RIFLESSIONE DOLOROSA SUI T.S.O. (Claudio Domolato)

 

Buongiorno a tutti , sono il Domo , da Domolato che è il mio cognome.

 

Non sono un elettricista , ma sono un consulente estetico a livello nazionale , sono lavorativamente invalido perchè senza portafoglio clienti , altrimenti, non sarei malato, ma, stravagante , come cerco di apparire , certe  volte , fuori luogo.

Innanzitutto volevo ringraziare il gruppo , che mi ha portato a fare questa riflessione dolorosa sui T.S.O.

Non sono masochista ma  affrontare l'argomento è stato terapeutico .

Avete fatto emergere un problema nato con la psichiatria , tanto come l'uso degli psicofarmaci.

Ho assistito fin dai miei primi  4  anni , ai molteplici  T.S.O.  di mia madre , che l'hanno accompagnata fino alla morte.

Quando credevo, erroneamente, di essere lavorativamente fallito, e mi sono lasciato andare in una depressione, è iniziata la mia avventura in psichiatria subendo  4  T.S.O.  in  15  anni.

In queste  4  occasioni , mi sono sentito un arrosto, mi hanno  legato, e io mi sono sentito spacciato .

Con l'esperienza di mia madre, sapevo di essere nell'inferno della mente, e  da li non si esce facilmente .

A questo punto, avrei tanto voluto fare due chiacchiere  con un utente esperto , come me ora , perchè mi avrebbe dato una speranza e non avrei tentato il suicidio .

Mi sono sentito trattare ,  da presunto delinquente , e snobbato dai medici , del Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura (il “repartino” ospedaliero NdR) , mi sentivo solo , con me stesso , ed eravamo in troppi .

La maggior parte degli infermieri , mi sembravano dei robot, solo un veterano è stato empatico.

Quando sono stato legato , mi ripetevo che, dovevo stare calmo, per non andare in panico e magari morire di infarto . 

La sensazione che mi ha infastidito di più è stata quella di trovarmi scalzo, in un ambiente ostile , con un medico che mi faceva solletico sotto il piede, per svegliarmi.

Purtroppo, in Italia, sono aumentati i  T.S.O. che vengono fatti anche a sproposito, finiscono in reparto diagnosi e cura sia gli intossicati che i malati .

Con troppe regole , non si ha più il buon senso e ci si ritrova spesso nell'errore, come quello di fare degli assurdi  T.S.V. (Trattamenti Sanitari Volontari), a della gente furba, che disintossicata firma , e se ne va  dalla clinica. Per  tornare spesso a delinquere .

Credo stia aumentando, la trasgressione della società che risulta spesso ingiusta, e poco empatica .

Un altro esempio  schoccante, è quello  di mia madre: non l'hanno legata, nonostante  si rantolasse sul pavimento da ore, era ingestibile e inguardabile .

 

Quando si pensa ad un  T.S.O.  si pensa già al disturbo della quiete pubblica,  a meno che non sia depressione .... ma anche quella, disturba i famigliari che assistono il paziente, dico paziente, perchè l'utente è più collaborativo e si hanno dei feedback , e senza i feedback  non si migliora .

Quello che secondo me bisogna fare, dopo una telefonata eccitante ... è limitare i danni, istruire le persone circostanti al paziente come i famigliari e cercare di  passare da un T.S.O. ad una contenzione farmacologica temporanea, chiamando in causa uno specialista, un agente della polizia, che non se ne va , fino a che non c'è più pericolo e un utente esperto che lo potrebbe condurre in una recovery .

Se è un intossicato, lo si disintossica, gli si propone il depot e lo si rimanda a casa, evitando un inutile, dispendioso  e assurdo ricovero volontario.

Aggiungerei inoltre ,  la recidività e intaccherei la patente dei furbetti, avvisandoli .

Il paziente, ha un alternativa per collaborare con il medico: l'utente esperto, che in maniera empatica limita i danni e dà una speranza di resilienza, non l'infermiere che è un bracciante, forse potrebbe andare  bene lo psicologo, ma non ha quelle cicatrici dell'esperto, che non sono tatuaggi , tanto per intenderci.

Come ultima spiaggia,  c'è il poliziotto con la contenzione meccanica, visto che è stata infranta la legge.

Per quanto riguarda le telecamere, ci sono già, condizionano negativamente  gli intossicati, facendoli diventare più furbi, aumenta la sofferenza  degli altri utenti e potrebbe nascere una mania di persecuzione persistente, infine  l'utente potrebbe peccare di protagonismo e fare danni.

Credo che il top di un ricovero sia quello di essere accompagnato da una persona fiduciosa, il medico deve fare il suo lavoro e capisco che è difficile prendere delle decisioni , mentre un utente esperto può essere un amico/ mezzo psicologo.

 

Grazie per l'attenzione.

 

Domolato Claudio Luciano empaticamente il "DOMO "

Parma

 

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Concetta (mercoledì, 17 novembre 2021 12:55)

    Ciao Domo. Grazie per queste considerazioni lucidissime. Purtroppo noi abbiamo perso perché pensionata una dott. Così è siamo in un mare tempestoso

  • #2

    Susanna Brunelli (giovedì, 18 novembre 2021 09:01)

    Questo intervento è estremamente toccante, un frammento di tragedia famigliare forte che tocca la mia anima ogni volta che leggo questa storia, grazie Domo per il coraggio e la forza che hai e anche per la saggezza che hai maturato con la tua esperienza.
    Susanna B.

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.917

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 103

Dati aggiornati

al 07-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Umberto Galimberti 

Il libro delle emozioni

Feltrinelli, 2021

 

La mente e il cuore. Platone invita a privilegiare la mente razionale capace di governare le passioni del cuore. Ma noi non possiamo dimenticare che anche il cuore ha le sue ragioni. Anzi, prima che la mente giungesse a guidare la vita dell’uomo, per i nostri antenati la vita era governata dal cuore, che con le sue sensazioni giungeva a capire, come peraltro fanno gli animali, in modo rapido e senza riflettere, che cosa è vantaggioso e che cosa è pericoloso per il mantenimento della vita. Il cuore promuove le azioni più rapidamente della ragione e senza troppo indugiare sul da farsi, perché il mondo non è ospitale e i pericoli, che sono a ogni passo, richiedono decisioni immediate. Le decisioni del cuore sono promosse dalle emozioni come la paura che il cuore avverte di fronte al pericolo, o come il desiderio che approda all’accoppiamento per la preservazione della specie. Tutto questo senza riflettere, perché la luce della ragione ancora non c’è. La nostra è un’epoca di spaventosa espansione della razionalità tecnica. Da un lato, questa espansione impone la rimozione delle emozioni e dall’altro innesca una reazione di ritirata emotiva nel proprio sentimento, assunto come unica legge di vita. A questo si aggiungono la ricerca costante di visibilità e di notorietà, che trasformano le nostre emozioni in merci. Ma allora siamo ancora capaci di riconoscere che cosa sia un’emozione? Umberto Galimberti costruisce un cammino straordinario nelle profondità del nostro vissuto e ci insegna a ritrovare il nostro spazio intimo, cioè lo spazio che si nega al pubblico per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI