COME MI TROVO SUL POSTO DI LAVORO (intervista a Chiara Marini)

Come mi trovo sul posto di lavoro e con le colleghe

 

 

Chiara è una volontaria di MenteInPace. Da poco ha trovato un lavoro1, presso la Scuola Primaria “Andrea Fiore”.

Che tipo di lavoro è?

 

Il mio lavoro inizia alle 10:50 in cui io e la mia collega entriamo, mostriamo il green pass poi saliamo al terzo piano dove c’è lo spogliatoio.

Ci prepariamo vestite da cucina; poi scendiamo.

La mia collega e io asciughiamo e ritiriamo tutto quello che la lavastoviglie lava, mettiamo un po’ a scolare e poi ritiriamo negli appositi armadi.

Alle 11:30 partono i carrelli delle materne e io vado a pulire un corridoio di un salone di una classe di una materna. Poi faccio le scale e un altro pezzo di corridoio.

Quando ho finito vado al primo piano, passando dall’entrata principale, prendo l’ascensore e ci sono dei servizi dove riporre i mop (che sono gli stracci che si usano per lavare per terra) sporchi in un cesto e svuoto il secchiello.

Mangio pranzo e dopo aiuto a riordinare le varie sezioni dei bimbi che hanno mangiato.

All’una vado al terzo piano e incomincio ad asciugare le posate e le teglie e vado avanti fino all’una e mezza.

In seguito sanifico i tavoli; le sedie le metto sui tavoli, prendo la scopa e scopo per terra. Dopo aver finito di scopare lavo il pavimento e alle 14:30 vado di nuovo a sanificare. Questo è il mio lavoro.

 

Come ti fa sentire avere un lavoro? Ti fa sentire meglio?

 

Mi fa sentire realizzata, avere un piccolo compenso economico (300 euro al mese). Mi fa sentire meglio e mi fa uscire dal lavoro soddisfatta.

 

Il lavoro ti piace?

Mi piace molto perché a me i bambini sono sempre piaciuti. Avevo già provato con mio nipote da quando ha iniziato le elementari.

Stai bene con le colleghe?

Molto.

Grazie Chiara per l’intervista e per la tua foto che ci hai inviato.

 

 

1 – Si tratta di una “borsa lavoro”

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Massimo Fornasini (giovedì, 30 settembre 2021 08:28)

    Ciao Chiara. Sono molto felice perché te. Complicità e Auguri per la tua nuova vita �

  • #2

    Rossana Costa Giani (giovedì, 30 settembre 2021 10:08)

    Brava Chiara lavorare fa sempre bene specie con i bimbi ti auguro tanta felicità e voglia di sentirti utile un abbraccio

  • #3

    Isabella Di Milo (giovedì, 30 settembre 2021 13:49)

    Ciao Chiara, felice per Te, ti auguro ogni bene.

  • #4

    Massimo Maria (venerdì, 01 ottobre 2021 19:52)

    Chiara, sono proprio contento per te. La tua energia mi dà la forza di trovare entusiasmo anch'io in quello che faccio. Il lavoro è importante perché ti dà l'opportunità di applicarsi in qualcosa che non sia strettamente personale. Ti auguro di continuare con gioia.

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.563

Dati aggiornati al 7-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------