RADICI (poesia di Alba Bertone)

RADICI

 

Ed è finita l'ultima tua guerra.

Rimetti le tue mani

nella terra.

 

Ed oggi infine afferro quel che dici.

Rimetti nella terra

le radici.

 

Rimettile e vedrai, andranno a fondo.

 

Col naso nella terra

annusi il mondo.

 

Che sonnacchioso e torrido respira.

Che muto come un pesce danza e gira

 

nel nero dell'ignoto universale.

Sapere o non sapere

spesso è uguale.

 

Ma...

 

la tua vecchia risposta

è questa terra.

Ad ogni mia domanda.

Sempre terra.

 

Il cielo sa che a lungo ti ha aspettata.

 

E come il tuo ritorno,

va cantata.

 

 

Alba Bertone

Aosta

 

 

Alba fa parte del Movimento nazionale de LE PAROLE RITROVATE.

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Flora (martedì, 07 settembre 2021 16:37)

    Bellissima, grazie di cuore

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.309

Dati aggiornati al 3-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------