colpire e danneggiare i sistemi neurovegetativi e comportamentali.

Le cosiddette nuove droghe sintetiche nelle loro diverse e sempre più numerose composizioni inondano il mercato del consumo di sostanze raggiungendo capillarmente il mondo giovanile e i luoghi di intrattenimento e di svago; i consumatori smodati di alcool e i cosiddetti poliassuntori di sostanze stanno diventando una realtà diffusa con cui bisogna fare i conti, consci del fatto che non si intravedono segni di allentamento, anzi la dipendenza multipla si amplia e si diffonde; le dipendenze comportamentali sono una diffusa realtà come ad esempio il gioco d’azzardo e altri disturbi legati al rapporto con il cibo e alla lesione del proprio corpo e della propria psiche.

In questo scenario complesso e articolato, dove è bene ricordare che da decenni vi lavorano molti operatori sociosanitari competenti e appassionati, le mafie e le organizzazioni criminali lucrano e capitalizzano affari da capogiro, condizionando vaste filiere dell’economia anche legale e la stessa vita istituzionale di interi paesi (si pensi ad esempio all’Afghanistan, alla Colombia, all’Indonesia, ecc.), facendo capolino nei più svariati teatri di guerra e di conflitti ancora aperti.

Nel tunnel delle dipendenze si entra purtroppo da diversi percorsi esistenziali e sociali e ci si può curare e guarire ricorrendo a diversi approcci terapeutici: non c’è una via di entrata obbligata e una via d’uscita sicura dalle dipendenze. Bisogna sempre più sforzarsi di riconoscere il pluralismo e la personalizzazione delle diagnosi e dei percorsi di cura per rendere il più rigoroso possibile il cammino terapeutico che di volta in volta bisogna impostare e implementare.

La definizione chiave che pertanto bisogna sempre più utilizzare per affrontare correttamente le sfide aperte delle dipendenze è integrazione progettuale tra i vari percorsi terapeutici, tra gli approcci farmacologici e quelli psico-terapeutici, tra pubblico e privato sociale, tra le diverse professionalità, tra famiglie e territori, tra le varie strategie di prevenzione, cura e riabilitazione.

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://www.nurse24.it/specializzazioni/salute-mentale/dipendenze-professioni-sanitarie-sfida-ancora-aperta.html

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 111.325

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 85

Dati aggiornati

al 21-10-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 a cura di: SUSANNA CIELO, ANNA RITA MANUELLO, LUCA NOVARA

 

GLI ELEMENTI INVISIBILI DELLA CURA

Malattia mentale: quello che abbiamo imparato dalle famiglie

 

Primalpe edizioni

 

Con il Progetto Arcipelago siamo partiti con la DI.A.PSI. di Cuneo “in navigazione” con i familiari che si trovano ad affrontare sofferenze, problemi e ricerca di cura nel campo della malattia mentale. Per la pandemia ci siamo fermati a Cuneo, a riflettere, con i partecipanti al gruppo, su questo viaggio. Tante terre esplorate, tante storie. Ma è stato soprattutto dal viaggiare con le famiglie che abbiamo imparato. Ci sono “elementi invisibili” della cura su cui poter tracciare anche nuove mappe per la Salute Mentale.

 

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI