ASL CN1: LE "STANZE" DEL CANTIERE ADOLESCENTI SUL DISAGIO GIOVANILE

 

Tratto dal Gruppo facebook DIAPSI SALUZZO E VALLI

https://www.facebook.com/groups/224418629374909

 

Una modalità coinvolgente e partecipativa per conoscere meglio ed imparare ad affrontare i diversi disturbi che possono insorgere nell’età forse più critica per la maturazione delle persone, l’adolescenza.

L’ha messa a punto il gruppo multidisciplinare dell’Asl Cn1 e del Consorzio Monviso Solidale, il «Cantiere Adolescenti» (il cui coordinatore è Andrea Lazzara, mentre la referente territoriale è Lara Peirotti), in collaborazione con il Comune di Saluzzo.

Un’iniziativa di formazione, confronto e dialogo rivolta a chi ogni giorno incontra e vive con ragazzi e ragazze, cioè gli insegnanti delle Superiori.

La prima sperimentazione di questo nuovo format è stata messa in atto mercoledì 6 aprile nei locali del «Quartiere» (ex Musso) con i docenti del liceo «Soleri - Bertoni». Nelle prossime settimane verrà messo a disposizione degli insegnanti delle altre scuole cittadine, con cui sono già stati avviati i contatti per collaborazioni e scambi di idee.

«Questa formazione – spiegano i promotori - è stata organizza in “Stanze”. All’interno di ognuna viene affrontato un tema specifico. Ogni docente, durante il pomeriggio, partecipa a due “Stanze”. L’iniziativa, oltre a fornire conoscenze utili ad orientarsi nella complessità della sofferenza in adolescenza, si propone di creare un primo momento di scambio e confronto con l’obiettivo di aprire una collaborazione proficua e continuativa tra i vari operatori dei servizi “sul campo” e gli insegnanti, verso lo sviluppo di una comunità educante territoriale».

Otto le stanze messe a disposizione dei “prof” del «Soleri – Bertoni», altrettanti gli argomenti: la complessità dei gruppi; disturbi del comportamento alimentare; ansia, attacchi di panico e ritiro sociale; crossover; autolesionismo; disattenzione e iperattività (adhd); sessualità, sicurezza, identità fluide; le sostanze in adolescenza.

Gli insegnanti, circa 120 quelli che hanno partecipato, sono stati accolti al «Quartiere» alle 14. Fino alle 15 erano previsti i saluti e la presentazione del programma. Primo turno nelle “Stanze” dalle 15 alle 16, secondo turno 16,30-17,30, in messo la pausa caffè.

«Il primo appuntamento di questo progetto “Stanze” – spiegano i promotori del Cantiere Adolescenti con l’assessore alle Politiche giovanili Andrea Momberto – è stato partecipato e, crediamo, apprezzato dai docenti. A breve organizzeremo altri pomeriggi con i loro colleghi delle Superiori “Bodoni” e “Denina-Pellico” e, terminato questo giro, ci confronteremo per sviluppare nuove iniziative con l’obiettivo di mettere in campo politiche e buone pratiche che prevengano il disagio tra ragazzi e giovani e che siano anche in grado di intercettarlo non appena si manifesta e quando è più semplice intervenire. Un lavoro che va portato avanti da più parti, a più mani, con tanti occhi, cioè da una comunità educante».

Commenta Andrea Lazzara: «Oggi stiamo realizzando qualcosa di bello e importante. E' la prima volta che i “Cantiere Adolescenti” si manifesta pubblicamente in tutte le sue componenti, professionali e istituzionali. La coralità è il filo conduttore che ha accompagnato la progettazione e la realizzazione di ogni singola azione di questo nuovo evento. La possibilità di scelta, la dinamicità, l'ascolto, la pluralità e financo la leggerezza, sono le coordinate che individuano il nucleo dell'intervento formativo. La collaborazione con il “mondo-scuola” è per noi fondamentale, perchè è solo attraverso il riconoscimento dell'essenzialità e imprescindibilità di tutte le componenti della comunità educante che, probabilmente, sarà possibile trovare le risposte corrette alle legittime interrogazioni provenienti dalla galassia dei mondi dei nostri ragazzi».

 

 

#Saluzzo #visitsaluzzo #comunità #famiglie #metromontagna #giovani #futuro #Quartiere

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Susanna Brunelli (mercoledì, 13 aprile 2022 09:27)

    CHE BELLOOOO!!!
    TANTI COMPLIMENTI!!!
    L'attenzione agli adolescenti è mooooolto importante, evviva!!!
    Dovrebbero farlo dovunque

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.563

Dati aggiornati al 7-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------