SALUTE MENTALE, È ALLARME ANCHE A CUNEO (Micol Maccario)

Salute mentale, è allarme anche a Cuneo.

Risso: "Situazione agghiacciante"

 

Il direttore del dipartimento interaziendale dell'Asl CN1 e del Santa Croce, tra i firmatari dell'appello alle istituzioni per incrementare i fondi: "Il rischio è chiudere le strutture nel momento in cui servono di più"

 

 CUNEO - Monday 23 January 2023, 07:39

 

Articolo segnalato da Stefano Stuppia

Volontario di MenteInPace

 

La prima causa di disabilità nel mondo occidentale sono le malattie mentali e, in Italia, “milioni di persone ne soffrono”, spiega Francesco Risso, direttore del Dipartimento di Salute Mentale interaziendale dell’Asl Cn1 e dell’Azienda Ospedaliera "Santa Croce e Carle" di Cuneo. Eppure, la spesa per la salute mentale negli anni è scesa costantemente, attestandosi oggi intorno al 3% del Fondo Sanitario Nazionale. È un dato che acquista significato se paragonato alla spesa degli altri Paesi europei per la salute mentale, che si aggira intorno al 10-12%.

 

Le gravi condizioni in cui versano questi reparti hanno spinto 91 direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale di tutta Italia a scrivere una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni, al ministro della salute Orazio Schillaci e ad altri decisori politici ed economici. Tra i firmatari c’è anche il dottor Francesco Risso, secondo cui “è un periodo tragico per la mancanza di fondi, di specialisti e di operatori”. Nella lettera i direttori chiedono di raggiungere almeno il 5% del budget dedicato alla sanità, investendo in massimo un triennio oltre 2 miliardi di euro. Il fondo nazionale per la sanità dovrebbe essere implementato. Si richiede inoltre di consentire alle Regioni di attuare fin da subito un piano di assunzioni straordinario per far fronte alla carenza di personale.

 

Quella dei tagli al settore della sanità non è una scelta recente, né tantomeno una decisione di partito, “in questi ultimi trent’anni è stato depauperato da tutti i governi”, afferma Risso. In aggiunta alla lettera i firmatari si troveranno giovedì prossimo a Milano per “mettere le gambe a quello che abbiamo scritto”. L’obiettivo è quello di incontrare i decisori politici, magari Mattarella e Schillaci.

Il lavoro in ospedale non è più attrattivo a causa dei carichi di lavoro pazzeschi a fronte di un compenso non equo per dottori, infermieri e OSS, tanto che ai concorsi pubblici dove trent’anni fa arrivavano una quarantina di persone spesso oggi non si presenta nessuno. Le motivazioni sono molteplici: dal numero chiuso delle facoltà alle poche borse di studio. Per far fronte a questo problema si richiede una remunerazione migliore, in caso contrario il personale sanitario continuerà a cercare lavoro nelle strutture private. E le conseguenze sono drammatiche perché interi reparti rischiano di chiudere o di non fornire servizi efficienti. “Non ci sono possibilità di finanziare risorse riabilitative - spiega il direttore - quindi viene meno tutto il discorso del reinserimento sociale”. 

 

Il problema è che, mancando personale, in particolare per la notte vengono assunte le cooperative, soprattutto per i pronto soccorso, ma anche per i reparti: “Le cooperative vengono pagate tre volte tanto. È normale che la gente vada a lavorare da loro. In più, questo fa saltare tutto il lavoro d’equipe. Gli ultimi tre mesi sono stati un disastro totale”. 

Manca personale, si tagliano le risorse, ma i casi di disturbi mentali sono aumentati del 30%: “Il rischio è chiudere le strutture nel momento in cui servono di più”. L’appello era stato lanciato anche a inizio 2022 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che aveva evidenziato, in seguito alla pandemia, un aumento del 25% dei casi di depressione e ansia in particolare tra i più giovani. La difficile condizione economica conseguente al Covid sommata alla crisi europea causata dalla guerra tra Russia e Ucraina non ha fatto che peggiorare una realtà già critica.

 

La situazione è simile in tutta Italia: “In Lombardia mancano 3 mila psichiatri. Questo ha conseguenze agghiaccianti. Sono stati chiusi dieci reparti e altrettanti centri di salute mentale. Questo si somma alla carenza di fondi”. Le conseguenze si ripercuotono direttamente sul paziente, ma anche sulla famiglia, che si trova a gestire una “situazione profondamente dolorosa. Il risultato è che poi i pazienti non vivono più, stanno chiusi in casa. In aggiunta, nessuno dei lavoratori dei reparti può andare a casa loro perché non c’è personale”. Arriva forte la denuncia del direttore del dipartimento, che sostiene che le famiglie, in questi anni, non siano mai state sostenute dai decisori politici: “Per fortuna ci sono le strutture riabilitative, ma se mancano i medici dovremo chiudere”.

 

Il dottor Risso descrive la situazione come “agghiacciante”, in particolare perché queste malattie esordiscono nella prima età adulta, tra i 15 e i 20 anni: “Questi ragazzi investiti da un disturbo mentale grave, che prima studiavano o lavoravano, perdono le capacità cognitive, non hanno più un rapporto con la realtà”.

 

I reparti sono pieni di giovani, ragazzi che hanno tentato il suicidio, con lo spettro autistico, disturbi alimentari o problemi di sostanze: “Il 70% dei giovani che arrivano hanno fatto uso di sostanze sintetiche. Il problema è che alcune di queste non sono nemmeno tracciabili”. Poi l’appello del dottore: “Se non si interviene nel giro di tre o quattro mesi chiude tutto”. 

 

Micol Maccario

 

L’ARTICOLO CONTINUA

CLICCA QUI

 

 

Tratto da:

 

https://www.cuneodice.it/attualita/cuneo-e-valli/salute-mentale-e-allarme-anche-a-cuneo-risso-situazione-agghiacciante_70332.html

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------