IL POTENZIALE UMANO (di Luciano Jolly)

Il primo diploma che ho conseguito è di perito elettrotecnico. Detestavo quegli studi che giudicavo aridi, mentre avrei frequentato volentieri il liceo classico, perché avevo la passione di scrivere.

Ma su tutti un concetto mi affascinava: era quello di energia potenziale. Ci fantasticavo su. Che una presa di corrente avesse quella misteriosa energia, da cui non sortiva alcun effetto visibile, mi sembrava un fatto magico. Poi nella presa si inseriva un apparecchio (supponiamo la radio). Allora quell’energia invisibile si trasformava di colpo in suoni, in parole, in musica. Era un miracolo. Si sarebbe potuto inserire un frullatore, o una lampada, o un frigorifero. Quell’energia potenziale che nessuno vedeva, era la fonte di tutte le possibilità.

Questo paragone mi viene sempre in mente quando sento parlare di potenziale umano. Come la presa di corrente, anche gli uomini contengono un’energia nascosta, che gli psicologi chiamano inconscio. Ben poche sono le persone che fanno lo sforzo per metterlo in contatto con la propria coscienza. Ne hanno paura, come se mettere le dita nell’inconscio provocasse una scarica elettrica mortale.

La maggior parte degli individui si accontenta di portare questa forte energia dentro di sé, credendo che sia sufficiente lasciarla tranquilla, non disturbarla. Invece lei opera a nostra insaputa. Può diventare vendicativa. L’energia inconscia vorrebbe essere riconosciuta. Vorrebbe che la coscienza se ne occupasse, stabilisse un legame con lei, in un certo senso le volesse bene. Delusa di essere trascurata, può procurarci mille disavventure: una malattia, una debolezza del carattere, la solitudine, un matrimonio sbagliato.

Usiamo ancora la nostra similitudine con la corrente elettrica. Se vogliamo sviluppare il nostro potenziale umano, occorrerà innestare nella presa dell’inconscio la spina adatta: cioè la volontà di conoscere cosa si nasconde sotto la facciata della nostra personalità. Freud aveva stabilito che nell’inconscio vanno a confluire tutti i fatti spiacevoli che non abbiamo la forza di sopportare. Aveva chiamato quest’opera rimozione. Credo che in realtà l’inconscio sia molto più articolato e ricco di quello che riteneva Freud. La ricerca olotropica di Stan Grof ha dimostrato che nell’inconscio ci sono anche dei gioielli. Un esempio? La natura divina dell’uomo. Chi ha paura di questa energia potenziale, che per noi è occulta, rinuncia alla propria grandezza, al proprio progresso psicologico e morale, alla propria elevazione: ecco apparire il superuomo (nel senso della santità) in una accezione diametralmente opposta a quella di Nietzsche.

Sviluppare il potenziale umano è un diritto e un dovere di tutti gli esseri umani. Siamo gli unici animali che potrebbero fare della libertà la base della loro vita, essendo meno condizionati dagli istinti che determinano le altre bestie. Stan Grof ha fatto notare la meravigliosa evoluzione intellettuale dell’uomo, che lo ha portato dalla caverna alla stazione aerospaziale. Ahimè la stessa evoluzione non ha avuto luogo nella sua parte emozionale: pigrizia, passività, violenza e avidità si alternano nei nostri simili.

Per sviluppare il potenziale personale occorre dunque lavorare sulle emozioni. Abbandonare quelle infantili. Smettere di considerarsi al centro del mondo e di avere sempre ragione. Allora tutto quello che era inconscio rotola all’aria aperta, e fonda le basi per il nostro progresso di fronte al destino. Per sviluppare il proprio potenziale umano ci sono molti metodi: uno è quello di ricorrere ad una persona qualificata, che si assuma il ruolo di arbitro imparziale tra le nostre tendenze in conflitto: si chiama psicoterapeuta.

 

 

 

 

Luciano Jolly, MenteInPace  Cuneo

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' MENTEINPACE 2018
MIP - ATTIVITA' 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat 129.6 KB

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

31792

TOTALE VISITE

47863

Dati aggiornati

al 24-04-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB
PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 LA SCIENZA DELLE ORGANIZZAZIONI POSITIVE

Far fiorire le persone

e ottenere risultati

che superano le aspettative

 

Veruscka Gennari 

Daniela Di Ciaccio

 

FRANCO ANGELI editore

 

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Il testo integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese.

 

Siamo sicuri che i modelli organizzativi sui quali abbiamo costruito il mondo del lavoro siano gli unici possibili, i più adeguati a gestire la complessità e a garantirci l'evoluzione?

Questo libro sfida il modello organizzativo convenzionale, il sistema di valori, i principi e le credenze su cui oggi la maggior parte dei leader (manager, insegnanti, amministratori pubblici, imprenditori) fonda il proprio approccio al lavoro. Le scienze - dalla chimica all'epigenetica, dalla fisica alla biologia alle neuroscienze - ci offrono informazioni, dati ed esperienze solide e preziose per costruire un nuovo paradigma: la positività e il benessere "pagano" perché attivano i centri dell'apprendimento, della creatività e della concentrazione, innescando un circolo virtuoso che si traduce in maggiore produttività e innovazione. 
Condividere uno scopo forte e collettivo, affiancare il paradigma emozionale a quello razionale, sperimentare la coerenza tra cultura e processi: così si creano organizzazioni in cui le persone fioriscono e ottengono risultati che superano le aspettative. 
Il libro integra le informazioni scientifiche e la letteratura manageriale, offrendo anche un risvolto pratico, grazie alle voci di esperti e a diverse storie italiane di successo, che dimostrano che un nuovo modo di fare impresa, scuola, informazione e amministrazione esiste già nel nostro Paese. 
Un percorso per quanti vogliano motivare e costruire organizzazioni positive e contribuire a ridisegnare la nostra società intorno ai principi della positività e del benessere.

Il libro è anche un portale digitale a cui potrai accedere liberamente utilizzando i QR Code che si trovano all'interno: risorse e approfondimenti, le case histories complete e mappe multimediali per entrare in relazione con il network. www.2bhappy.it

Veruscka Gennari, filosofa, divulgatrice, trainer e studiosa, è stata co-fondatrice e ha guidato la sede italiana di Six Seconds, network mondiale di Intelligenza emotiva applicata, lavorando per 12 anni come consulente al fianco di aziende, manager e team. Nel 2013 inaugura la fase 3.0 della sua vita: diventa mamma, si specializza in neuroscienze e scienza della Felicità. Nel 2014 fonda con Daniela 2BHappyAgency ed insieme nel 2016 sono invitate all'ONU per presentare il lavoro che svolgono in Italia. www.2bhappy.it


Daniela Di Ciaccio, sociologa, imprenditrice, insegnante yoga e ricercatrice, è stata HR manager, consulente e formatrice, progettando strumenti e metodologie per lo sviluppo di persone e organizzazioni. Dal 2012 si dedica alla ricerca e alla sperimentazione di pratiche spirituali e modelli integrati per il cambiamento positivo di persone e sistemi. Nel 2014 fonda insieme a Veruscka 2BHappyAgency.www.2bhappy.it