UN VOUCHER AL POSTO DEI DIRITTI (UTIM Nichelino)

Un baratto illegittimo. Un voucher al posto dei diritti

 

Da alcuni mesi la Regione sta informando le famiglie piemontesi sul cosiddetto «voucher per l’assistenza» (Dgr 5 luglio 2022, n. 1-5307).

Si tratta di un contributo economico di 600 euro al mese, finanziato con risorse del “Fondo sociale europeo”.

 

DA info@fondazionepromozionesociale.it

23/12/2022 - 18:05

A menteinpace@libero.it

Nichelino, Dicembre 2022

 

Un fondo limitato a totali 90 milioni di euro per le persone anziane malate croniche o persone con disabilità, non autosufficienti. Fondi metà dei quali destinati alla domiciliarità e l’altra metà alla residenzialità ed erogati in base all’ISEE. La domanda si potrà presentare nel 2023 tramite la piattaforma "Scelta sociale" (www.piemontetu.it).

Peccato però che il contributo economico sostituisca prestazioni che di diritto le persone succitate dovrebbero ricevere dalle Asl, come ad es. la quota sanitaria per il ricovero in Rsa.

Pertanto, la Regione da un lato nega la quota sanitaria a migliaia di anziani malati cronici non autosufficienti che hanno necessità di ricovero in Rsa (1.500 euro al mese, a tempo indefinito), dall’altro eroga l’elemosina dei fondi sociali (600 euro al mese, per due anni) in base all’Isee (quindi a pochi di coloro che sono in lista di attesa).

Siamo al paradosso: la Regione “si fa bella” con un’erogazione discrezionale e non tutelante per i malati, negando la quota sanitaria ovvero un diritto esigibile in base alla legge 833/1978 e ai Lea.


Un illegittimo baratto sulla pelle dei malati non autosufficienti, declassati da utenti del Servizio sanitario a «casi sociali», peraltro con valutazione economica ISEE che nulla ha a che fare con la condizione di bisogno sanitario.

Il voucher è però destinato anche per il domicilio (metà delle risorse del fondo). In questo caso potrebbe essere un aiuto interessante alle famiglie, vista la penuria di prestazioni in questo ambito di cura.


Purtuttavia è vero che dal 2010 la Regione Piemonte si è dotata di una valida legge sulle cure domiciliari per i malati non autosufficienti (la legge 10). Essa consentirebbe una presa in carico sanitaria del malato a casa, riconoscendo le sue esigenze globali di cura, anche quelle assicurate da personale informale (badanti) o dai famigliari, ma all’interno della presa in carico dell’Asl. Purtroppo manca l’approvazione di un regolamento attuativo. Per farlo servirebbe una volontà politica di rispondere veramente alle esigenze di migliaia di malati non autosufficienti che, laddove possibile, preferirebbero essere curati a casa.

Così come serve un aumento delle risorse per le quote sanitarie nelle Rsa, al fine di soddisfare le migliaia di pazienti in liste di attesa, assieme ad una vera riforma del sistema della residenzialità (aumento di standard e di personale).

E i soldi per farlo, come hanno dimostrato i due anni di pandemia appena trascorsi nonché la corsa agli armamenti, se ci fosse la volontà si troverebbero, facendo anche pressione su Parlamento e Governo.

 

 

UTIM Nichelino

L'UTIM (Unione per la tutela delle persone con disabilità intellettiva) è una Onlus che provvede dal 1991 non solo alla difesa delle persone con handicap intellettivo, ma anche alla predisposizione delle pratiche inerenti l’interdizione e la tutela delle persone totalmente e definitivamente incapaci di autodifendersi oltre a fornire una consulenza gratuita sull’amministrazione di sostegno.

Utim
Unione per la tutela delle persone con disabilità intellettiva

via Artisti 36, 10124 Torino

tel. 011/88.94.84
fax 011/81.51.189

 

email: utim@utimdirittihandicap.it

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------