IL POTENZIALE UMANO (di Luciano Jolly)

Il primo diploma che ho conseguito è di perito elettrotecnico. Detestavo quegli studi che giudicavo aridi, mentre avrei frequentato volentieri il liceo classico, perché avevo la passione di scrivere.

Ma su tutti un concetto mi affascinava: era quello di energia potenziale. Ci fantasticavo su. Che una presa di corrente avesse quella misteriosa energia, da cui non sortiva alcun effetto visibile, mi sembrava un fatto magico. Poi nella presa si inseriva un apparecchio (supponiamo la radio). Allora quell’energia invisibile si trasformava di colpo in suoni, in parole, in musica. Era un miracolo. Si sarebbe potuto inserire un frullatore, o una lampada, o un frigorifero. Quell’energia potenziale che nessuno vedeva, era la fonte di tutte le possibilità.

Questo paragone mi viene sempre in mente quando sento parlare di potenziale umano. Come la presa di corrente, anche gli uomini contengono un’energia nascosta, che gli psicologi chiamano inconscio. Ben poche sono le persone che fanno lo sforzo per metterlo in contatto con la propria coscienza. Ne hanno paura, come se mettere le dita nell’inconscio provocasse una scarica elettrica mortale.

La maggior parte degli individui si accontenta di portare questa forte energia dentro di sé, credendo che sia sufficiente lasciarla tranquilla, non disturbarla. Invece lei opera a nostra insaputa. Può diventare vendicativa. L’energia inconscia vorrebbe essere riconosciuta. Vorrebbe che la coscienza se ne occupasse, stabilisse un legame con lei, in un certo senso le volesse bene. Delusa di essere trascurata, può procurarci mille disavventure: una malattia, una debolezza del carattere, la solitudine, un matrimonio sbagliato.

Usiamo ancora la nostra similitudine con la corrente elettrica. Se vogliamo sviluppare il nostro potenziale umano, occorrerà innestare nella presa dell’inconscio la spina adatta: cioè la volontà di conoscere cosa si nasconde sotto la facciata della nostra personalità. Freud aveva stabilito che nell’inconscio vanno a confluire tutti i fatti spiacevoli che non abbiamo la forza di sopportare. Aveva chiamato quest’opera rimozione. Credo che in realtà l’inconscio sia molto più articolato e ricco di quello che riteneva Freud. La ricerca olotropica di Stan Grof ha dimostrato che nell’inconscio ci sono anche dei gioielli. Un esempio? La natura divina dell’uomo. Chi ha paura di questa energia potenziale, che per noi è occulta, rinuncia alla propria grandezza, al proprio progresso psicologico e morale, alla propria elevazione: ecco apparire il superuomo (nel senso della santità) in una accezione diametralmente opposta a quella di Nietzsche.

Sviluppare il potenziale umano è un diritto e un dovere di tutti gli esseri umani. Siamo gli unici animali che potrebbero fare della libertà la base della loro vita, essendo meno condizionati dagli istinti che determinano le altre bestie. Stan Grof ha fatto notare la meravigliosa evoluzione intellettuale dell’uomo, che lo ha portato dalla caverna alla stazione aerospaziale. Ahimè la stessa evoluzione non ha avuto luogo nella sua parte emozionale: pigrizia, passività, violenza e avidità si alternano nei nostri simili.

Per sviluppare il potenziale personale occorre dunque lavorare sulle emozioni. Abbandonare quelle infantili. Smettere di considerarsi al centro del mondo e di avere sempre ragione. Allora tutto quello che era inconscio rotola all’aria aperta, e fonda le basi per il nostro progresso di fronte al destino. Per sviluppare il proprio potenziale umano ci sono molti metodi: uno è quello di ricorrere ad una persona qualificata, che si assuma il ruolo di arbitro imparziale tra le nostre tendenze in conflitto: si chiama psicoterapeuta.

 

 

 

 

Luciano Jolly, MenteInPace  Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

41376

TOTALE VISITE

60287

Dati aggiornati

al 12-11-2019

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

----------------------------------------------

ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Paola Bolla

PROTEGGIMI

DA ME

Edizioni EBS Print - 2018

 

 

Immagina di partire per un viaggio all'interno di te, di toccare quei lati spigolosi, quegli spruzzi della vita che arrivano sulla faccia fastidiosi. Io sono partita con una valigia pesante, colma di timori e insicurezze. Ho spolverato tra i miei dolori e ho preso di petto quello che mi faceva più male. Mi sono guardata dentro e ho sentito di provare qualcos'altro oltre l'odio ingoiato per anni. Questo è stato il mio vero riscatto o, come mi piace dire, "ciò che ridà la giusta luce al sole". Desidero che questa raccolta di poesie possa arrivare a te, creatura speciale che la vita ha messo alla prova, perché il male, spesso, è solo un trampolino troppo alto da cui tuffarsi e serve tanto coraggio, forse anche un po' di fortuna, per circondarsi di nobili anime che allungano le mani nella paura. Prefazione di Paola Bianchini.

 

Biografia dell'Autrice

Paola Bolla è nata in Piemonte, in provincia di Cuneo nell’aprile del 1985. Si è diplomata al Liceo Linguistico.

É coadiuvante presso l’azienda agricola di famiglia. Ama l’arte, il cinema e il teatro, lo sport e la campagna, leggere e ascoltare musica italiana. Nel tempo libero si diletta nella scrittura.

 

Turismo
in Langa

Castle Angels 

Fuga dalla verità


Pronti per essere gli “angeli” del castello? Riuscirete a sventare l’attacco del nemico pronto a diffondere fake news per screditare l’organizzazione e uscire sani e salvi?

CASTELLO DI VERRONE

Falseum – Museo del Falso e dell’Inganno
Via della valletta 1 - 13871 VERRONE (Biella)

L’avventura prende piede quando il nostro “Charlie” scopre che un avversario misterioso ha creato una “Fake News” per screditare l’operato dei Castle Angels. Se i mezzi di informazione venissero a conoscenza di questo falso sarebbe la fine per l’intera organizzazione!
I partecipanti sapranno impedire la diffusione della notizia e salvare gli stessi Castle Angels prima che sia troppo tardi?

 

“Castle Angels” è un format di visita a squadre, liberamente ispirato alle modalità tipiche delle “escape room”, per conoscere il Museo del Falso e dell’inganno di Verrone (BI), attraverso la ricerca di indizi e la risoluzione di quesiti, con un format che trae liberamente spunto dal noto telefilm “Charlie’s angels” e dai suoi protagonisti, per diventare poi un’originale ed inedita avventura.

 

Per più informazioni clicca su

http://www.turismoinlanga.it/it/castle-angels-fuga-dalla-verita/

Biscotti Gorgonzola e barbabietola

A Fano ho visitato un posticino fantastico, La golosa officina, una bottega artigianale dove si producono quotidianamente biscotti di ogni tipo e forma, dolci e salati,  ma solo con materie prime selezionatissime, dalla farina macinata a pietra alle amarene di Cantiano, passando per lo zafferano del Montefeltro, arrivando alla nocciola Piemonte IGP, la famosa tonda gentile. Un’esperienza gustativa unica che ha avuto una ripercussione nel mio modo di vedere la biscotteria fino ad ora: ecco che, tornata a casa, ho cominciato anch’io a sperimentare, soprattutto sul salato, per creare sempre nuovi biscotti adatti non solo agli aperitivi, ma da presentare a tutto pasto in accompagnamento a carne cruda, zuppe, secondi piatti, sorbetti. Il sapore e la friabilità di questi biscottini ti conquisterà al primo morso, ne sono certa! Questi biscotti gorgonzola e barbabietola credo abbiano subito una influenza da La golosa officina, e la mia ispirazione è andata ben oltre.

Per la ricetta e la preparazione  CLICCA SU:

https://unabloggerincucina.it/biscotti-gorgonzola-barbabietola/