FESTIVAL DEL RUMORE PER LA GIORNATA DELLA SALUTE MENTALE A SALUZZO

A Saluzzo il "Festival del rumore: voci diffuse per la Giornata Mondiale della Salute Mentale"

L'evento, organizzato dalla “Voce di Elisa ODV”, vedrà la realizzazione – a partire dal 8 ottobre 2022 - di numerosi eventi culturali sui territori di Savigliano, Fossano, Saluzzo e Racconigi

Da Targatocn.it  - 23 settembre 2022, 09:43 (per visualizzare CLICCA QUI)

e dal Gruppo Facebook DiAPsi Saluzzo e Valli (per visualizzare CLICCA QUI)

 

Arriva a Saluzzo la prima edizione del Festival del Rumore, organizzato dalla “Voce di Elisa ODV” in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale: un festival per parlare, raccontare, fare rumore sulle tematiche della prevenzione e della salute mentale, che vedrà la realizzazione – a partire dal 8 ottobre 2022 - di numerosi eventi culturali sui territori di Savigliano, Fossano, Saluzzo e Racconigi.

Tra le iniziative in programma Domenica 9 ottobre 2022 “I Barbabuc” (gruppo di Montagnaterapia ASL CN1 – Dip. Interaziendale di Salute Mentale S.C. Psichiatria Area Nord) propongono un percorso escursionistico-culturale alla scoperta delle meridiane di Saluzzo, a partecipazione gratuita, guidato da dall’esperto gnomonista dott. Fabio Garnero e dalla guida turistica locale Cristina Carli. Il percorso si snoderà tra le vie del centro storico saluzzese alla scoperta dei tesori della città. A metà itinerario sarà offerto un rinfresco a buffet, durante il quale gli enti promotori dell’iniziativa ne racconteranno il significato. Inoltre, in tale occasione, sarà firmata dal Comune di Saluzzo e dall’ASLCN1 la Carta Etica della Montagnaterapia.

Per iscrizioni (entro il 5 ottobre)

accedere al link  https://barbabuc.eventbrite.com 

oppure inviare un messaggio al  numero 339 7204227.

 

Tratto da:

https://www.targatocn.it/2022/09/23/mobile/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/a-saluzzo-il-festival-del-rumore-voci-diffuse-per-la-giornata-mondiale-della-salute-mentale.html?fbclid=IwAR0F-eAwCRqQGkW9_xxy5M5MN3l67wAikiPrdww3T6M7fGcAlLiVymeYRig

 

 

Per informazioni chiamare i numeri 3397204227 o 0175/215461

 

o scrivere a cd.puntoacapo @gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------