CORONAVIRUS, LETTERA DI UNA PRESIDE AI SUOI STUDENTI (Patrizia Venditti)

Cari ragazzi, care ragazze

 

è ormai un mese che non vi vedo più in giro tra i corridoi, nelle aule, nei cortili, sulle scale della scuola, che nessuno di voi mi saluta o viene a trovarmi per fare quattro chiacchiere o per beccarsi una ramanzina. 

E questo per ragioni che nessuno avrebbe mai potuto immaginare neanche due mesi fa. Non ve le ripeto, queste ragioni: già tutto il giorno è scandito da notizie, immagini e restrizioni che ci costringono a ricordarle.  Vorrei, invece, dirvi alcune cose che secondo me, meritano la vostra attenzione.

La prima è che, come avete potuto vedere, nella vita niente è immutabile, niente è scontato, niente è un diritto acquisito per sempre: fino a ieri era normale e forse anche un po' noioso, uscire a fare due passi con gli amici, andare a scuola, avere tutte le comodità o vivere in miseria.

Oggi non è più così, domani chissà...

Allora, contrariamente a quello che molti dicono, attaccarci alla routine, continuare a vivere come se niente fosse successo è insensato: sarebbe una negazione dell’evidenza, un mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi, per non vedere.

La verità è che ogni giorno è un dono, un piccolo miracolo. Anche i giorni brutti, che ci insegnano che possiamo farcela ad arrivare fino a sera, che siamo più forti delle situazioni avverse. Quindi, vi invito caldamente a resistere e, nello stesso tempo, a credere fortemente che, una volta usciti da tutto ciò, nulla potrà più essere la solita routine, il solito trantran quotidiano.

Il primo motivo l’ho già detto.

Il secondo è che se riusciremo a stare nelle situazioni senza farci sopraffare dallo sconforto, pian piano crescerà la fiducia in noi stessi, nelle nostre capacità di adattamento e sopravvivenza e sicuramente saremo più forti, decisi e, spero, più umani. Dopo questa esperienza, mi auguro vivamente che  cambi – e non solo per voi giovani... – l’ordine delle cose importanti e al primo posto balzi l’impegno di ciascuno nella cura reciproca e nella salvaguardia della vita in ogni sua forma,  il coltivare gli affetti, la solidarietà, la compassione, l’empatia. Anche lo studio, perché c’è bisogno della vostra intelligenza e del vostro intuito per rendere questo nostro pianeta un posto più vivibile, per evitare altre catastrofi irrimediabili. E quando parlo di studio parlo anche e soprattutto dello studio di voi stessi: approfittate di questo tempo per prendervi cura e dare voce ai vostri sentimenti, alle vostre aspirazioni, ai vostri sogni. Per fare le cose che non avete mai trovato il tempo di fare: suonare uno strumento, scrivere una poesia, un diario, dipingere una tela o un semplice foglio, costruire un modellino di lego o quel che vi pare. Prendetevi cura di voi stessi, soprattutto voi maschi, concedendovi anche il tempo di piangere e di sentirvi fragili. Ricordatevi che il coraggio non è assenza di paura ma agire nonostante la paura per superare l’ostacolo e fare ciò che è giusto non solo per sé stessi ma per tutti.

Un ultimo suggerimento: cercate di mantenervi di buon umore, di guardare le situazioni anche dal lato comico. Ridere fa bene alla salute, fa affrontare meglio le difficoltà, allenta la tensione e lo stress. Non è vero, come dice il proverbio popolare che il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi. E’ invece segno di saggezza, di resilienza, di forza d’animo. Vi aiuta a sopportare questa notte boreale, a mantenere la speranza e la voglia di vivere sempre accesa. Pensate a quelle grandi opere come il Decamerone, le Mille e una notte e tante altre ancora nate nei momenti più tragici per l’umanità e destinate a fare passare la nottata in allegria e in compagnia di una voce, di un racconto, di un canto.

In bocca al lupo, carissimi. E con la speranza di rivedervi presto, vi abbraccio tutti

 

La vostra preside

 

Patrizia Venditti

 

 

(volontaria di MenteInPace)

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------