BASTA CON LA CONTENZIONE IN PSICHIATRIA. (comunicato www.ansa.it)

Le Parole ritrovate, basta con la contenzione nei reparti psichiatrici

 

Il movimento per la Salute mentale:

"Lottare contro questa pratica ancora troppo utilizzata"

 

articolo segnalato da Antonio De Honestis

sulla chat whatsapp nazionale de Le Parole Ritrovate

 

"Superare la contenzione fisica e lottare contro questa pratica che, pur non essendo un atto medico, viene ampiamente applicata in circa 300 dei 320 reparti psichiatri degli ospedali del Servizio sanitario nazionale.

Solo in 20 di queste realtà, nel rispetto della dignità delle persone ricoverate vengono applicati i principi del 'no restraint', vale a dire azzerare i mezzi di contenzione e mantenere le porte aperte della struttura".

È l'appello che, in una nota, lancia il movimento 'Le parole ritrovate' in occasione dell'incontro nazionale del 10,11 e 12 novembre a Roma, nel teatro Sala Umberto, al quale è annunciata la partecipazione del presidente della Cei, il cardinale Matteo Zuppi.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

 

Nell’articolo c’è una videotestimonianza (2.09 minuti) di Giovanni Fiori, coordinatore del Movimento Le Parole Ritrovate del Lazio

 

Tratto da:

 

https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2022/11/07/le-parole-ritrovate-basta-con-la-contenzione-nei-reparti-psichiatrici_21aedf9d-dfbc-430c-888b-6e6b3e9bdb38.html

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------