DIPENDENZE E BULLISMO. Dal carcere di Ivrea (Michelangelo D.)

DIPENDENZE E BULLISMO

Dal carcere di Ivrea

 

Come si legge sempre più spesso nelle notizie di cronaca dei giornali, i reati commessi dalle baby gang sono in costante aumento soprattutto nelle grandi città.

DA varieventuali@rossetorri.it

22/2/2022 23:56

A  menteinpace@libero.it  

 

Riflettendo qui, nella mia cella, ripercorrendo il passato, osservando gli evidenti cambiamenti sociali, vedo di fronte a me una società dove si trascorre sempre più tempo davanti alla TV, “assorbiti” da internet, in balia dei social e delle relazioni virtuali. Le figure tradizionali di riferimento: genitori, insegnanti, educatori perdono sempre di più la loro capacità di avere un ruolo centrale nella formazione dell’identità e nella possibilità di trasmettere valori, ideali e regole sane e ben definite.

In questa società “liquida”, dove si è tutti costantemente sottoposti al condizionamento dei media, troppo spesso ci si nutre di veleni , disvalori, falsi miti … come ho fatto io. Alle regole si contrappone il fascino della trasgressione, alle relazioni vere di amicizia basate sul rispetto reciproco si preferiscono le mille relazioni virtuali, il fascino della fiction, delle seduzioni del piacere immediato, del denaro, del potere, del successo a tutti i costi.
Tutto sembra andare nella direzione di una società “liquida” che plasma identità sempre più “liquide”. Questo nuovo modus vivendi genera e accelera certamente atteggiamenti e modi di persone che sentono sempre più la necessità di indossare nuove maschere, di identificarsi in diversi personaggi a seconda delle aspettative, delle pressioni ricevute. Così facendo molti tendono a perdere la propria identità, non sanno più chi sono realmente e quali sono i bisogni più veri e profondi. Si fa di tutto pur di sentirsi accettati, ammirati … ma di fatto ci si sente più soli.

PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO

CLICCA QUI

 

Michelangelo D.
Uomo Ombra

Tratto da: http://lafenice.varieventuali.it/?p=1164

Per contattare la Redazione La Fenice o commentare l’articolo scrivi a: redazione.lafenice@varieventuali.it

 

oppure accedi a Facebook alla pagina La Fenice – il giornale dal carcere di Ivrea

Scrivi commento

Commenti: 0

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 130.313

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 74

Dati aggiornati

al 26-5-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Alberto Arnaudo

POST COVID

Edizioni

Progetto & Cultura

 

Sono andato in pensione l’1 marzo del 2020. E, invece della tanto agognata libertà del “finalmente faccio quello che voglio quando voglio”, mi sono ritrovato tre mesi di arresti domiciliari!  
Così ho cominciato a buttar giù schizzi di sensazioni, brevi storie che riecheggiassero le esperienze straordinarie che tutti stavamo facendo in quel periodo, da pubblicare sulla mia pagina Facebook, per condividere emozioni e “tenere memoria” di quanto stava avvenendo: una condizione talmente fuori dal normale che, una volta superata l’emergenza, potrebbe essere rimossa e magari in gran parte dimenticata. Ma della quale sarebbe bene non scordare mai quel che ci ha tolto, insieme a ciò che ci ha insegnato. 

L'autore
Alberto Arnaudo, medico, ha diretto il Servizio di Patologia delle Dipendenze (SerD) di Cuneo fino al 2020. In pensione, si dedica ad attività di formazione nel campo delle Addiction, e può coltivare con maggior tranquillità la sua passione per la letteratura. 

CLICCA QUI

 

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI