PARLARE CON GLI PSICOLOGI O BASTANO GLI AMICI? (Psicoradio)

Quando abbiamo davvero bisogno di unə psicologə,

 

e quando invece per stare meglio basterebbe parlare

 

con unə amicə?

 

DA psicoradio@gmail.com 5/5/2022 07:15


La scorsa newsletter si era chiusa con questa semplice domanda ed è proprio da qui che la redazione di Psicoradio ha aperto l'intervista a Gabriella Gallo, che nel dipartimento di Salute Mentale di Bologna dirige l’Unità Operativa Complessa di Psicologia Territoriale.


Il malessere non va sottovalutato, ma quando ci si deve iniziare ad allarmare, se ci si accorge che c’è qualcosa che non va? Gallo spiega che “molto dipende dalla durata dei sintomi e dall’intensità. Più il sintomo è intenso e prolungato nel tempo, più c’è bisogno dell’intervento di un professionista". E molto dipende anche dalla rete di rapporti interpersonali e dal contesto che circonda una persona. "Se si ha una buona rete, i periodi di lieve malessere, ad esempio un po’ di ansia o una leggera depressione, possono essere superati più facilmente.”

Insieme alla dottoressa Gallo abbiamo poi approfondito numerosi temi: la differenza tra pubblico e privato, l’opportunità di rivolgersi a unə psicologə o ad unə psichiatra a seconda dei bisogni e dei problemi, il "bonus psicologo", lo psicologo di base ed altro ancora. Con una certezza: che se Gabriella Gallo avesse a disposizione un sacco pieno di soldi, li investirebbe “nel supporto alla genitorialità, nella fascia adolescenziale e giovanile fino ai 25 anni, e nello psicologo di base”.

 

ASCOLTA L'INTERVISTA SU PSICORADIO

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

139.290

Dati aggiornati al 28-9-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA,

Per comunicare 

emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  con l’obiettivo di costituire una redazione di una rivista crossmediale.

 

Il progetto è condotto da Silvia Bongiovanni dell’Associazione culturale Kosmoki. Rientra nel più ampio progetto Restart & Recovery che ha come capofila la Cooperativa sociale “Proposta 80”. Partecipa anche la Cooperativa sociale “Momo” e l’Associazione “MenteInPace”.

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Silvia Ziche

La gabbia

Feltrinelli comics

 

Una storia personale e universale che unisce dramma e commedia, con una profonda e toccante analisi delle relazioni fra madre e figlia.

A soffrire si impara, e l'infelicità è un'arte che si apprende fin da piccole, grazie all'insegnamento di chi ci ha precedute. Antenate, nonne, zie, prozie si snodano in una processione che arriva da lontano, ognuna con il proprio fardello, fino a chi ci è più vicino: la madre. Una madre svalutante e glaciale nel caso di Serena, protagonista di questa storia. Costretta ad allontanarsene nel tentativo di salvarsi, Serena interrompe i rapporti con lei, recidendo i legami con il passato, gli amici, il paese dell'infanzia pieno di ricordi. Fino a quando la madre terribile muore, e la figlia dopo una lunga assenza ritorna. Per ingaggiare un dialogo interiore con il fantasma della figura più importante della sua vita e scoprirne infine un lato insospettabile. Senza perdere la comicità e l'acume tipici del suo raccontare, Silvia Ziche si misura con il suo primo libro non umoristico, condividendo una storia privata eppure capace di parlare a quella parte indifesa, nascosta in molti di noi, a cui è mancata una carezza. Un viaggio coraggioso alle radici di un'assenza, nel cuore di una domanda che brucia: perché, proprio negli affetti più cari, siamo capaci di dare il peggio di noi.

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------