BACI TANTI Il saluto di Renzo De Stefani

Carissime & carissimi

 

Ho viaggiato, come molti di voi sanno, attraverso il mondo della salute mentale per più di 40 anni e ne ho fatto, senza volerlo, ma anche senza poterne col tempo fare a meno, la mia casa.

Il viaggio, come tutti i viaggi sta finendo e le emozioni che sento dentro richiamano l’inquietudine, l’incertezza, la nostalgia ancor prima di essere uscito per l’ultima volta ‘ufficialmente’ da quello che troppe volte orgogliosamente ma erroneamente ho chiamato il ‘mio’ Servizio. Per poi riprendermi almeno nel pensiero e capire quello era semmai il ‘nostro’ Servizio, il Servizio di una città, Trento nel nostro caso, a cui dovevamo offrire tutto il nostro impegno e la nostra passione perché chi aveva perso la voglia di vivere la ritrovasse assieme a noi.

Mentre inevitabilmente penso a cosa riempirà la mia vita a partire dal 1 febbraio, e non capisco ancora se e quando troverò una risposta che mi piaccia, ci sono 2 brevi pensieri che vorrei lasciarvi.

Il primo è un ringraziamento. Per aver imparato attraverso i più profondi dolori della vita i mille significati dell’esistenza. Un ringraziamento a quelle persone che chiamiamo utenti  e che più di qualsiasi libro mi hanno insegnato cosa è la ‘malattia mentale’, a quelle persone che chiamiamo familiari e che mi hanno da sempre stupito per la loro capacità di sopravvivere a dolori che troppo spesso mi sono sembrati intollerabili, a quelle persone che chiamiamo operatori e che quando riescono a cogliere il valore e l’importanza reciproca della relazione profondamente umana che non sempre, ma spesso, si stabilisce tra di loro e il mondo degli utenti e dei familiari, diventano maestri di vita, per loro stessi, per chi soffre al loro fianco, per me quando li colgo in questa sorprendente dimensione, a quelle persone, e sono state tantissime, che hanno attraversato il Servizio per i motivi più diversi e con la loro presenza ci hanno aiutato a tenere sempre aperte le nostre porte e ci hanno aiutato a pagare quel debito che abbiamo acceso durante i tempi bui dei manicomi e che in tante parti di Italia e del mondo ancora non abbiamo finito di pagare.

Il secondo è un augurio. Che quanto di bello, di utile alle donne e agli uomini che sono arrivati da noi rotti nell’animo, a Trento come in qualunque altra città d’Italia e del mondo, abbiamo saputo dare, prosegua nel tempo e trovi percorsi sempre più capaci di riparare quegli animi e di imparare sempre di più a percorrere assieme le strade del recupero, del ritorno alla vita. fareassieme, fiducia e speranza sono state le parole chiave che ci hanno accompagnato per quasi 20 anni. L’augurio è che ci accompagnino ancora e che la casa che ci ospita trovi sempre più vita, gioia, voglia per tutti noi di trovare la chiave del giardino segreto dove ritrovare, se l’abbiamo persa, la voglia di vivere e la capacità di farlo. La nostra casa ovviamente sono Le Parole ritrovate ed è una casa che sa di buono e di dolce e che si aspetta da noi tutto l’amore che merita!

In quaranta anni sono infinite le cose che mi hanno dato gioia in questo nostro mondo e sarei terribilmente sciocco se non cogliessi tutta la fortuna che mi ha accompagnato. E di cui sono debitore in modi e occasioni diverse a ciascuno di voi.

A tutti noi, compreso il vostro vecchio segretario, continuare la partita e fare di questo nostro piccolo grande  mondo di Parole ritrovate un luogo sempre migliore per tutti quelli che lo abitano, qualunque sia l’etichetta che ci portiamo addosso.

Un abbraccio dolce di commozione

Baci tanti

Renzo

PS

Ci troveremo a Bologna in marzo in una data che non siamo ancora riusciti a fissare ma che spero riusciremo a decidere presto e a comunicarvi immediatamente. Ci aspettano tanti impegni e abbiamo bisogno che il nostro movimento trovi tutta la passione e la voglia che gli ha fatto fare straordinarie cose nei suoi 20 anni di vita.

Scrivi commento

Commenti: 0

 

Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

TOTALE VISITATORI

28360

TOTALE VISITE

43275

Dati aggiornati

al 17-2-2019

---------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2018
DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE.pdf
Documento Adobe Acrobat 618.6 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

 

Mario Maffi

1957. UN ALPINO ALLA SCOPERTA DELLE FOIBE

Gaspari Editore

 

Cinquant’anni dopo, i ricordi della ”missione segreta” emergono dalla memoria di Mario Maffi e si trasformano in racconto scritto, inseriti in una rapida rivisitazione autobiografica a tutto campo. “Scendere” in una foiba è come scendere nella storia, cogliendola in uno dei suoi momenti più spietati: i crani mescolati alla ruggine di una bicicletta, le ossa sparse tra cocci di vetro e pagliericci, sono una visione infernale. Per metà tomba e per metà discarica, la foiba rappresenta il rovesciamento dei valori, l’umiliazione dei corpi morti che si aggiunge alla ferocia sui vivi. È una pagina in più che ci restituisce i contorni di una tragedia lontana, attorno alla quale c’è ancora tanto da studiare e da scoprire: una pagina che porta anche noi lettori al fondo della “foiba”, con la suggestione inquietante di un buio carico di significati e di simboli. (dalla Prefazione di Gianni Oliva).

 

Mario Maffi racconta interessanti aneddoti di storia cuneese nel periodo della seconda guerra mondiale sino al dopoguerra, a cui aggiunge la missione segreta nelle foibe, assegnatagli come alpino esperto in speleologia. 

 

Note biografiche sull'autore

 

Mario Maffi,
(Cuneo 1933-2017) ufficiale esperto di mine ed esplosivi, speleologo e fotografo, viene convocato nel 1957 dal ministero della Difesa per una missione segreta che lo porta a diventare inconsapevole testimone di una delle più atroci pagine del secondo dopoguerra: le foibe. Tale esperienza rimase per 50 anni solo nella sua memoria perché coperta dal segreto militare.
È autore di studi storico militari fra cui L’onore di Bassignano - il maggiore piemontese che non volle fucilare gli alpini del Val d’Adige (Gaspari 2010).