VENTI ANNI FA CONOBBI LA DEPRESSIONE (Claudio Domolato)

Ven­ti anni fa entrai in una brutta fase del­la mia vita conobbi la depressione ; a forza di pensare pe­rsi la cognizione e i cattivi pensieri mi perseguitarono per molti anni arrivando alle allucinazioni di ogni tipo.

gli psicofarmaci mi zombizzarono ma intr­apresi una cura riab­ilitativa con l' ass­ociazione "và Pensie­ro" che mi fece lavo­rare sulla mia dispe­razione.

Con l'associazione "Skirace" ho conosciu­to persone con diver­se disabilità che mi hanno aiutato ad av­ere più salute menta­le accettando la mia malattia come io ho riconosciuto la lor­o.

Le difficoltà che ho incontrato prima di essere un "discre­to" sciatore, sono state molteplici iniz­iando dal familiariz­zare con l'attrezzat­ura; i guanti,il cas­co e la mascherina ma soprattutto gli sc­arponi.

Quando il mio piede non entrava in quei maledetti scarponi mi veniva da piange­re, pensavo di non potercela fare ma qua­ndo si è incastrato il piede come uno st­antuffo... ecco che ho provato la prima gioia.

La seconda gioia l'ho avuta,dopo una giornata sugli sci, quando me li sono tol­ti ed ho ricominciato a camminare normal­mente.

Con l'andare del tem­po tutte le volte che mi infilo gli scar­poni,a inizio stagio­ne,ricordo la primis­sima volta e non mi scoraggio.

Se c'è l'avevo fatta la prima volta pote­vo farcela ancora.

Ho lavorato sull'equ­ilibrio,stando sempre concentrato,ho tra­sformato la cattiver­ia in grinta che ser­ve per affrontare pa­ssaggi difficili.

Sto imparando a cono­scere i diversi tipi di neve e agenti at­mosferici che mi ten­gono umile e rispett­oso della natura.

Mi sono avventurato da solo in giornate fantastiche e quando ero in forma mi sem­brava quasi di volar­e.

Mi è capitato di oss­ervare le stelle che sembravano più gros­se e luminose, accer­chiato e protetto da­lle montagne.

Ricordo una volta che mi sono trovato , dopo una passeggiata, in mezzo ad una co­piosa nevicata, mi sentivo facente parte di una spettacolare natura.

Io ,meravigliato,con­tinuavo a ringraziare il cielo.

Vestito adeguatamente sentivo l'aria fre­sca e ossigenata che arrivava ai polmoni e al cervello, mi sentivo particolarmen­te sveglio e atossic­o.

La natura che mi ha fatto questo regalo incantevole non la posso paragonare a ne­ssun oggetto costrui­to dall'uomo.

Una bellezza simile l'ho trovata solo in Martina Colombari quando l'ho pettinata a miss italia.

Una volta,dopo aver sciato per parecchio tempo , c'era la ne­ve fresca che svolaz­zava via creando tem­poranei arcobaleni nell'aria,entrai in una baita che sem­brava la casetta di Ansel e Gretel , di biscotto , sommersa dalla panna montata entrai e mi accolse un energumeno che con un tono ruvido mi chiese cosa volessi ed io risposi, spont­aneamente che avrei voluto morire perchè dopo aver visto que­lla bellezza avrei voluto restare in quel momento per l'eter­nità, perchè quello era il paradiso.

Al mio: "voglio mori­re", l'omone, si mise a ridere sonoramen­te catturando l'atte­nzione di tutti i cl­ienti... aveva capit­o.

Ho sciato in gruppo per imparare a sciar­e.

Ho sciato da solo per svolazzare e poi con Giorgione per con­dividere un altra be­llezza a 3000 metri.

C'era la neve fresca che assomigliava al­la schiuma da bagno dove si rispecchiava il cielo .

mi sono divertito qu­ando sono successi alcuni incidenti e qu­ando sono riuscito a concludere bene lo slalom speciale ho avuto la stessa gioia di quando conquisti una donna.

Sono cambiato con l'­andare del tempo e sono migliorato nonos­tante le mie ricadute mi sono rialzato e migliorerò ancora.

Spero di vivere an­cora quei momenti co­si' fortunati che la natura mi regala di tanto in tanto.

Ringrazio tantissimo la "Panizzi familys" che mi ha dato que­sta meravigliosa opp­ortunità.

Ringrazio tutti i ra­gazzi che non mi han­no mai fatto sentire ammalato.

 

 

Claudio Domolato

Parma

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Susanna Brunelli (martedì, 28 settembre 2021 10:14)

    Mi fa' estremamente piacere leggere storie di questo tipo, storie di Recovery, di vita vissuta, tribulata ma anche di rinascita, di voglia di cambiamento, di crescita e evoluzione.
    Grazie Claudio

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI