“PROGETTO GIOVANI” contro il disagio (DiAPsi Savigliano-Fossano-Saluzzo)

“PROGETTO GIOVANI”

contro il disagio

 

A sostegno di ragazzi e famiglie, è attiva l’iniziativa della

Asl CN1 e della Associazione Di.A.Psi.

                       

DA info@diapsi.it

1/11/2021 16:43

A  menteinpace@libero.it  

 

Parlare del disagio giovanile, comprenderne le dinamiche e trovare soluzioni. Oggi è quanto mai importante, urgente e necessario lavorare su questo orizzonte di consapevolezza, in una società in cui nell’ultimo anno e mezzo si è registrato un vertiginoso aumento di azioni anti-conservative: il suicidio costituisce la seconda causa di morte (dopo gli incidenti stradali) nei giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni e l’autolesionismo colpisce in Europa circa 1 adolescente su 5.

Per cercare di arginare questo fenomeno con concrete azioni di sensibilizzazione e prevenzione, la Consulta delle Famiglie”, con la Presidente Liliana Cimiero, ha organizzato tre incontri sul tema "Genitori in corso”.
Il disagio interiore dei giovani si presenta con aspetti molto vari, a partire da situazioni lievi e inizialmente meno gravi, come il "ritiro", fino a quadri clinici via via più complessi e patologici che progressivamente possono diventare così seri da mettere a rischio non solo la salute mentale del ragazzo ma anche la sua vita. La realtà ci racconta di un grande numero di ragazzi e ragazze che soffrono di disturbi della sfera emotiva e del tono dell'umore, ma è un argomento spesso evitato anche perché poco conosciuto. Le misure restrittive durante la pandemia hanno impattato significativamente sulla salute mentale di bambini e adolescenti, facendo iniziare o aggravare o destabilizzare la situazione di chi già soffriva o era predisposto a disturbi psichici. La pandemia ha fatto emergere più chiaramente quanto sia esteso e grave questo problema. Sui quotidiani nazionali sono comparsi grossi titoli che denunciano l’aumento delle richieste di aiuto per le forme più gravi di psicopatologia, come l’autolesionismo e il comportamento suicidario, con conseguente aumento dei ricoveri a fronte di una carenza di strutture dedicate, specialisti e di posti letto.

Ma è nel “prima” che si deve muovere e preoccupare: nello spazio e nel tempo della prevenzione, unica sfera per una possibile salvezza.

Prima di arrivare alla necessità di un ricovero questi ragazzi e queste famiglie devono essere aiutate su vari fronti ed in vari modi.

Nel 2013 dalla collaborazione tra il Centro di Salute Mentale dell’ASL CN1 e l’associazione Di.A.Psi. (Associazione Difesa Ammalati Psichici guidata dal Presidente Sig. Lorenzo Lanfranco) nasce il “Progetto giovani”, finalizzato alla creazione di un Servizio che, attraverso il lavoro di un’equipe multidisciplinare costituita da Psichiatra, Psicologa, Educatori Professionali ed Infermieri, fosse specializzato nella valutazione e nel trattamento precoce del disagio psicologico dei giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Da ottobre 2013 ad aprile 2020 i giovani accolti e presi in carico individualmente dal Progetto Giovani sono stati 190. La Dott.ssa Mara Barcella, responsabile del progetto, descrive che con l’attività svolta è stato creato uno spazio dove i giovani possono liberamente parlare dei propri disagi e viene data la possibilità, ove ritenuto necessario, di intraprendere un percorso psicologico o educativo. L’obiettivo è di intercettare il disagio giovanile e, attraverso interventi mirati e limitati nel tempo, prevenirne la cronicizzazione e il peggioramento.  Per accedere al progetto non serve un’impegnativa medica, ma basta un contattato via WhatsApp (Savigliano/Fossano e territori limitrofi 338-9395198, Saluzzo e territori limitrofi 346-7805781) ed i ragazzi verranno richiamati al più presto per un primo appuntamento conoscitivo. La valenza di questo progetto e la disponibilità di persone competenti è ancora più alta in questo particolare periodo storico, e confidiamo che – dopo lo stop imposto dalla pandemia - le attività possano essere riprese e proseguite con regolarità.

La presenza nel nostro territorio di una realtà così significativa come il “Progetto giovani” deve essere valorizzata ed aiutata. Per questo, oltre ad iniziative mirate alla comunicazione, il Progetto giovani è stato obiettivo delle tante e significative offerte ricevute in memoria di Elisa Schininà, giovane di 29 anni di Savigliano mancata ad agosto 2021; anche il ricavato del suo Libro "Voci invisibili" viene interamente destinato al progetto giovani.

La malattia psichiatrica, che è molto più presente nei nostri giovani di quanto comunemente si creda, deve essere conosciuta per essere rispettata e avere la "dignità" di ogni altra malattia, superando paure e pregiudizi. Perché solo così si potrà offrire un aiuto concreto a coloro che ne soffrono ed alle loro famiglie. Perché solo con la conoscenza e la consapevolezza del problema, daremo la possibilità a chi soffre di disturbi dell’umore di “uscire dal coro e non essere solo voci invisibili”, ricordando a tutti che “non si è mai soli”, ma c’è un “noi” che combatte insieme.

Nell’Angelus del 10 ottobre lo stesso Papa Francesco ha detto di pregare per chi è affetto da malattie mentali e per quei giovani che si suicidano: “preghiamo per loro e per le loro famiglie affinché non vengano lasciati soli ne'discriminati ma accolti e sostenuti”.

                                                                                                                 

 

Federica Bassignana

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.917

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 103

Dati aggiornati

al 07-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Umberto Galimberti 

Il libro delle emozioni

Feltrinelli, 2021

 

La mente e il cuore. Platone invita a privilegiare la mente razionale capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni. Anzi, prima che la mente giungesse a guidare la vita dell’uomo, per i nostri antenati la vita era governata dal cuore, che con le sue sensazioni giungeva a capire, come peraltro fanno gli animali, in modo rapido e senza riflettere, che cosa è vantaggioso e che cosa è pericoloso per il mantenimento della vita. Il cuore promuove le azioni più rapidamente della ragione e senza troppo indugiare sul da farsi, perché il mondo non è ospitale e i pericoli, che sono a ogni passo, richiedono decisioni immediate. Le decisioni del cuore sono promosse dalle emozioni come la paura che il cuore avverte di fronte al pericolo, o come il desiderio che approda all’accoppiamento per la preservazione della specie. Tutto questo senza riflettere, perché la luce della ragione ancora non c’è. La nostra è un’epoca di spaventosa espansione della razionalità tecnica. Da un lato, questa espansione impone la rimozione delle emozioni e dall’altro innesca una reazione di ritirata emotiva nel proprio sentimento, assunto come unica legge di vita. A questo si aggiungono la ricerca costante di visibilità e di notorietà, che trasformano le nostre emozioni in merci. Ma allora siamo ancora capaci di riconoscere che cosa sia un’emozione? Umberto Galimberti costruisce un cammino straordinario nelle profondità del nostro vissuto e ci insegna a ritrovare il nostro spazio intimo, cioè lo spazio che si nega al pubblico per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI