RITORNA “CINEMA SOTTO LE STELLE” AL PARCO LA PINETINA (comunicato stampa MenteInPace)

Proviamo a ritrovarci, a necessaria distanza, e uscire dall’isolamento pur restando in sicurezza, all’aperto.

Proponiamo, presso il parco “La Pinetina”, una rassegna cinematografica che può aiutare a riflettere sulla complessità dei rapporti tra le persone, le difficoltà ed i pregiudizi che sovente li rendono difficili, con l’aiuto di film che trattano i problemi in modo leggero ed insieme efficace.

La rassegna fa parte del progetto “Star bene insieme” che comprende altre attività che coinvolgono persone in cura presso il Servizio di Salute Mentale di Cuneo: Laboratorio teatrale, Laboratorio di cucina, Uscite del sabato per visitare mostre, luoghi d’arte, Karaoke.  Iniziative socializzanti che al momento sono inevitabilmente sospese.

Possiamo invece ritrovarci nel parco, rispettando distanziamento e tutte le norme per godere degli spettacoli in sicurezza. Per l’ingresso e per spostarsi nel parco è necessaria la mascherina. Gli spettatori potranno toglierla quando si saranno accomodati sulla propria sedia. L’ingresso è gratuito, i posti numerati e distanziati, saranno utilizzati fino ad esaurimento. Si consiglia di accedere con buon anticipo rispetto all’inizio delle proiezioni.

 

Il progetto è organizzato dall’Associazione MenteInPace in collaborazione con il Comune di Cuneo, il Centro Diurno del S.S.Mentale di Cuneo, la Casa del Quartiere Donatello, il Comitato di quartiere Donatello, le Coop. sociali Momo e Proposta 80, le Associazioni Gli Animattori, Amnesty International, Se non ora quando?, Spazio Mediazione & Intercultura e Consulta Giovanile Cuneo, con il contributo del CSV “Società Solidale” ed sostegno di Fondazione CRC.

 

 

Venerdì 17 luglio, alle ore 21.15, sarà proposto “Mio fratello rincorre i dinosauri” di Stefano Cipani, con Alessandro Gassmann, Isabella Ragonese, Rossy De Palma, Francesco Ghenghi, Lorenzo Sisto.

 

  Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Giacomo Mazzariol.  Jack e Gio sono fratelli. Negli anni Gio, affetto da sindrome di Down, diventa per suo fratello un segreto da non svelare e con questo sentimento nel cuore trascorre il tempo delle scuole medie. Durante il liceo arriva a negare agli amici l’esistenza di Gio. Ma non si può essere amati se non si è in grado di accettare gli altri, come sono. Sarà questo l’insegnamento che Jack riceverà da suo fratello, dal suo originale punto di vista sul mondo. 

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1115

VISITE 1590

aggiornato al 27/02/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------