APRE AD IVREA IL RECOVERY COLLEGE, UN'IMPORTANTE NOVITÀ PER IL PIEMONTE (Fondazione Casa dell'Ospitalità)

Giovedì 12 e Venerdì 13 Dicembre presso l’Officina H di Ivrea si terrà il primo corso del Recovery College, un progetto nel settore della salute mentale germogliato in stretta collaborazione tra enti pubblici e privati del territorio, prima esperienza in Piemonte e in tutto il nord-ovest italiano.

 

Saranno due giornate di formazione intensa, intitolate “L’approccio del ‘fareassieme’ e la partecipazione attiva di utenti e familiari in un servizio di salute mentale orientato alla recovery”.

 

Il mondo della cosiddetta Recovery è la ricerca di un diverso modo di concepire la sofferenza mentale. E' un modello riconosciuto e promosso anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma ancora pochissimo diffuso in Italia. Non si tratta di una tecnica o di un protocollo di cura, ma di un percorso unico per ogni individuo che pone al centro gli obiettivi e le speranze della persona sofferente, spingendola a recuperare un progetto soddisfacente della sua vita nonostante i limiti che derivano da sintomi e disturbi mentali. Si punta sulle risorse e sulle abilità del singolo per riscoprire il valore della sua esistenza concentrandosi sulla vita della persona al di la della malattia.

 

Questo cambio di prospettiva non riguarda solo gli utenti ma tutti coloro che ruotano intorno al disagio psichico: operatori, familiari e la cittadinanza. È chiaro dunque che prima ancora che clinico e applicativo questo cambiamento è soprattutto culturale.

 

Per questa ragione il Recovery College è lo strumento più indicato: è un luogo di formazione e funziona come un’università. Ha un catalogo formativo, i corsi da seguire e un suo corpo docenti. Proprio nei docenti risiede la forza e la particolarità di questo strumento: sono costituiti da operatori - che hanno approfondito il tema della salute mentale attraverso lo studio e il lavoro - ma anche da chi quotidianamente vive i problemi sulla propria pelle, cioè gli utenti e i familiari.

 

Nel Recovery College queste tre realtà si incontrano e mettono il proprio sapere, quello per professione e quello per esperienza, al servizio di chi frequenta i corsi. Approfondendo così uno stesso tema - come ad esempio l'impronta della malattia mentale, l'ansia, l’uso dei farmaci - da tutti i punti di vista.

 

Attraverso i corsi si diventa studenti del proprio benessere, si impara dalla propria esperienza sfavorevole, si crea un dialogo alla pari senza pregiudizi: si restituisce potere e valore a chi, limitato dalla propria esperienza, sente di non averne più.

Chiunque può partecipare: operatori, utenti, familiari e cittadini. I corsi sono gratuiti.

 

Il Recovery College di Ivrea è gestito congiuntamente dalla Fondazione Casa dell’Ospitalità, dall’ASL TO4 e dall’Università degli Studi di Torino (corso di laurea di Infermieristica), con la collaborazione dell’Associazione Più Diritti di Settimo Torinese e della cooperativa L’Arte della Cura di Ivrea. Ha ricevuto un contributo di sostegno economico dalla Fondazione di Comunità del Canavese e il plauso dalla Regione Piemonte.

 

Nel campo della Recovery in Italia esistono due realtà consolidate: a Brescia e a Trento. Le due giornate del corso di formazione saranno dirette dalle Associazioni Le Parole ritrovate Trentine e La Panchina, pioniere nell'esperienza della Recovery.

 

 

 

Per maggiori informazioni vai al sito https://www.recoverycollege.it/

Scrivi commento

Commenti: 0

----------------------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2019
DATI SITO 2014-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 797.1 KB

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE VISITATORI:44982

 

TOTALE VISITE: 65307

 

MEDIA GIORNALIERA VISITATORI

negli ultimi 30 giorni: 37

 

MEDIA GIORNALIERAVISITE 

negli ultimi 30 giorni52

 

Dati aggiornati

al 24-02-2020

PROGETTO "STARE BENE INSIEME"
Relazione descrittiva presentata alla Fondazione CRC
PROGETTO STARE BENE INSIEME- RELAZIONE D
Documento Adobe Acrobat 405.0 KB

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

Luigi CIOTTI

 

DROGA

Storie che ci riguardano

 

Edizioni Gruppo Abele

 

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere.
Partendo da un’esperienza di quasi cinquant’anni – don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 – Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell’argomento dell’uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico – il più redditizio business delle mafie – e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con l'overdose ma con leggi repressive, che nel consumatore vedono il criminale e non la persona fragile e bisognosa di aiuto»

Dall'indice: 

 

Droghe: storie e numeri - L’età dell’iniziazione - La solitudine nell’epoca di Internet - Le droghe più diffuse - Quando le droghe uccidono - Aiuto, cura o punizione? - “Educare, non punire” - L’Aids, ieri e oggi - Anche la legge può uccidere - Chi gestisce il narcotraffico (e quanto guadagna) - Proibita o legale? - A che punto siamo - La cultura del limite non è rinuncia ma scoperta di felicità

 

Turismo
in Langa

   Caccia al          Tesoro        1 maggio

2020

Organizzata da Turismo in Langa, la Caccia al Tesoro è un gioco non competitivo con il classico formato di percorso ad indizi. L’itinerario si snoda tra le magnifiche colline delle Langhe, Patrimonio dell’Umanità UNESCO e andrà percorso in automobile o in motocicletta, per permettere ai partecipanti di visitare un’ampia fetta del territorio delle Langhe.

I giocatori, divisi in squadre da massimo 5 persone, seguiranno itinerari differenziati, ma omogenei per caratteristiche, lunghezza, tour e location. Si visiteranno paesi, cantine e castelli e in ogni location sarà possibile cimentarsi in una prova di gioco, degustando vini e prodotti del territorio.

Costo di partecipazione: 25 euro a persona
Per acquistare l’esperienza, scrivi a info@turismoinlanga.it o chiamaci al numero 0173 364030

Clicca qui per vedere il trailer dell’evento! 

 

LA CARBONARA PERFETTA

 

Gli spaghetti alla carbonara sono, insieme alla torta di mele, la prima ricetta che abbia mai realizzato tutta da sola. L’imperativo, secondo mio padre, era di non scaldare assolutamente il composto di uova, pena la coagulazione delle stesse e l’effetto “uova strapazzate” che tanto non ci piace! Ecco alcuni, semplici, accorgimenti per non sbagliare e per ottenere una carbonara a regola d’arte!

 

Per la ricetta ed il video tutorial clicca su:

https://unabloggerincucina.it/la-carbonara-perfetta/