SALUTE MENTALE: ricco confronto sull’abitare autonomo (Sabrina Marangon)

LE PAROLE RITROVATE:

A VERONA IL RICCO CONFRONTO

SULL’ABITARE AUTONOMO

 

articolo tratto da LiberalaMente

Il giornale del fareassieme della salute mentale di Trento

n.166 – ottobre 2022

 

Verso l’abitare autonomo in Salute Mentale: questo è il titolo della giornata di confronto tra diverse realtà regionali, organizzata dal coordinamento nazionale Le Parole ritrovate sabato 1 ottobre in piazza Brà a Verona presso il Palazzo della Gran Guardia.

Oltre duecento i partecipanti, provenienti da Veneto, Trentino, Umbria, Toscana, Lombardia, Piemonte, Emilia.

Il tema è da sempre caro al movimento: l’abitare come dimensione di vita quotidiana che può favorire i percorsi di recovery e dove il modello del fareassieme può trovare feconda applicazione attraverso le pratiche del coinvolgimento e del supporto tra pari, della valorizzazione dei saperi, della co-progettazione e co-produzione.

La musica ha aperto la giornata e ha dato il via alle testimonianze di persone e associazioni, come quella veronese “Sulle orme” di Don Paolo che accoglie in canonica e “salva” un ex-paziente del manicomio, dall’essere collocato lontano in una delle nuove (vecchie) strutture lungo-assistenziali (le RSSP) istituite di recente dalla Regione.

“Ma quale abitare autonomo” ha detto tra l’altro: l’abitare non è tanto e solo la casa ma soprattutto il luogo delle relazioni quotidiane e affettive che danno senso di appartenenza e socialità. O la testimonianza di Ernesto Guerriero, di nome e di fatto, ex-assistente sociale della psichiatria, volontario del Self Help veronese, un movimento nato negli anni novanta che forse per primo ha aperto la strada verso nuove soluzioni abitative e nuovi tipi di relazione. Ancora, alcune bellissime testimonianze degli utenti inquilini degli appartamenti autonomi come quelli di Padova che hanno raccontato le fatiche e i piaceri della quotidianità, tra responsabilità e libertà.

È arrivata poi la volta delle altre realtà regionali, in primis quella unica e straordinaria dei trentini con gli “accoglienti richiedenti asilo” alcuni diventati nel tempo da operatori di supporto a veri coinquilini; a seguire il meraviglioso gruppo umbro col Tavolo sull’abitare e così quello di Prato con le parole d’ordine “Pensare e Lavorare Insieme”, tutte realtà in cui è evidente che la pratica e lo spirito del fareassieme crea una speciale sintonia frutto dell’integrazione dei contributi di tutti per cui le cose acquistano maggior qualità, efficacia e creatività.

 

Sabrina Marangon

 

LiberalaMente

Il giornale del fareassieme della salute mentale di Trento

 

Vuoi abbonarti? Ecco come...

LiberalaMente è curata e realizzata, a titolo di volontariato, da utenti, familiari, operatori e cittadini attivi del Servizio di salute mentale di Trento. Abbonarsi è un modo per dire che questo progetto piace e che vale la pena sostenerlo.

 

Abbonamento

POSTALE 20 € per ricevere Liberalamente a casa tutti i mesi per un anno

Abbonamento

ONLINE 10 € per ricevere Liberalamente via mail tutti i mesi per un anno

 

COME ABBONARSI:Per abbonarsi è sufficiente effettuare un bonifico sul c/c intestato “Il Cerchio Fareassieme onlus” iban: IT02O0830401845000045354414 (Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo), indicando in causale “Abbonamento rivista Liberalamente - Sig. ...” e inserendo tutti i dati necessari per permetterci di inviarvi la rivista direttamente a casa o via e-mail.

 

Per ulteriori informazioni o per ricevere numeri arretrati contatta la Redazione di Liberalamente allo 0461 902881 oppure scrivi a liberalamente@apss.tn.it

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------