GIOVANI, L’ALCOL COME UN RIFUGIO

GIOVANI, L’ALCOL COME UN RIFUGIO: C’È UN PROBLEMA DI ANALFABETISMO EMOTIVO

 

Genitori iperprotettivi che faticano a mettere paletti e adolescenti che agiscono senza tener conto delle conseguenze: a parlare è Elena Miani, psicologa di Luoghi di prevenzione, centro regionale per la Formazione sui temi della Promozione della Salute.

DA news.alcologia@gmail.com

11/11/2021 20:07

A  menteinpace@libero.it  

 

Sul fatto che ha visto coinvolta la 13enne soccorsa al Novi Sad a Modena interviene Elena Miani, psicologa di Luoghi di prevenzione, centro regionale per la Formazione sui temi della Promozione della Salute. Parla di genitori che faticano a dare regole e adolescenti che agiscono senza tener conto delle conseguenze.

Che ragazzi vi trovate davanti?

“Per quella che è la mia esperienza sul campo, vedo ragazzi che hanno bisogno di relazioni e di confronto. Una classe ha partecipato qui da noi alle attività laboratoriali ed è stato evidente il bisogno di mettersi in relazione nel rispetto del distanziamento: i ragazzi hanno bisogno di muoversi con il corpo, di interagire e di esprimersi attraverso il corpo ma non hanno avuto occasioni in questo lungo periodo di pandemia. Nell’adolescenza il corpo è qualcosa che stanno scoprendo. La mia impressione è che siano aumentati terribilmente i disturbi legati all’ansia, stati di depressione e disturbi del comportamento alimentare, spettro del disagio adolescenziale”.

Avete notato anche un abuso di alcol o di sostanze?

“Non direttamente. Sono le ricerche propedeutiche ai laboratori a rivelare che è aumentato il consumo di alcol e sostanze: è come se i ragazzi avessero bisogno di rifugiarsi da qualche parte, come se avessero bisogno di trovare soluzioni anche a costo di rimetterci la salute”.

E’ aumentata l’aggressività?

“No, al contrario. Si assiste a un ritiro in sé stessi, sono chiusi. Ci possono essere esplosioni di rabbia dovute a un contenimento eccessivo ma sul campo non ho riscontrato questo tipo di situazione”.   

Come è il rapporto coi genitori?

“Le crepe sono su più fronti perché i ragazzi sono rimasti chiusi in casa con i genitori che pure sono persone con le loro fragilità. Gli effetti cambiano di famiglia in famiglia. E’ questo il periodo della crescita in cui sentono il bisogno di propri spazi, di indipendenza, di affermarsi staccandosi dal nucleo familiare: bisogni tipici degli adolescenti, c’erano prima, ci sono oggi e ci saranno domani, ma in questi anni di pandemia sono ancora più importanti”.

Come si comportano i genitori?

“C’è la tendenza all’iperprotezione, probabilmente dovuta alla paura del periodo che stiamo vivendo. Negli ultimi anni, già prima della pandemia, c’era la tendenza delle nuove generazioni di genitori a essere amici del figlio e anche più permissivi. Con il risultato che se è il figlio a dover comandare, più difficilmente segue delle regole. I genitori fanno fatica a mettere regole e paletti probabilmente perché figli di famiglie molto rigide non vogliono ripetere lo stile dei genitori ma così facendo non riescono a mettere confini.

L’adolescente senza confini straborda: è importante che un genitore accolga e ascolti ma nei limiti del suo ruolo e deve trovare un equilibrio tra le troppe regole e la troppa permissività”.

A livello neurologico la corteccia prefrontale dei ragazzi si sviluppa a questa età: è la zona dedicata al pensiero razionale, al pensiero critico a cui può contribuire il genitore con un’opera di contenimento o dando una direzione, ma non sempre un genitore ha le risorse per farlo”.

(...omissis..)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://temponews.it/2021/11/10/giovani-lalcol-come-un-rifugio-ce-un-problema-di-analfabetismo-emotivo/

 

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.cufrad.it)

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------