LA CAPACITÀ DI PERDERSI: l’arte naif, l’arte psicopatologica, l’art brut, l’arte irregolare

Comunicato stampa

venerdì 20 maggio ore 11.00

ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI DI TORINO

Salone d’onore

 

DA info@gliacrobati.com sa 07/05/22 16:03

 

Conversazione a cura di Bianca Tosatti

LA CAPACITÀ DI PERDERSI È QUALCOSA CHE L’UOMO DEVE TENERE CON SÉ, COME SI TIENE IN CASA UNA MEDICINA ANCHE SE NON SI È AMMALATI.

 

Presentazione e analisi di alcuni nodi critici che restano ancora vivi alla nostra attenzione:

 

·         L’Arte Naif, ovvero quel tipo di opere che non descrivono la natura e non si collocano nella storia, ma galleggiano in una dimensione meta temporale, come i disegni dei bambini a cui tante volte sono state assimilate.

·         L’Arte Psicopatologica. Sebbene negli anni 50 e 60 molti psichiatri cercarono di individuare il “tipico” di alcune produzioni creative che avrebbero rappresentato le stereotipie, le allucinazioni, i deliri, i manierismi dei catatonici, le fantasie isteriche, le ossessioni ecc. fortunatamente questa visione deterministica e semplicistica è stata corretta e ammorbidita dalla psicoanalisi fino al punto in cui oggi sarebbe ridicolo fare diagnosi attraverso le opere, costruire cioè vere e proprie “patografie”.

·         L’Art Brut. Derivante dalla teorizzazione dubuffettiana, dobbiamo proprio alla rigidità concettuale di quella teoria la definizione di uno statuto grazie al quale è stata possibile la raccolta e la conservazione di opere destinate  all’incuria e all’oblio.

·         Gli atelier. La condizione di cronicità psicotica non istituzionalizzata, la strumentazione e lo spazio per attività espressive, la disponibilità umana, la sensorialità, la sensualità, la fantasia e l’invenzione tecnicamente assistita, lo spazio di setting, di teoria e prassi psicoanalitica e psicoterapeutica: l’atelier è il luogo dove tutte queste componenti si incrociano, è il luogo di fronteggiamento di possibilità catastrofiche che riguardano tutti.

·         L’Arte cosiddetta Irregolare. Sono alcune opere che pretendono che accantoniamo le interpretazioni che ci sono state fornite per andare dentro le “formulazioni” (formulazione: Gestaltung, ovvero dare forma rappresentativa).

 

Con l’occasione la presentazione di un libro della relatrice Bianca Tosatti (Con il senno di poi. Nulla rimane fermo, nulla rimane nostro, Prinp Editore, 2021), dove si raccolgono alcune esperienze inedite.

Incomincia con una capra e finisce con un cavallo, ma in mezzo ci sono leoni, pesci, cani e altre creature animali. Alcuni capitoli sono indipendenti, potrebbero essere dei fascicoli staccabili.

Il libro è il risultato di un recupero di testi alla deriva galleggianti nel tempo vuoto e inquieto di un trasloco. L’inquietudine, ribadita nell’isolamento crudele delle quarantene, ha prodotto nelle storie visionarietà e sconfinamenti, digressioni e controcanti.

L’obiettivo è quello di riconciliare la critica con la narrazione accettando che l’oggetto artistico denudi la sensibilità di chi lo guarda: per questo oltre ai documenti storici l’autrice considera l’importanza degli indizi, dei frammenti disorganizzati, di ciò che in genere viene taciuto nell’esperienza dell’incontro con l’arte.

 

Bianca Tosatti ha organizzato mostre di Arnulf Rainer, Andy Warhol e altri grandi maestri del moderno-contemporaneo, ha costruito grandi collezioni, ha insegnato e le piace insegnare.

Dagli anni ’90 si è dedicata allo studio sistematico dell’Arte Irregolare, definizione coniata proprio per ampliare i concetti un po’ concentrazionari di Art Brut e Outsider Art; su questo tema ha organizzato  molte mostre che raccoglievano criticamente documenti inediti da tutto il mondo: Lanormalita' dell'arte, al Refettorio delle Stelline di Milano nel1992; Figure dell'anima, Arte irregolare in Europa nel 1998 al Castello Visconteo di Pavia e in Palazzo Ducale di Genova; Oltre la ragione, le figure, le storie, i maestri dell’arte irregolare al Palazzo della ragione di Bergamo nel 2006 e alla Galleria d’arte moderna del Principato di Monaco nel 2007.

Ha lavorato molto, dal 2013 al 2015, alla progettazione di un MAImuseo che è stato fatto e disfatto per mancanza di risorse economiche dopo due anni e indimenticabili mostre.

La sua vastissima collezione è stata acquisita dalla Casa dell’Art Brut di Mairano di Casteggio.

 

Introducono

Edoardo Di Mauro, Direttore Accademia Albertina di Belle Arti

Roberto Mastroianni, docente di Antropologia Culturale presso l'Accademia Albertina

 

Evento formativo rivolto agli studenti, ma aperto al pubblico in particolare a:

insegnanti, educatori e al personale che cura la mediazione culturale nell’ambito di Per arte e per lavoro 2022, a cura di Fermata d’autobus Onlus, Gliacrobati e Forme in bilico, in collaborazione con Artenne, Arteco. Con il sostegno della Città di Torino, Divisione Servizi Sociali, Socio Sanitari, Abitativi e Lavoro, Area Inclusione Sociale.

 

PER INFO

info@gliacrobati.com

011 0375718

3483615173 (Raffaella Bortino)

 

ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI DI TORINO

Via Accademia Albertina 6, 10123 – Torino

 

Tel: 011 89 73 70  

Scrivi commento

Commenti: 0

23° INCONTRO NAZIONALE

LE PAROLE RITROVATE

PAVIA

12-13-14 ottobre 2023

PER IL PROGRAMMA DELLE GIORNATE E PER PRENOTARE I PERNOTTAMENTI

CLICCA QUI

MENTEINPACE

BILANCIO E RENDICONTO DI CASSA ANNO 2022

MENTEINPACE - BILANCIO 2022
Rendiconto di cassa a data 31-12-2022
MIP - RENDICONTO CASSA 2022.pdf
Documento Adobe Acrobat 500.2 KB

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------