LE RIGIDITÀ UCCIDONO LA RELAZIONE (TERAPEUTICA) (di Gianfranco Conforti)





Vi fareste salvare da un bagnino che ha paura del mare? E da uno a cui non piace il mare, a cui dà fastidio l’acqua salata e per cui è restio a tuffarsi? No, vero? Anzi vi sembrano persino paradossali le domande.

Chi presta soccorso, chi opera nel campo dell’aiuto all’altro, dell’assistenza e della cura deve non solo cercare di conoscere la o le situazioni che tenta di modificare in meglio ma anche le persone che vivono tali situazioni, senza pregiudizi, moralismi, paure o filtri.

Nel caso della malattia psichiatrica, in tutte le sue forme, occorre che chi opera per la cura e riabilitazione non abbia giudizi e atteggiamenti prevenuti.

Le persone che giungono ai servizi psichiatrici hanno storie diverse e diversi quadri psicopatologici. Ogni storia è una storia a sé, che va affrontata nella sua unicità, cercando certo di inserirla in un quadro che prevede un insieme di sintomi, una o più diagnosi e una relativa terapia. Ma, pur accettando quella normale e sana dose di allarme nei confronti dell’ignoto e dell’imprevedibilità, occorre accogliere chi si ha di fronte senza giudicarlo. Potrà essere uno schizofrenico delirante, per cui il suo delirio è l’unico rifugio che lo difende da un mondo che non comprende e che non lo comprende e non lo accetta. Potrà essere un tossicodipendente con un passato fatto di tante e tali fragilità per cui i suoi atteggiamenti manipolativi si ritorcono contro di lui e lo avvolgono in una spirale perversa. Potrà essere la donna abusata, da bambina o perché prostituta, che si porta addosso ferite che non riesce a vedere in modo lucido e che modulano le sue emozioni prevalentemente sul versante della rabbia. Potrà essere la ragazza anoressica che vuole bloccare il suo corpo in una dimensione allucinata per richiamare l’attenzione su una carenza d’affetto per troppo tempo subita.

Di fronte avremo comunque sempre una persona molto, troppo sensibile, attenta alle minime cose. Attenta ai nostri sguardi, alle più piccole dimostrazioni di affetto come anche di repulsa.

Un esempio lampante di come “è sempre possibile una relazione” (così s’intitola un paragrafo del libro Istruzioni per essere normali edito da Rizzoli, pag. 19, edizione del 1999) è l’esperienza che lo psichiatra Vittorino Andreoli racconta ricordando il suo lavoro presso l’ospedale psichiatrico di Verona. Un paziente agitato, che stava spaccando tutto, è stato avvicinato dallo psichiatra il quale si è messo anche lui a spaccare (in verità suppellettili già frantumate). Paradossalmente il malato si è quietato. Come mai? Lo racconta Andreoli: “attraverso il mio comportamento si era stabilita una relazione che aveva avuto il potere di toglierlo dal suo isolamento. A spaccare tutto eravamo in due. Pur attraverso le più strane vie e modalità, una relazione è sempre possibile, con immediati effetti terapeutici 1. Vedo già la reazione di chi afferma che gli psichiatri non possono certo mettersi a spaccare solo perché lo fa un paziente. Non è questo! Quello che ci dice Andreoli è che occorre cercare di capire il linguaggio del paziente, specie quando è (per noi) incoerente, illogico, irrazionale o, ancora, non verbale ma comportamentale.

Quello che occorre è un moderato e cauto coraggio, una voglia di mettersi in discussione, una duttilità che ti porta a verificare e riverificare la situazione, le emozioni, il contesto in un divenire mutevole da valutare utilizzando l’arma dell’umanità più che dell’aggressività e/o del rigido arroccamento. Tenendo conto che, come affermano lo psicanalista Renzo Carli e la psicoterapista Rosa Maria Paniccia per quanto riguarda la relazione psichiatra-malato psichico, “è possibile cogliere la violenza intrinseca alla relazione in questione: un medico ritiene di poter imporre cure, per altro poco efficaci quanto alla guarigione ma efficaci solo nell’ambito del rendere possibile il controllo del comportamento, a un malato che non è consapevole del proprio essere malato2.

Più del rapporto autoritario è utile e terapeutico un rapporto autorevole perché carico di valenze umane. Come sostiene Antonio Imbasciati “ciò che occorre è una trasmissione di affetti, che possa passare attraverso le parole3. Ma più che le parole ha importanza il linguaggio non verbale, perché più spontaneamente dimostra il nostro essere. Sempre Imbasciati fa l’esempio della “buona madre” che utilizza la comunicazione non verbale spontaneamente e senza accorgersene. “Se c’è empatia col suo bimbo, sembrerebbe che il suo inconscio sia capace di modulare la sua comunicazione non verbale in modo da rispondere adeguatamente ai messaggi del bimbo e così organizzare e promuovere il suo sviluppo psichico. Un buon analista dovrebbe allora poter rispondere allo stesso modo, cogliendo i messaggi non verbali del paziente e rispondergli in modo benefico4 e cioè terapeutico.  

Non è facile ma è la parte più bella della relazione umana. Come afferma lo psichiatra Antonello Correale la rigidità è tipica della malattia mentale. Dobbiamo ricordarcelo quando ci arrocchiamo in certe nostre rigidità di pensiero, di comportamento, di rapporto gerarchico o altro.

Rischieremmo di non essere terapeutici ma di avere, noi, bisogno di cura.

 

 

 

Gianfranco Conforti

MenteInPace, Cuneo


 

1 – Andreoli Vittorino, Istruzioni per essere normali, Rizzoli, Milano, 1999, pagg. 19-20;

2 – Carli Renzo, Paniccia Rosa Maria, La cultura dei servizi di salute mentale in Italia, Franco Angeli, Milano, 2011, pag. 48;

3 – Imbasciati Antonio, Dalla Strega di Freud alla nuova metapsicologia, Franco Angeli, Milano, 2013, pag.200;

4 – Imbasciati Antonio, op. cit., pag.209; 

Scrivi commento

Commenti: 0
ATTIVITA' ASSOCIATIVA 2017
MIP - ATTIVITA' 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 138.4 KB
BILANCIO CONSUNTIVO 2017
MIP - B. CONSUNTIVO 2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 353.7 KB

 

IL PROGRAMMA 2017-2018

http://www.casadelquartieredonatello.it

I LUOGHI DEL POSSIBILE

Fare salute mentale oggi

 

a cura del Consorzio Cascina Clarabella

 

Introduzione
La salute mentale che sogniamo
Claudio Vavassori, Carlo Fenaroli

L’IDEA DI CURA

Mettere tra parentesi la malattia mentale
Nuove (e vecchie) ipotesi per la cura della sofferenza psichica
Intervista a Angelo Barbato a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

Riconoscersi nel destino di fragilità dell’altro
Per curare servono introspezione e immedesimazione
Eugenio Borgna

Perché non bastano gocce e pastiglie
Se la salute mentale è data da casa, lavoro e rete sociale
Andrea Materzanini

La salute mentale tiene le porte aperte
Il sogno di Cascina Clarabella
Intervista a Claudio Vavassori a cura di Roberto Camarlinghi

PER UNA CITTA’ CHE CURA

Il sogno della città che cura
L’attualità della lezione basagliana
Intervista a Franco Rotelli a cura di Roberto Camarlinghi

Di chi sono gli adulti fragili di una città?
Un’esperienza di collaborazione tra servizi a Piacenza
Corrado Cappa, Claudia Marabini

I luoghi buoni della cura
Come mandare avanti la rivoluzione culturale avviata da Basaglia
Intervista a Peppe Dell’Acqua a cura di Anna Poma

Fare inserimenti lavorativi nel tempo della crisi
Una sfida epocale per la cooperazione sociale
A cura di Carlo Fenaroli e Claudio Vavassori

Lavorare con il sogno di una felicità urbana
Senza un’utopia rimane il poco che viviamo quotidianamente
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

PER UNA PSICHIATRIA DI COMUNITA’

In salute mentale il sociale è importante
Perché prendersi cura della vita quotidiana
Andrea Materzanini

Rompere l’inerzia psicotica
A cosa serve il budget di salute
Domenico Castronuovo

Il budget di salute in dieci punti
Verso una psichiatria di comunità
Roberto Legori, Greta Manca

Storie in cammino verso l’autonomia
Tre racconti di operatori
Valentina Gaspari, Mauro Peri,Greta Manca

LETTERE AI GIOVANI OPERATORI

A un giovane operatore della salute mentale
Lettera aperta per riconoscerci in una storia che parla al futuro
Peppe Dell’Acqua

Navigare nei mari della salute mentale
Raccomandazioni ai giovani marinai di un intrepido equipaggio
Intervista a Benedetto Saraceno a cura di Roberto Camarlinghi

 

Essere operatore della salute mentale
Idee per un manifesto
A cura degli operatori della Cascina Clarabella

 

   Micheline Cacciatore

  

Quando l'ansia infantile prende il sopravvento

 
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform
pag.118 - € 11,22
 

https://www.amazon.it/Quando-lansia-infantile-prende-sopravvento/dp/1983896691

   

 

Uno psichiatra e una psicologa si confrontano a partire da un libro che racconta l'esperienza di lotta di una madre accanto a una figlia contro l'emetofobia, un'ansia infantile che genera una paura irrazionale.
 
Il libro narra una storia realmente accaduta, raccontata in prima persona da una madre che si trova a dover gestire l'insorgenza dell'emetofobia (paura irrazionale del vomito) nella vita di sua figlia e della sua famiglia. Mentre le condizioni di sua figlia peggiorano di giorno in giorno: diventa sempre più magra, si rifiuta di uscire di casa, utilizza una serie di rituali ossessivi, questa madre si rende conto che le normali sedute settimanali di psicoterapia non sono sufficienti ed è necessario trovare una cura specifica. Nonostante l'emetofobia sia una delle cinque fobie più diffuse, è ancora poco conosciuta e trovare una cura adeguata può essere difficoltoso. Dopo varie ricerche, la madre approda finalmente alla Clinica Universitaria di Miami che propone una terapia mirata: la desensibilizzazione graduale intensiva, che prevede un'esposizione progressiva allo stimolo che provoca la fobia, in questo caso il vomito. Nel corso del libro viene raccontato il percorso terapeutico che porta gradualmente la giovane paziente, ma anche i suoi familiari, a gestire e superare la fobia. In seguito a questa esperienza, Micheline Cacciatore, l'autrice ha aperto un blog “Emetofobia destrutturata” nel tentativo di raggiungere ed essere d'aiuto ad altri genitori che si trovano ad affrontare la stessa problematica.
Quando l'ansia infantile prende il sopravvento è il primo libro di Micheline Cacciatore. Il successo del suo blog, “Emetofobia Destrutturata”, l'ha convinta a scrivere per raggiungere ancora più persone. È cresciuta in Massachusetts e ha frequentato la Walnut Hill School of Arts, dove ha studiato danza classica. Dopo un brutto infortunio, che le ha impedito di proseguire la carriera di ballerina professionista, ha frequentato la scuola di fotografia, dove ha ottenuto il diploma di fotografa e ha conosciuto il suo futuro marito. Dopo aver lavorato alcuni anni come fotografa, è tornata alla sua vera passione, la danza, dedicandosi all’insegnamento. Nel 2010, Micheline ha venduto la scuola di danza in Massachusetts, per trascorrere più tempo con la sua famiglia. Insegna ancora danza e vive a Miami, con il marito e i due figli.