IL GRUPPO DEL SABATO Intervista ad Andrea Castellino

Andrea Castellino è volontario dell’Associazione MenteInPace. Ha un ruolo molto attivo e propositivo ed inoltre ricopre il ruolo di fotografo nelle varie iniziative (gite o pranzi) essendo un fotoamatore (per visitare il suo profilo facebook clicca qui).

Ultimamente ha creato una sua iniziativa molto interessante: il gruppo del sabato.

 

 

 

 

 

 

 

Cosa ci puoi dire al riguardo? Perché e come è nata questa iniziativa?

È nata un po’ prima del primo lockdown del 2020…eravamo solo in tre…Edoardo, Emanuele ed io. Questa iniziativa è nata in concomitanza del capodanno fra il 2019 ed il 2020. Eravamo degli amici e volevamo passare il capodanno insieme; in quell’occasione eravamo un po’ di più, c’erano anche Chiara, Cinzia e Fabrizio. Da quel giorno ci siamo detti: perché non ci troviamo, solo noi tre, tutti i sabati? E così abbiamo iniziato a trovarci ogni settimana.

 

Cosa fate?

Inizialmente ci trovavamo o a casa mia o a casa di Edoardo, ogni tanto da Emanuele. Prendevamo una pizza da asporto e guardavamo un film. Se ci vedevamo da Edoardo io portavo l’occorrente per l’amplificazione e una serie di film che sceglievamo insieme. Poi, con il lockdown non ci siamo più visti. Abbiamo ripreso quando è stato possibile rivederci insieme. Poi si sono aggiunti Giovanni, Marco e Dario. Abbiamo sempre cercato di rimanere solo fra noi ragazzi perché ci eravamo aiutati molto quando avevamo avuto problemi con le nostre ragazze. Il capodanno fra il 2020 ed il 2021 l’abbiamo fatto a casa mia ed i miei due amici hanno dormito da me. Gli ultimi che si sono aggiunti è solo da qualche mese.

 

Pensate di continuare vero?

Si certo, solo fra noi ragazzi…per evitare malintesi…ci siamo ritagliati il sabato solo per noi…negli altri giorni chi ha la ragazza si vede con lei. Adesso che è possibile uscire andiamo al Bowling, in Pizzeria o da Giovanni e giochiamo alla Play Station.

 

Grazie Andrea per la tua disponibilità

 

 

Intervista a cura di Gianfranco Conforti

 

Volontario di MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Concetta (lunedì, 17 gennaio 2022 17:51)

    Bravissimi. È bello avere degli amici e inventarsi dei sabato sera stimolanti e non sballati. Complimenti e auguri per i sabati futuri

CINEMA SOTTO

LE STELLE

luglio 2024

APPELLO per la SALUTE MENTALE

delle Associazioni piemontesi

di utenti e familiari

24° INCONTRO NAZIONALE

LE PAROLE RITROVATE

Programma, informazioni e sistemazioni alberghiere

----------------------------------------------

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1019

VISITE 1536

aggiornato al 16/06/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------