ADOLESCENTI E RISCHI DI DIPENDENZA DA ANSIOLITICI

 

DA news.alcologia@gmail.com

02/01/2023 - 20:00

A  menteinpace@libero.it  

 

Gli  adolescenti rappresentano una delle fasce di età più a rischio di sviluppare una dipendenza dagli ansiolitici. Questi ultimi, sono farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale, alleviando l’ansia, lo stress e la depressione. Se abusati, però, possono portare ad alcuni effetti collaterali pericolosi. I più comuni includono insonnia, cambiamenti nell’umore, confusione mentale e problemi di concentrazione.

Gli ansiolitici sono farmaci che vengono utilizzati per il trattamento dell’ansia, ma possono diventare molto pericolosi se usati in modo improprio o senza una prescrizione medica. La dipendenza da ansiolitici negli adolescenti può svilupparsi rapidamente e portare con sé gravi rischi per la salute mentale ed emotiva. Inoltre, si è visto che molti adolescenti che assumono ansiolitici a lungo termine presentano anche scarso rendimento scolastico e comportamenti aggressivi e auto-distruttivi. Pertanto, la prevenzione della dipendenza da ansiolitici negli adolescenti dovrebbe rimanere una priorità assoluta.

Nonostante l’efficacia di queste medicine nel controllo dei sintomi di ansia, esiste un potenziale rischio di dipendenza da parte dei più giovani. Per prevenire la dipendenza da ansiolitici negli adolescenti è importante educarli sugli effetti collaterali e sulle possibili infezioni che possono insorgere se si abusano di tali farmaci.

 

(...omissis...)

 

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://leganerd.com/2022/12/31/adolescenti-i-rischi-della-dipendenza-da-ansiolitici/

 

Tratto da:

 

http://www.cufrad.it/news-alcologia/psicofarmaci-depressione-ansia-/adolescenti-i-rischi-della-dipendenza-da-ansiolitici/42289

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------