INTRONAUTI TEATRO ALLA SOMS DI RACCONIGI - SABATO 9 APRILE

 

Sabato 9 aprile alle ore 17

gli Intronauti saranno al bellissimo spazio della SOMS (Società Operaia di Mutuo Soccorso) di Racconigi, in Via Carlo Costa 21.

 

Siamo orgogliosi e felici di calcare il palco della nuova casa dello storico Progetto Cantoregi, consci anche di trovarci a poche centinaia di metri dall'ex-manicomio, uno dei tanti luoghi di sofferenza fisica e psichica con cui - nostro malgrado - abbiamo tentato di misurarci nei precedenti spettacoli degli Intronauti.

Oggi la struttura del manicomio è in stato di abbandono, una foresta di fantasmi, e di questo luogo spettrale avrete visione nei video che abbiamo girato con il nostro Paolo Balmas nei mesi scorsi e che proietteremo durante lo spettacolo.

 

Già lo spettacolo. Lo definiamo così in mancanza di un termine migliore, ma in realtà è anche e soprattutto un nostro (nel senso che è anche vostro) gioco "serio", dove abbiamo messo insieme le voci dei precedenti spettacoli, i monologhi, i movimenti, le musiche, le paure e le riflessioni, le cose che ci piacciono di più del nostro modo di stare sul palco e, poichè non possiamo farne a meno, quelle che non ci piacciono del mondo che ci sta intorno. E' la nostra prima serata "di libertà" dopo due anni difficili, e speriamo ci siate anche voi a condividere una festa di emozione e pensiero, tra performance, video e parole.

 

A presto!

Intronauti

 

COMUNICATO STAMPA

Sabato 9 aprile 2022 alle ore 17 presso il salone Soms di Racconigi, in Via Carlo Costa 23, si presenta il libro "Intronauti - voci da un teatro fuori di scena", a cura di Paolo Balmas e Vanni Castella. Una presentazione-spettacolo, tra video, performance teatrali e letture, a cura della Compagnia di teatro sociale “Intronauti” di Cuneo. Un'occasione da non perdere, dopo due anni di stop forzato, per conoscere una realtà unica nel panorama teatrale piemontese e festeggiare un ritorno al palco che è anche ritorno alla socialità e alla bellezza dell'arte condivisa.

La Compagnia di Teatro Sociale "INTRONAUTI" nasce nel 2007 per iniziativa dell'autore/attore/regista Vanni Castella, con l'intento di portare un contributo ai temi del dolore psichico, esistenziale e della sofferenza emozionale. Ogni anno tiene un laboratorio autogestito in cui attori professionisti e non professionisti si confrontano nella creazione di un nuovo lavoro teatrale.

L’ingresso è gratuito e soggetto alle normative vigenti.

La presentazione è realizzata dall’Associazione Ipazia Onlus in collaborazione con il Progetto Cantoregi.

 

Per informazioniipaziaintro@gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.504

Dati aggiornati al 6-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------