LA SALUTE MENTALE TRA CURA E PROFITTO

LA SALUTE MENTALE TRA CURA E PROFITTO

Toni Castellano (intervista a Matteo Bessone, psicologo e referente dello Sportello TiAscolto)

 

Dal 1992 ogni 10 ottobre si celebra la Giornata mondiale della Salute mentale. Lo scopo è di creare conoscenza e sensibilizzazione sul tema dei disturbi psichiatrici e sulle condizioni di coloro che li vivono. Tema e condizioni che il dibattito e l’opinione pubblica hanno evitato per anni.

Le campagne di sensibilizzazione sono supportate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Quella del 2020 titolava Muoversi per la salute mentale: maggiori investimenti per la salute mentale.

Poco prima dell’inizio della pandemia da Covid, l’OMS aveva iniziato a segnalare a governi e opinione pubblica una prevista “epidemia di depressione” e molte forze si erano unite nella richiesta di “maggiori investimenti in salute mentale” facendo leva sui costi economici della loro gestione. A gennaio 2020, al World Economic Forum di Davos, i potenti della terra inserirono il tema in agenda. La pandemia ha infine accelerato il processo di sensibilizzazione: la salute mentale della popolazione è ormai entrata nel dibattito pubblico e nell’agenda politica, globale e statale, e la sua centralità strategica è confermata dall’evento speciale dedicatogli che ha preceduto il G20 dei ministri della Salute di Roma. Ora la salute mentale non è più nell’ombra.

Tuttavia, bisogna tenere presente che quando parliamo di disturbi psichiatrici e neurologici, parliamo di malattie che in Italia rientrano nei Livelli Essenziali di Assistenza, ossia le prestazioni che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di un ticket.
Ma qual è, ora che il tema è discusso, lo stato della salute mentale in Italia e la qualità delle cure? Quale il legame tra la fragilità mentale di molti cittadini e le loro condizioni di maggior svantaggio?
Lo abbiamo chiesto a Matteo Bessone, psicologo e referente dello 
Sportello TiAscolto

 

Per leggere tutto l’articolo  CLICCA QUI

 

 

Tratto da: https://www.gruppoabele.org/la-salute-mentale-tra-cura-e-profitto/

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Antonietta (martedì, 26 ottobre 2021 17:05)

    Sembra che le varie struttute ed associazione tipo ( ti ascolto ) e la sanità stima dando un po' più di certezze

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------