IN TEMPO DI COVID 19 (Alice Lorenzin)

Dalla chat whatsApp di MenteInPace

 

IN TEMPO DI COVID 19

 

 

 

 

Piccolo esercizio di stile su eventi di scarso interesse, in tempo di Covid 19 (ovviamente nessuno è costretto, nemmeno per educazione, a leggere queste righe, le scrivo per me, esercizio dicevo).

 

Mi comporto bene, seguo le regole e non esco quasi mai.

I miei giovani dirimpettai, che stanno lì da poco, si sono offerti tramite bigliettino infilato sotto la porta di farmi la spesa. Quasi non li conoscevo prima, la spesa me la lasciano davanti alla porta poi entrano in casa loro e mi avvertono via whatsapp... La cosa mi sembra piuttosto allucinante, che mondo strano.

Non ci vediamo ma ogni giorno adesso ci scambiamo messaggi, perlomeno buongiorno e buona sera. Cerco di fare commenti un pò spiritosi, quando l'umore lo consente, per non essere noiosa.

Oggi invece decido di uscire io per comperare mascherine e ho anche una gran voglia di buon pane fresco.

La farmacia vicina, le mascherine non le ha : domani. La panetteria è chiusa.

Proseguo audacemente verso piazza Galimberti, è un po’ che non mi sono inoltrata così lontano.... A un certo punto, non so perchè, giro a destra e mi ritrovo in via Seminario. Passo davanti al negozio di ferramenta, è aperto. Guardo da fuori e mi accorgo che ha prodotti disinfettanti. Ah, bene, cose utili, entro, mi si dice che ci sono anche le mascherine, due tipi che mi vengono dettagliatamente illustrati, scelgo il modello da 13 €, per come si presenta mi sembra caro ma pare che si possa lavare varie volte a 30° e che scada il 25 luglio. Mi sembra strana, questa scadenza, la mascherina è ben chiusa in una busta sigillata. Leggo l'etichetta, « è costituita da 4 strati di cui 2 di filtro » e ha « una valida protezione antibatterica », è  prodotta a Nichelino da « The Kondor ». Se la produce The Kondor, posso sicuramente stare tranquilla...

Mentre pago, dalla borsa mi cade il telefonino ma non lo sento quindi resta lì, invece io me ne vado, ignara.

Raggiungo la piazza. Vedo una fila di gente. Ognuno si trova a quella che si usa definire distanza di sicurezza dal precedente e dal seguente (che poi sarà veramente così ? magari il nostro comune nemico chiamato Covid viaggia su tratti più lunghi per raggiungere qualche cellula umana nella quale infilarsi per restare vivo e riprodursi).

E' gente che aspetta per fare la spesa al piccolo Mercatò. Decido di andare a

vedere come stanno le cose un po’ più avanti, da Giraudo. È aperto e non c'è quasi nessuno. Al piano c'è un mini market, ben rifornito e sotto, in fondo, oltre al reparto caramelle e dolciumi chiuso, si trova il reparto fresco, salumi, formaggi, gastronomia. Mi viene l'acquolina in bocca, guardo, scelgo, cedo anche alla tentazione del guanciale per cucinarmi una pasta all'amatriciana, e mi accorgo che c'è persino del pane fresco.

Sono a posto.

Mi riavvio, e quando sono in piazza Galimberti vedo col mio telefono qualcuno che si sbraccia, sembra, nella mia direzione. Siccome sono miope, presbite, ho una maculopatia in atto e la cataratta da operare, devo proprio avvicinarmi per accorgermi che è una mia amica. Mi chiede dov'è il mio telefono, sgrano gli occhi e indico la borsa. Mi dice che l'hanno chiamata ; il mio Oppo, la marca del dispositivo –chissà perchè provo antipatia per questa parola, dispositivo – mi aspetta nel negozio di ferramenta. Tra i miei contatti, il signor ferramenta ha chiamato proprio lei che abita come me nel centro storico. Fortuna. E' andata a casa mia e ovviamente non mi ha trovata. Comunque mi spiega la vicenda e mi tocca tornare dal signor ferramenta : non devo ringraziare lui ma il cliente onesto che ha visto l'oggetto a terra e glielo ha consegnato. Ringrazio mentalmente il signor non so chi. Di questi tempi, il telefono serve più del solito.

Tutto è bene ciò che finisce bene, e visto che non sapevo di aver perso il telefono, non mi sono nemmeno agitata....

Bello, una mattinata diversa e avventurosa …

A Pasqua, io e i miei gentili vicini condivideremo lo stesso pranzo pasquale, ordinato alla trattoria Roma e consegnato a casa loro. La mia parte, la depositeranno davanti alla mia porta e quando saranno tornati in casa loro, mi manderanno un messaggio whatsapp. Dopo pranzeremo tutti e tre, tra di noi il muro e commenteremo le pietanze via whatsapp.

 

 

Alice Lorenzin

Volontaria di MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 0

CINEMA SOTTO

LE STELLE

luglio 2024

APPELLO per la SALUTE MENTALE

delle Associazioni piemontesi

di utenti e familiari

24° INCONTRO NAZIONALE

LE PAROLE RITROVATE

Programma, informazioni e sistemazioni alberghiere

----------------------------------------------

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 996

VISITE 1475

aggiornato al 18/06/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------